L’amministratore delegato di Mediobanca vince nella lotta per il potere con i migliori investitori

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Gli azionisti di Mediobanca hanno appoggiato la lista di amministratori proposta dal consiglio uscente dell’istituto di credito milanese, segnando una vittoria per il management nella sua lotta di potere con i principali azionisti.

Gli investitori hanno consegnato all’amministratore delegato di lunga data Alberto Nagel e al presidente Renato Pagliaro un nuovo mandato triennale alla guida della banca d’investimento italiana.

Il voto di sabato ha contrapposto i candidati guidati da Nagel e Pagliaro a una lista di minoranza di cinque amministratori proposta dal maggiore azionista della banca, la Delfin, holding della famiglia miliardaria Del Vecchio.

I candidati approvati dal consiglio sono stati sostenuti da azionisti che rappresentavano il 40,4% del capitale azionario, assegnando loro 12 seggi nel consiglio.

La società dei Del Vecchio aveva cercato di assicurarsi almeno un terzo dei seggi nel consiglio di amministrazione composto da 15 persone, come parte di una spinta per scuotere la gestione della banca.

La lista di Delfin era sostenuta da azionisti che rappresentavano il 32% del capitale sociale. Delfin detiene quasi il 20% delle azioni di Mediobanca, mentre il magnate dell’edilizia Francesco Gaetano Caltagirone, che ha sostenuto la lista, detiene circa il 10%.

Sebbene Delfin avesse il sostegno di Caltagirone – anche uno dei principali azionisti della più grande compagnia assicurativa italiana, Generali, insieme a Delfin e Mediobanca – le agenzie di delega hanno consigliato agli azionisti di sostenere i candidati appoggiati da Mediobanca, e la lista di minoranza alla fine si è assicurata solo due seggi.

See also  carta di credito: Canara Bank prepara una filiale per le attività di carte di credito

“Questo risultato supera di gran lunga le nostre più ottimistiche aspettative”, ha affermato Nagel, “il che significa che c’è stato un apprezzamento generale sia della nostra governance che delle nostre proposte commerciali”.

Una persona vicina a Delfin ha detto che il bilancio è “positivo e che i consiglieri eletti daranno sicuramente un contributo costruttivo allo sviluppo futuro di Mediobanca”. Addetti ai lavori hanno affermato che la sua priorità era quella di sostituire sia Nagel che Pagliaro entro la fine del nuovo mandato triennale del consiglio.

Sebbene Delfin abbia esercitato pressioni su Mediobanca affinché rinnovasse il suo consiglio di amministrazione e adottasse un approccio più audace per espandere le sue attività di gestione patrimoniale e di investment banking, Mediobanca questa settimana ha svelato profitti trimestrali record.

L’utile netto per i tre mesi terminati alla fine di settembre è stato di 351 milioni di euro, sostenuto dalle performance delle unità di gestione patrimoniale e assicurative. Si tratta di un aumento del 34% rispetto all’anno precedente.

Analisti e addetti ai lavori hanno suggerito che le macchinazioni ai vertici della prestigiosa banca italiana potrebbero essere collegate a una battaglia simile per il controllo di Generali, che ha contrapposto Caltagirone e Delfin a Mediobanca lo scorso anno.

Un consiglio di amministrazione frammentato di Mediobanca avrebbe aiutato Caltagirone, che dovrebbe effettuare un secondo tentativo di revisione del management di Generali nel 2025. Mediobanca è il maggiore azionista di Generali.

“Saremo sempre aperti al dialogo e ai suggerimenti che verranno dagli azionisti, soprattutto da quelli più importanti”, ha affermato Nagel.

Leave a Comment