Come l’accordo da 3,3 miliardi di dollari con Credit Suisse di UBS ha generato 9 miliardi di dollari di azioni legali

Il governo svizzero è riuscito a scongiurare una spirale di crisi bancaria europea quando ha orchestrato l’acquisizione da 3,3 miliardi di dollari di Credit Suisse da parte di UBS sei mesi fa, ma il dolore a lungo termine è appena iniziato, con 9 miliardi di dollari di azioni legali già presentate e altri casi in cantiere .

Gli investitori in titoli di debito hanno perso terreno quando 17 miliardi di dollari di debito del Credit Suisse sono stati azzerati durante il salvataggio negoziato frettolosamente, mentre gli azionisti hanno ricevuto circa un decimo di quanto sarebbe valso il loro capitale tre anni fa.

I potenziali ricorrenti hanno tre obiettivi: Finma, l’autorità di regolamentazione svizzera che ha ordinato la svalutazione dei 17 miliardi di dollari di “obbligazioni aggiuntive di livello 1” del Credit Suisse; il governo svizzero, che ha architettato l’accordo di salvataggio e ha introdotto una legge di emergenza per renderlo possibile; e la stessa UBS.

Finma

Finora il regolatore svizzero è stato l’obiettivo principale.

Le controversie riguardano principalmente gli AT1, una forma di debito bancario che può essere convertito in azioni o cancellato quando gli istituti di credito si trovano in difficoltà. I detentori di AT1 del Credit Suisse sostengono che il fattore scatenante che avrebbe consentito la svalutazione delle obbligazioni – un cosiddetto evento di vitalità – non si è verificato e quindi la Finma ha agito in modo avventato cancellandole.

Forzando le perdite sugli investitori AT1 e consentendo agli investitori azionari di ricevere un certo valore per le loro azioni, la Finma ha ribaltato la tradizionale gerarchia del capitale: una mossa dalla quale la Banca Centrale Europea e la Banca d’Inghilterra si sono affrettate a prendere le distanze.

Ma la Finma, che sta cercando un sostituto amministratore delegato dopo che Urban Angehrn si è dimesso a causa dello stress il mese scorso, ha costantemente sostenuto che gli AT1 sono stati progettati per proteggere i contribuenti dal sostenere da soli il costo delle banche fallite. Ha insistito sul fatto che, senza la svalutazione degli AT1, UBS non sarebbe stata disposta ad acquistare Credit Suisse. Senza un acquirente alternativo nel quadro della trattativa, la nazionalizzazione sarebbe stata l’unica alternativa.

See also  Il giudice rimuove i riferimenti al massacro di Tulsa dall'ordine di revisione del Dipartimento di Giustizia

Lo studio legale internazionale Quinn Emanuel Urquhart & Sullivan ha già presentato ricorso al tribunale svizzero di San Gallo per conto di 1.000 investitori con più di 6 miliardi di dollari di partecipazioni in AT1. Un caso simile avviato dalla società Pallas con sede a Londra ha quasi 800 ricorrenti che possiedono collettivamente 2,5 miliardi di dollari di AT1 del Credit Suisse.

Anche aziende come Withers e Drew & Napier a Singapore hanno avviato azioni legali, poiché gli AT1 erano particolarmente popolari tra i ricchi investitori asiatici a causa dei loro tassi di interesse più elevati rispetto ad altre obbligazioni e della sicurezza percepita rispetto alle azioni. Complessivamente, le due società di Singapore rappresentano in totale circa 300 ricorrenti e 250 milioni di dollari di AT1. Sono in lavorazione altri casi sia nei tribunali internazionali che nazionali.

La Finma è nel mirino anche di un altro gruppo che ha perso centinaia di milioni di dollari durante l’acquisizione: gli attuali ed ex collaboratori del Credit Suisse che hanno ricevuto una forma di bonus simile agli AT1.

I premi in capitale contingente risalgono al 2014, quando al personale a livello di amministratore delegato e direttore venivano offerti come parte della loro remunerazione.

Tuttavia, 400 milioni di dollari di CCA sono stati spazzati via quando la Finma ha cancellato gli AT1 a marzo. Gli studi legali svizzeri che lavorano per conto dei dipendenti attuali ed ex del Credit Suisse hanno intentato causa a San Gallo contro l’autorità di regolamentazione.

Svizzera

Diversi studi legali hanno iniziato a mettere insieme richieste di arbitrato contro la nazione svizzera attraverso il Centro internazionale per la risoluzione delle controversie sugli investimenti a Washington DC.

Questi si basano sui trattati di investimento che la Svizzera ha concluso con più di 120 paesi in tutto il mondo, progettati per proteggere gli investitori dal rischio che i governi esproprino i beni attraverso la nazionalizzazione.

“Tradizionalmente, i trattati di investimento erano gli scudi che gli investitori occidentali proteggevano dai mercati meno sviluppati, proteggendoli da trattamenti ingiusti da parte dei governi ospitanti”, ha affermato Kher Sheng Lee, co-responsabile dell’Asia Pacifico dell’Alternative Investment Management Association, che questo mese ha organizzato un evento per AT1 titolari nella regione.

See also  kotak: Tutto il merito va a Ed Sheeran poiché il business delle carte della banca Kotak riceve un grande impulso

“Ora stiamo assistendo a un’affascinante inversione di ruolo, in cui gli investitori di questi mercati ’emergenti’ li utilizzano per sfidare la Svizzera, che avrebbe dovuto essere un baluardo della stabilità finanziaria.”

Drew & Napier sta portando avanti uno di questi casi, mentre Allen & Overy sta sollecitando i ricorrenti per un caso separato finanziato dal gruppo finanziario Omni Bridgeway.

Un’altra azienda, la Quinn Emanuel, sta esplorando un approccio alternativo: citare in giudizio la Svizzera attraverso i tribunali statunitensi. Le nazioni sovrane sono generalmente immuni dalle azioni legali negli Stati Uniti. Ma l’azienda ritiene di poter convincere il giudice che gli investitori dovrebbero poter citare in giudizio la Svizzera in questo caso.

Gli investitori in un altro caso intentato da Quinn Emanuel che coinvolge YPF, la major petrolifera argentina, hanno recentemente vinto un premio di 16 miliardi di dollari attraverso i tribunali di New York dopo che un giudice ha stabilito che il paese sudamericano aveva illegalmente rinazionalizzato la società.

Si tratta di una delle più gravi sentenze pronunciate contro un sovrano straniero da parte dei tribunali statunitensi, e potrebbe costituire un utile precedente per gli azionisti di Credit Suisse i quali sostengono che, approvando una legge per organizzare la vendita a prezzo ridotto della banca a UBS, gli svizzeri il governo di fatto espropriò i loro beni.

Quinn Emanuel potrebbe sporgere denuncia contro la Svizzera entro la fine di quest’anno.

UBS

Il terzo obiettivo perseguito dagli investitori è il maggiore beneficiario dell’acquisizione: UBS.

La società britannica Pallas è vicina ad avviare un procedimento contro la banca svizzera per il ruolo di Credit Suisse nella svalutazione delle obbligazioni AT1, anche se le è stato chiesto di farlo dal governo e dalla Finma affinché l’acquisizione potesse andare avanti.

“La reazione ragionevole del Credit Suisse – ora UBS – sarebbe stata quella di contestare la decisione di svalutare gli AT1”, ha affermato Fiona Huntriss, partner di Pallas. “Non è sufficiente dire ‘mi è stato detto di farlo dal mio regolatore’.”

See also  Bluevine lancia tassi di interesse ad alto rendimento per le PMI

E almeno due ricorsi sono stati presentati da gruppi di investitori azionari del Credit Suisse al tribunale commerciale di Zurigo, sostenendo che gli azionisti dovrebbero essere risarciti da UBS per l’affare negoziato.

Secondo la legge svizzera, gli azionisti di una società rilevata che si sentono inadeguati possono ricorrere al giudice per ottenere un compenso “adeguato”. In questo caso gli avvocati sostengono che UBS dovrebbe pagare l’eventuale risarcimento stabilito.

L’istituto di credito svizzero ha reso noto il mese scorso un profitto trimestrale di 29 miliardi di dollari – il record per una banca – che è stato quasi interamente dovuto a un guadagno contabile realizzato con l’accordo con Credit Suisse.

“Se si considerano gli utili straordinari, ciò indica che il prezzo pagato da UBS per Credit Suisse è stato decisamente troppo basso”, ha affermato Arik Röschke, segretario generale dell’Associazione svizzera per la protezione degli investitori (SASV), che ha presentato ricorso al tribunale commerciale di Zurigo in agosto per conto di 1500 azionisti del Credit Suisse.

Un’altra causa organizzata dalla start-up losannese LegalPass ha attirato 3.000 ricorrenti. Sia la SASV che LegalPass hanno rifiutato di rivelare l’entità delle loro richieste.

UBS ha sostenuto che il guadagno contabile di 29 miliardi di dollari non dovrebbe essere visto come un profitto tradizionale perché sarà utilizzato principalmente per sostenere le attività di Credit Suisse e rafforzare la forza patrimoniale della banca combinata.

Tuttavia, i 3,3 miliardi di dollari pagati da UBS per Credit Suisse erano meno della metà del valore di mercato della banca nell’ultimo giorno di negoziazione prima della conclusione dell’accordo e una frazione del suo valore contabile.

La prospettiva che le sfide legali si trascinino per anni minaccia di rivelarsi una distrazione per i dirigenti che cercano di portare a termine con successo la fusione bancaria più significativa dai tempi della crisi finanziaria globale.

“Devono decidere se è meglio una fine dolorosa o un dolore senza fine”, ha detto Röschke della SASV.

Finma, UBS e il governo svizzero hanno rifiutato di commentare.

Leave a Comment