La giornata migliore per i titoli del Tesoro da marzo, guidata dai segnali che la Fed potrebbe essere fatta

Contenuto dell’articolo

(Bloomberg) — Gli investitori obbligazionari stanno iniziando a scommettere che la peggiore sconfitta mai subita dai titoli del Tesoro statunitense potrebbe presto finire.

I rendimenti dei decennali statunitensi sono scesi maggiormente da marzo all’inizio degli scambi asiatici, dopo che i commenti accomodanti dei funzionari della Federal Reserve hanno alimentato la speculazione che il ciclo di inasprimento degli Stati Uniti fosse ormai terminato, mentre il nervosismo per la guerra tra Israele e Hamas ha aumentato la domanda di beni rifugio. La mossa è stata più pronunciata del normale poiché le negoziazioni di titoli del Tesoro in contanti sono state chiuse in tutto il mondo lunedì per una festività negli Stati Uniti.

Contenuto dell’articolo

Lunedì due funzionari della Fed hanno espresso l’idea che il recente aumento dei rendimenti statunitensi potrebbe aver contribuito in parte a inasprire le condizioni finanziarie per loro.

I relatori della Fed “sembravano più o meno sulla stessa lunghezza d’onda nel notare che rendimenti obbligazionari più elevati e condizioni finanziarie più restrittive influenzeranno il loro pensiero sul tasso dei fondi Fed”, ha affermato Andrew Ticehurst, stratega dei tassi presso Nomura Inc. a Sydney. “I prezzi di mercato suggeriscono che la Fed probabilmente non aumenterà i tassi quest’anno”, ha detto, aggiungendo che potrebbe esserci ancora il rischio di un aumento finale del livello “assicurativo”.

Il vicepresidente della Fed, Philip Jefferson, ha affermato di considerare l’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro come un potenziale ulteriore freno all’economia, anche se il tasso di inflazione rimane troppo elevato. La collega politica Lorie Logan ha affermato che il recente aumento dei rendimenti a lungo termine potrebbe indicare una minore necessità per la banca centrale di aumentare nuovamente i tassi.

See also  Il Picture Show: NPR

Gli swap datati alla riunione della Fed mostrano ora una probabilità del 65% circa che la banca centrale rimanga invariata a dicembre, rispetto al 60% di probabilità di un altro aumento entro quella data, solo una settimana fa. Sono ancora più fiduciosi che i politici non aumenteranno i tassi in nessuno degli altri incontri fino alla metà del 2024.

Contenuto dell’articolo

I rendimenti dei decennali statunitensi sono scesi di 18 punti base al 4,62%, il calo giornaliero più significativo dal 22 marzo. I rendimenti a due anni sono scesi di 16 punti base al 4,92%.

Le obbligazioni di altri mercati hanno registrato un rally insieme ai titoli del Tesoro. I rendimenti dei decennali australiani sono scesi di nove punti base, mentre quelli dei titoli neozelandesi con scadenza simile sono scesi di sette punti base. Il calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro ha anche causato l’indebolimento del dollaro rispetto alla maggior parte dei suoi omologhi del Gruppo dei 10, rafforzando al contempo i titoli asiatici.

“Con la rapida escalation degli eventi in Medio Oriente e la recente svendita obbligazionaria che spinge i rendimenti a lungo termine verso nuovi massimi pluridecennali, i politici saranno riluttanti ad aumentare i prezzi”, ha scritto Althea Spinozzi, senior strategist del reddito fisso presso Saxo Bank A/S. in una nota di ricerca.

Le speranze degli investitori obbligazionari nella fine dei rialzi dei tassi erano già deluse. Un rally dopo la crisi bancaria che ha portato i rendimenti a 10 anni al 3,25% in aprile è stato seguito da ondate di vendite mentre la Fed continuava a inasprire la politica.

I rendimenti dei titoli del Tesoro sono aumentati negli ultimi mesi a causa dei timori che l’inflazione persistente convincerà la Fed a mantenere i costi di finanziamento più alti più a lungo. L’indice del debito pubblico statunitense è sceso del 2,6% quest’anno, avviandosi verso un terzo anno di perdite.

See also  Le vendite salgono alle stelle per l’azienda farmaceutica dimagrante Novo Nordisk

Il recente rialzo dei rendimenti “potrebbe dare alla Fed un motivo in più per una pausa nel breve periodo, ma è troppo presto per considerare questa una giustificazione per la fine del ciclo”, ha affermato Robert Thompson, stratega dei tassi macro presso la Royal Bank of Canada a Sydney. .

Finora gli aumenti dei tassi della Fed non sono riusciti a riportare l’inflazione al di sotto dell’obiettivo del 2% della banca centrale, e l’economia statunitense sembra ancora resiliente. Quest’anno i rendimenti sono aumentati anche a causa dei timori per l’aumento delle emissioni di titoli del Tesoro, necessari per finanziare l’ampliamento dei disavanzi pubblici.

Condividi questo articolo sul tuo social network

Leave a Comment