World Travel Market Londra: i leader del settore parlano di turismo verde, conservazione e “vacanze lente”

I leader del settore turistico si sono riuniti a Londra per l’evento commerciale World Travel Market per discutere le ultime tendenze che plasmano il settore.

ANNUNCIO

L’evento commerciale World Travel Market a Londra mette in mostra le ultime tendenze che plasmano l’industria del turismo e dei viaggi, ora e in futuro.

Migliaia di rappresentanti si sono riuniti nella capitale del Regno Unito per concludere accordi, dibattere e discutere mentre il settore continua a riprendersi dalla pandemia di COVID-19.

“I viaggi di piacere sono tornati solo al 10% al di sotto dei livelli del 2019”, ha affermato Dave Goodger, amministratore delegato per l’EMEA di Tourism Economics. “Ma dobbiamo ricordare che il 2019 è stato un anno di punta. Quindi, il livello di viaggi che stiamo vedendo quest’anno è stato superato solo in tre anni nella storia.”

La ripresa arriva nonostante le incertezze economiche e geopolitiche, oltre a un’estate caratterizzata da temperature elevate e incendi devastanti in paesi come la Grecia.

“Direi che la sfida più grande per il futuro a lungo termine è la crisi climatica”, ha rivelato Dimitris Frangakis, segretario generale dell’Organizzazione nazionale greca del turismo. “La Grecia ha un piano specifico fino al 2030 per raggiungere la sostenibilità ambientale, affrontare le conseguenze del cambiamento climatico e, naturalmente, adattarsi alla nuova era.”

Valencia, in Spagna, attira i turisti con le sue spiagge, le sue bellezze naturali e la sua storia. Riconosciuta per il turismo sostenibile, la città è stata nominata Capitale verde europea 2024.

“L’antica sorgente del fiume è oggi una grande area verde, un grande viale verde”, ha detto a Focus Carlos Mazón Guixot, presidente del governo della Comunità Valenciana. “Stiamo lavorando così duramente per quanto riguarda i trasporti pubblici. È molto importante per noi. Per le nuove tecnologie energetiche. Solo non per un anno, ma per il resto della nostra vita.”

See also  I prezzi delle case nel Regno Unito stanno crollando al ritmo più rapido degli ultimi dieci anni

Dopo la pandemia, la sostenibilità significa anche tenere sotto controllo il numero dei viaggiatori. Venezia, ad esempio, prevede di imporre una tassa di cinque euro sugli escursionisti l’anno prossimo, nel tentativo di contrastare l’overtourism.

Anche altre destinazioni, come la Croazia, stanno riflettendo su cosa dovrebbero fare.

Martina Srnec dell’Ente nazionale croato per il turismo ha dichiarato a Focus: “Non possiamo usare la parola overtourism, forse solo in alcune città come Dubrovnik”.

“Noi, come Paese, non abbiamo ancora portato alcuna misura specifica. Ma ora è il momento giusto per le autorità locali e per i decisori di iniziare a pensarci. È importante perché vogliamo preservare il nostro Paese come è oggi”, ha aggiunto Martina.

Quando si tratta del numero dei viaggiatori, la Thailandia afferma che il suo approccio è basato sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Raffreddamento dei tradizionali punti caldi e apertura di altri luoghi all’interno del paese.

“Siamo più concentrati in termini di valore che i turisti spendono in Thailandia”, ha spiegato Siripakorn Cheawsamoot, vice governatore dell’Autorità per il turismo della Thailandia.

“La seconda cosa riguarda anche la dispersione del numero di turisti. Connettersi alla comunità locale, connettersi alle altre destinazioni, in tutta la destinazione. Questo è il modo in cui stiamo andando avanti.”

Anche i gusti dei viaggiatori si stanno evolvendo. Secondo una ricerca sul mercato dei viaggi nel mondo, per i Millennial e la generazione Z si tratta sempre più di esperienze e di liste dei desideri. E c’è una tendenza più ampia verso soggiorni più lunghi.

“Con coscienza di sostenibilità, quello che vediamo, lo chiamano vacanze lente. Quindi ci sono meno vacanze, ma sono molto più lunghe. E sono più concentrati, piuttosto che sul prendere il sole, più sull’esperienza,” ha detto Vasyl Zhygalo, il Portfolio Director del World Travel Market.

See also  Ark Investment Management di Cathie Wood acquista l'ETF Rize mentre si spinge in Europa

Un paese che offre alcune di queste esperienze è il Marocco. Vuole attirare 26 milioni di turisti all’anno entro il 2030, quasi il doppio del numero di quest’anno.

“Le persone desiderano vivere esperienze autentiche”, ha affermato Fatim-Zahra Ammor, ministro del turismo del Marocco. “Vogliono stare a contatto con la natura, assaggiare la cucina locale, incontrare le comunità locali. Cercano anche l’aria aperta: esperienze nella natura, lunghe passeggiate, montagna.”

ANNUNCIO

Si prevede che il settore globale dei viaggi e del turismo si riprenderà completamente nei prossimi due anni. Ma anche questo è un settore che sta cambiando, poiché prevede il 2024 e oltre.

Leave a Comment