FinCEN mette in guardia su Hamas e legami con le criptovalute

Venerdì la Financial Crimes Enforcement Network del Dipartimento del Tesoro ha emesso un avviso invitando le istituzioni finanziarie a vigilare nell’individuare attività sospette legate ad Hamas e segnalarle all’agenzia.

L’allerta è in risposta all’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, che ha lasciato più di 1.000 civili, compresi cittadini statunitensi, feriti, uccisi o presi in ostaggio. Il Dipartimento di Stato ha designato Hamas come organizzazione terroristica straniera nell’ottobre 1997, rendendola idonea alle sanzioni da parte del Dipartimento del Tesoro.

FinCEN rileva che Hamas finanzia le sue operazioni e i suoi membri attraverso vari mezzi, tra cui il sostegno dell’Iran, donazioni private, investimenti globali, dirottamento di aiuti di beneficenza, controllo dei valichi e del commercio, racket criminale, estorsione della popolazione locale e campagne di raccolta fondi che coinvolgono valute virtuali e falsi enti di beneficenza raccogliendo sia valuta fiat che virtuale.

“Hamas sposta fondi attraverso il contrabbando di valuta fisica e attraverso una rete regionale di trasmettitori di denaro, case di cambio e banche affiliate a Hezbollah”, ha affermato FinCEN.

L’agenzia ha identificato diversi segnali d’allarme per aiutare a individuare e segnalare potenziali attività sospette legate al finanziamento di Hamas, compreso il controllo dei clienti che effettuano transazioni con entità designate dall’Ufficio di controllo dei beni esteri o informazioni sulle transazioni come indirizzi, numeri di telefono o dettagli sulla valuta virtuale che possono essere collegati a gruppi o individui designati.

“Poiché nessun singolo segnale di allarme è determinante per un’attività illecita o sospetta, le istituzioni finanziarie dovrebbero considerare la totalità dei fatti e delle circostanze disponibili, come l’attività finanziaria storica di un cliente, se le transazioni sono in linea con le pratiche commerciali prevalenti e se il cliente mostra più segnali d’allarme, prima di determinare se un comportamento o una transazione sono sospetti”, ha osservato il dipartimento.

See also  Quest'anno RBC ha investito 2,95 miliardi di dollari nella City National per aumentare il capitale

FinCEN è invitato a vigilare se una transazione del cliente indica sostegno a “campagne terroristiche” o se un cliente effettua transazioni con un istituto finanziario, compresi fornitori di valuta virtuale, che opera in giurisdizioni ad alto rischio legate all’attività di Hamas ed è ragionevolmente sospettato di avere clienti deboli due diligence, proprietà opaca o mancato rispetto delle migliori pratiche antiriciclaggio.

Le istituzioni finanziarie devono anche prestare attenzione se un cliente effettua transazioni che coinvolgono entità che sono società di comodo, “società commerciali” in generale o mantengono collegamenti con l’Iran o altri gruppi terroristici sostenuti dall’Iran come Hezbollah. e la Jihad islamica palestinese.

Hamas ha messo in guardia in particolare dalle situazioni in cui un cliente di beneficenza senza scopo di lucro sollecita donazioni senza apparenti servizi di beneficenza o sostiene apertamente le operazioni di Hamas, se un cliente senza scopo di lucro riceve ingenti donazioni da una fonte sconosciuta e poi le trasferisce ad altri enti di beneficenza, o se un cliente effettua transazioni con soggetti noti o sospetti indirizzi di valuta virtuale associati a campagne di finanziamento del terrorismo: tutti dovrebbero essere attentamente monitorati per le attività legate ad Hamas.

Legami crittografici di Hamas

Giovedì FinCEN ha pubblicato un avviso di proposta di regolamentazione per aumentare la trasparenza nel mixaggio di valute virtuali convertibili e per combattere il finanziamento di attività dannose in tutto il mondo. La mossa ha fatto seguito a una lettera inviata martedì scorso al Dipartimento del Tesoro e alla Casa Bianca da 105 legislatori guidati dalla senatrice Elizabeth Warren, D-MA; Roger Marshall, R-KS, e il deputato Sean Casten, D-IL, affermavano che Hamas utilizzava risorse digitali per finanziare le proprie operazioni. I legislatori hanno esortato l’amministrazione Biden a reprimere l’uso delle criptovalute da parte di Hamas e dei suoi affiliati.

See also  La RBI impone una sanzione pecuniaria alla PNB, alla Federal Bank e a due NBFC

“Il Congresso e questa amministrazione devono intraprendere azioni forti per affrontare a fondo i rischi legati al finanziamento illecito delle criptovalute prima che possano essere utilizzate per finanziare un’altra tragedia”, si legge nella lettera, secondo Reuters.

Leave a Comment