La SEC chiede di archiviare la causa contro i dirigenti di Ripple

La Securities and Exchange Commission ha chiesto a un giudice federale di archiviare la causa contro il CEO di Ripple Brad Garlinghouse e il co-fondatore della società di criptovaluta, Chris Larsen, secondo i documenti del tribunale depositati giovedì.

La mossa annulla un processo, previsto per il prossimo anno, che avrebbe esplorato se Garlinghouse e Larsen abbiano violato le leggi sulla protezione degli investitori vendendo 1,4 miliardi di dollari del token di Ripple, XRP, che la SEC ha etichettato come un titolo senza licenza quando ha citato in giudizio i dirigenti nel 2020.

Ripple, in un comunicato stampa giovedì, ha definito la richiesta della SEC una “straordinaria capitolazione da parte del governo”.

Stuart Alderoty, il responsabile legale della società – forse in modo più specifico – pubblicato su X, precedentemente Twitter: “Questo non è un accordo. Questa è una resa da parte della SEC”.

Successivamente, secondo la documentazione del tribunale, gli avvocati di Ripple e della SEC si incontreranno per discutere “quali rimedi siano adeguati”. Ciò si riferisce a una sanzione indeterminata per la parte delle vendite XRP ritenuta illegale da un giudice.

Il giudice Analisa Torres della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York ha stabilito a luglio che XRP è un titolo quando viene venduto a investitori istituzionali ma non al pubblico in generale. La sentenza mette Ripple in difficoltà per 728,9 milioni di dollari di vendite di titoli senza licenza, ma altri 757 milioni di dollari non si applicano.

A Ripple non verrà chiesto di rimborsare l’intero importo di 728 milioni di dollari, ha detto Garlinghouse al Wall Street Journal, perché gran parte di essi è andata ad acquirenti esteri, sui quali la SEC non supervisiona.

See also  Trovata collabora con JPMorgan per semplificare la gestione della tesoreria

La SEC ha rifiutato di commentare il Wall Street Journal, Reuters o CoinDesk.

“Per quasi tre anni, Chris e io siamo stati oggetto di accuse infondate da parte di un regolatore canaglia con un programma politico”, ha detto Garlinghouse nel comunicato stampa di giovedì. “Invece di cercare i criminali che rubano i fondi dei clienti sugli scambi offshore che corteggiano il favore politico, la SEC ha perseguito i bravi ragazzi – insieme a tutta la nostra azienda di innovatori e imprenditori – che stanno costruendo un business regolamentato con sede negli Stati Uniti”

Ripple ha affermato che attualmente circa il 90% della sua attività è al di fuori degli Stati Uniti, con assunzioni concentrate sui mercati internazionali. A maggio, infatti, la società ha accettato di acquistare la società svizzera di custodia di criptovalute Metaco per 250 milioni di dollari.

Prima della causa della SEC, XRP era considerato il terzo token crittografico più prezioso al mondo. Ma ha perso il 60% del suo valore entro una settimana dall’azione legale.

Abbandonando il caso, la SEC “può procedere in appello contro la decisione di Ripple molto prima, altrimenti avrebbero dovuto aspettare fino alla conclusione del processo nella tarda primavera.” Katherine Kirkpatrick Bosdirettore legale di Cboe Digital, ha twittato.

Elliott Stein, un analista di Bloomberg, ha detto che la SEC forse “voleva evitare che durante il processo venissero alla luce fatti negativi che avrebbero potuto mettere a repentaglio la vittoria ottenuta dalla SEC sulle vendite istituzionali dirette”.

La mossa consentirebbe inoltre alla SEC di investire le proprie risorse in casi contro aziende di criptovalute più grandi come Coinbase e Binance, che anche l’autorità di regolamentazione ha citato in giudizio, per presunte violazioni dei titoli.

See also  IDBI Bank ha attività fiscali differite di Rs 11.520 cr, 120 proprietà in 7 città

Garlinghouse, da parte sua, ha detto al Wall Street Journal che avrebbe potuto accordarsi con la SEC anni fa per meno di quanto Ripple ha speso in spese legali, ma ha scelto di lottare “per l’industria”.

“Abbiamo sempre creduto che il caso fosse infondato e che la SEC abbia aggravato il suo errore prendendo di mira personalmente Brad, che non ha fatto assolutamente nulla di male”, ha detto al Wall Street Jounal Matt Solomon, un partner di Cleary Gottlieb Steen & Hamilton che rappresentava Garlinghouse. “Di fronte alla prospettiva di dover dimostrare in tribunale le restanti pretese contro Brad, l’agenzia ha avuto ragione ad abbandonarla.”

Larsen, definendo la causa un “tentativo preoccupante di abusare delle regole per promuovere un’agenda politica volta a soffocare le criptovalute in America, ha affermato che la SEC dovrebbe affrontare “domande sull’origine e sulla motivazione di questa causa”.

“È una parodia che siamo stati costretti a difenderci da un attacco sconsiderato che era viziato dal giorno in cui è stato presentato”, ha detto Larsen nel comunicato stampa di giovedì.

Leave a Comment