La Russia alza il tasso di interesse al 13% mentre l’economia è in difficoltà

Venerdì la Banca Centrale Russa ha alzato il tasso di riferimento di un punto percentuale al 13%, un mese dopo aver imposto un aumento ancora maggiore.

Persistono le preoccupazioni sull’inflazione e il rublo continua a lottare contro il dollaro. Ad agosto la banca ha aumentato il tasso di prestito al 12% – un aumento di 3,5 punti percentuali – mentre il rublo è sceso a 100 rispetto al biglietto verde.

ANNUNCIO

E, anche se il tasso di cambio del rublo è leggermente migliorato dopo l’aumento del tasso, rimane intorno a 95 rispetto al dollaro, significativamente più debole rispetto a un anno fa, quando veniva scambiato a circa 60 rispetto alla valuta statunitense.

Aumentando i costi di finanziamento, la banca centrale sta cercando di combattere l’aumento dei prezzi mentre la Russia importa di più ed esporta di meno, soprattutto petrolio e gas naturale, con l’aumento della spesa per la difesa e le sanzioni che fanno pagare il prezzo. Importare di più ed esportare di meno significa un surplus commerciale minore, che in genere grava sulla valuta di un paese.

“I proventi delle esportazioni derivanti dalla vendita del petrolio sono la nostra più importante fonte di reddito. Questi redditi sono già diminuiti di circa il 40-45% e sembra che questa tendenza continuerà”, ha affermato Ruslan Grinberg, direttore scientifico dell’Istituto di Economia dell’Università di Washington. Accademia russa delle scienze.

Anche la disoccupazione, o la sua assenza, è un problema. Anche prima della guerra, la Russia aveva un problema con il suo basso tasso di natalità, il che significava che aveva una forza lavoro più piccola a cui attingere. Dopo l’invasione c’è stata una fuga di cervelli di talenti verso gli ex stati sovietici come la Georgia e molti uomini sono stati arruolati nell’esercito.

See also  Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche seguono i guadagni di Wall Street in vista della decisione della Fed sui tassi di interesse

“L’economia russa sta lavorando al limite, al limite assoluto delle sue capacità. E questo può essere verificato, prima di tutto, da un indicatore come la disoccupazione, che è a livelli storicamente bassi. Ciò significa che non c’è letteralmente nessuno lavorare nel Paese”, ha spiegato Alexandra Prokopenko, del Centro per gli studi sull’Europa orientale e internazionale con sede a Berlino.

“Quando non c’è nessuno che lavori, significa che la capacità produttiva è spinta oltre i limiti ragionevoli. Quindi l’economia russa sta facendo del suo meglio per superare la pressione che sta affrontando dopo che Vladimir Putin ha deciso di invadere l’Ucraina”.

Eppure il governo russo ha recentemente migliorato le sue previsioni di crescita economica per il 2023 al 2,8% e ha previsto che il prossimo anno il PIL aumenterà del 2,3%.

Leave a Comment