Mercato azionario oggi: la migliore settimana del 2023 per Wall Street si avvia verso un traguardo senza macchia dopo il rapporto sul lavoro

NEW YORK (AP) – La migliore settimana dell’anno per Wall Street migliora ulteriormente venerdì dopo un rapporto più fresco del previsto sul mercato del lavoro.

L’S&P 500 è salito dello 0,7% nelle contrattazioni di mezzogiorno e si avvia a salire ogni giorno di questa settimana. Il Dow Jones Industrial Average era in rialzo di 169 punti, o dello 0,5%, alle 11:15 ora di New York, e il Nasdaq composito era in rialzo dello 0,9%.

Questa settimana le azioni sono aumentate di oltre il 5% in rialzo spera che la Federal Reserve abbia finalmente finito con i suoi aumenti dei tassi di interesse che hanno schiacciato il mercato, che avevano lo scopo di tenere l’inflazione sotto controllo. Rapporto sull’occupazione di venerdì ha sottolineato che la pressione sull’inflazione si sta allentando dopo che il mese scorso è stato dimostrato che i datori di lavoro hanno assunto meno lavoratori di quanto previsto dagli economisti.

I rendimenti dei titoli del Tesoro nel mercato obbligazionario sono crollati subito dopo il rapporto sul lavoro, allentando ulteriormente la pressione che si era accumulata a Wall Street. Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso al 4,52% dal 4,67% di giovedì scorso e da oltre il 5% della scorsa settimana, quando aveva toccato il livello più alto dal 2007.

Si tratta di un’inversione di rotta improvvisa rispetto a appena una settimana fa, quando Wall Street vacillava dopo che l’indice S&P 500 era sceso del 10% al di sotto del suo massimo dell’anno. Ciò ha portato l’indice principale di Wall Street in quella che gli investitori chiamano una “correzione”.

See also  Coppa del mondo di rugby: il business del gioco

Prima di questa settimana, le azioni avevano faticato sotto il peso della crisi rendimenti dei titoli del Tesoro in rapido aumento. Tali rendimenti stavano a loro volta raggiungendo il tasso di interesse principale della Fed, che è superiore al 5,25% e al livello più alto dal 2001.

I rendimenti più elevati rallentano l’economia, danneggiano i prezzi degli investimenti e aumentano il rischio di qualcosa che si rompe all’interno del sistema finanziario, come i tre fallimenti bancari statunitensi di alto profilo che hanno scosso i mercati finanziari durante la primavera.

La Fed ha esercitato intenzionalmente tale pressione sull’economia, sperando di privare l’inflazione del suo carburante. Vuole che il mercato del lavoro si raffreddi, in particolare gli aumenti salariali destinati ai lavoratori. La Fed teme che aumenti salariali troppo elevati possano creare un circolo vizioso che manterrà alta l’inflazione.

Gli analisti hanno affermato che il rapporto sull’occupazione di venerdì ha offerto segnali incoraggianti per la Fed, con la retribuzione oraria media in aumento in ottobre rispetto a settembre meno del previsto, anche se ciò non significa ancora che il lavoro sia finito.

“I salari si sono raffreddati e, anche tenendo conto dell’impatto degli scioperi automobilistici, il ritmo dei posti di lavoro aggiunti sembra rallentare rispetto all’inizio dell’anno”, ha affermato Andrew Patterson, economista senior di Vanguard. “La Fed vorrà avere più prove del fatto che questo raffreddamento del mercato del lavoro rappresenta una tendenza prima di prendere una decisione su eventuali cambiamenti politici a dicembre”.

Naturalmente, il forte calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro di questa settimana potrebbe anche finire per danneggiare gli investitori azionari nel lungo periodo. Il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato questa settimana che la banca centrale potrebbe non aver bisogno di aumentare i tassi se il recente aumento dei rendimenti rimane “persistente”. Rendimenti così elevati potrebbero rallentare l’economia e spingere al ribasso l’inflazione da soli, senza richiedere alla Fed di aumentare nuovamente i tassi.

See also  Una coppia neozelandese arrabbiata perché un cane scoreggia su un volo di 13 ore riceve $ 1.400: rapporto

Una rapida regressione dei rendimenti dei titoli del Tesoro potrebbe rendere la Fed più nervosa e incoraggiarla a prendere in considerazione un nuovo aumento dei tassi. Il rendimento del decennale in appena una settimana ha già eliminato il rialzo di tutto ottobre.

Inoltre, il rallentamento del mercato del lavoro aumenta la pressione sulla crescita economica, e a Wall Street esistono ancora preoccupazioni su una possibile recessione, anche se l’economia è forte al momento.

Tuttavia, un mercato del lavoro statunitense in rallentamento è esattamente ciò che gli investitori volevano vedere perché potrebbe convincere la Fed a fermare la raffica di aumenti dei tassi di interesse che ha scatenato dall’inizio dello scorso anno.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, che rispecchia le aspettative per l’azione della Fed, è crollato al 4,87% dal 4,99% di giovedì scorso. Secondo i dati del CME Group, i trader stanno aumentando le aspettative su quando potrebbe avvenire il primo taglio dei tassi di interesse da parte della Fed, potenzialmente entro l’estate. Tali tagli possono agire come steroidi per i mercati finanziari.

Anche per gli investitori globali, “la Fed conta più di altre banche centrali”, e i deboli dati statunitensi sono “l’unico punto di svolta per i mercati”, hanno scritto gli strateghi del cambio della Bank of America in un rapporto di BofA Global Research.

Un rapporto separato pubblicato venerdì afferma che la crescita dei settori dei servizi statunitensi, come la finanza e l’edilizia, è stata più debole il mese scorso di quanto previsto dagli economisti. Anche il rapporto dell’Institute for Supply Management suggerisce un leggero calo dei prezzi.

See also  I dipendenti abbandonano gli happy hour in ufficio per restare a casa dopo il lavoro

L’entusiasmo per una Fed potenzialmente allentata è stato più che sufficiente a compensare il calo di Apple, che è il titolo più influente di Wall Street.

Il titolo statunitense di maggior valore è sceso dell’1,3% nonostante abbia riportato profitti più forti per l’ultimo trimestre di quanto previsto dagli analisti. Gli analisti hanno affermato che gli investitori probabilmente sono rimasti delusi Previsioni di Apple per le entrate per gli ultimi tre mesi del 2023.

Dal lato vincente di Wall Street c’è stato Expedia Group, che ha riportato risultati per l’ultimo trimestre più forti del previsto e ha detto che potrebbe riacquistare fino a 5 miliardi di dollari delle sue azioni. Le sue azioni sono aumentate del 16,1%.

Anche Cardinal Health è stata forte dopo il suo rapporto sugli utili migliore del previsto, ed è cresciuta del 7,9%.

Anche gli indici azionari sono saliti in gran parte dell’Europa e dell’Asia.

___

Hanno contribuito gli scrittori di AP Zimo Zhong e Matt Ott.

Leave a Comment