La debole domanda cinese di veicoli elettrici fa scendere i prezzi dei metalli per batterie

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I prezzi dei materiali chiave delle batterie come litio, cobalto e nichel sono diminuiti drasticamente quest’anno poiché le vendite di veicoli elettrici in Cina si stanno raffreddando e un aumento dell’offerta ha colpito il mercato.

Dall’inizio dell’anno, i prezzi del litio sono scesi di quasi il 70% e quelli del nichel del 40%, mentre il mercato del cobalto è in eccesso con prezzi che si aggirano leggermente al di sopra dei minimi storici, secondo i dati di Benchmark Mineral Intelligence, Refinitiv e Argo.

Gran parte del calo è dovuto al rallentamento della crescita della domanda di auto completamente elettriche in Cina. Le vendite sono raddoppiate nei primi nove mesi del 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma quest’anno il tasso di crescita è rallentato al 25%.

“Il mercato dei veicoli elettrici sta rallentando”, ha affermato Martin Jackson, responsabile delle materie prime per batterie presso CRU Group, una società di consulenza. “Oltre a ciò, le vendite di elettronica di consumo in Cina lo scorso anno sono diminuite a due cifre e prevediamo un’altra contrazione a due cifre quest’anno”.

L'istogramma di '000 unità mostra che le vendite cinesi di veicoli elettrici si stanno raffreddando quest'anno

Tuttavia, altri strateghi delle materie prime hanno affermato che il calo dei prezzi rappresenta più un ritorno alla normalità dopo l’hype che aveva spinto i mercati dei metalli per batterie in overdrive negli ultimi due anni.

Il calo dei prezzi delle materie prime sarà stato un sollievo per le aziende automobilistiche e i produttori di batterie che lo scorso anno hanno subito un aumento dei prezzi delle celle per la prima volta in oltre un decennio.

See also  Microsoft si avvicina all'accordo con Activision dopo che l'UE ha rifiutato una nuova indagine

I prezzi del litio, che in precedenza non erano mai saliti sopra i 25.000 dollari a tonnellata, hanno iniziato un enorme rally a metà del 2021 che li ha portati a un picco superiore a 80.000 dollari alla fine del 2022. Ora sono ricaduti a 23.000 dollari a tonnellata.

“Si tratta di un’esuberanza davvero irrazionale dell’inversione del 2021-22, piuttosto che di una sorta di enorme catastrofe e tristezza che si manifesta”, ha affermato Benjamin Hoff, responsabile globale della ricerca sulle materie prime presso Société Générale.

Le oscillazioni dei prezzi evidenziano come i mercati dei materiali per batterie stiano attraversando violenti alti e bassi, mentre i minatori cercano di aumentare rapidamente la produzione per soddisfare un previsto aumento della domanda di veicoli elettrici nel prossimo decennio.

Il grafico a linee di $ per tonnellata che mostra i prezzi del litio torna con i piedi per terra

Sarah Maryssael, responsabile strategia di Livent, uno dei maggiori produttori di litio al mondo, ha affermato al FT Mining Summit di questo mese che i prezzi delle materie prime per le batterie dei veicoli elettrici “continueranno a essere volatili” e “questa è una parte naturale del boom e ciclo di fallimento.

Ha aggiunto che la sfida per le case automobilistiche e i minatori che cercano di collaborare per aumentare rapidamente l’offerta è “come trovare la stabilità dei prezzi su entrambi i lati ma anche riconoscere che abbiamo a che fare con una risorsa scarsa?”

Il calo dei prezzi più recente è stato ancora più acuto perché la catena di approvvigionamento delle batterie è stata “ridotta delle scorte”, il che comporta l’utilizzo di materiale immagazzinato per produrre batterie anziché l’acquisto di nuove forniture, riducendo ulteriormente la domanda di materie prime. Gli elevati costi di finanziamento dovuti agli aumenti dei tassi di interesse hanno reso più costoso mantenere le scorte di materie prime.

See also  Il mercato immobiliare del Regno Unito registra il primo calo annuale dei prezzi in oltre un decennio

Il calo dei prezzi contribuirà a ridurre i costi dei veicoli elettrici perché la batteria rappresenta tra un quinto e un terzo del prezzo dell’auto. Tuttavia, il calo dei prezzi delle materie prime può richiedere mesi per manifestarsi, a seconda dei termini contrattuali tra minatori e clienti.

Il calo dei prezzi ha anche aperto una finestra ai gruppi minerari e ad altri per eseguire fusioni e acquisizioni man mano che i cartellini dei prezzi scendono.

Lunedì, il più grande produttore mondiale di litio, Albemarle, ha abbandonato la sua offerta da 4,3 miliardi di dollari per Liontown Resources dopo che Gina Rinehart, la persona più ricca d’Australia, ha acquisito una partecipazione strategica nel minatore australiano. Ciò ha fatto seguito all’accordo tra i due produttori di litio Allkem e Livent di fondersi a maggio in un accordo da 10,6 miliardi di dollari.

“Anche se i prezzi del litio stanno scendendo, le fusioni e acquisizioni nel settore stanno arrivando poiché saranno necessarie aziende su larga scala con potenza di fuoco finanziaria per fornire l’offerta”, ha affermato Reg Spencer, analista di Canaccord Genuity.

I prezzi del cobalto, nel frattempo, sono stati particolarmente colpiti perché viene prodotto come sottoprodotto nelle miniere di rame e nichel nella Repubblica Democratica del Congo e in Indonesia, rendendo difficile la riduzione delle forniture per bilanciare il mercato quando i prezzi scendono bruscamente.

Al CMOC cinese è stato vietato di esportare rame e cobalto dalla sua gigantesca miniera Tenke-Fungurume per 10 mesi fino ad aprile di quest’anno. Ciò ha creato un’enorme scorta di cobalto che la sua unità commerciale IXM sta lentamente immettendo sul mercato, mentre la sua miniera KFM ha iniziato a produrre quest’anno.

See also  Jim Jordan, alleato di Donald Trump, perde il voto per il presidente della Camera degli Stati Uniti
Istogramma della domanda e dell'offerta (%) che mostra l'eccesso di offerta previsto per i metalli delle batterie nei prossimi anni

“Il cobalto è uno dei mercati peggiori che abbia mai visto. Non riesco a ricordare un simile livello di eccesso di offerta”, ha detto Jim Lennon, consulente senior per le materie prime presso Macquarie. “Per i prossimi tre o quattro anni, l’aumento previsto dell’offerta sarà quasi il doppio della dimensione del mercato”.

Analisti e dirigenti presenti al jamboree annuale del London Metal Exchange la scorsa settimana hanno affermato di aspettarsi che i mercati del nichel e del cobalto saranno in eccesso di offerta per i prossimi due anni in un momento in cui i progressi tecnologici significano che c’è meno bisogno di questi materiali.

Ma Lennon ha aggiunto che una volta che la guerra degli sconti sui veicoli elettrici in Cina sarà passata e la domanda inizierà a salire, i prezzi potrebbero aumentare come “una molla a spirale” mentre i produttori acquistano materiali sia per produrre che per ricostituire le scorte.

Leave a Comment