La segretezza del credito privato fa preoccupare i cani da guardia: Credit Weekly

I prestiti rischiosi di credito privato sono vulnerabili ai tassi di interesse più elevati e alle crisi del debito, secondo gli osservatori di tutto il mondo che cercano maggiore trasparenza da parte del settore.

Contenuto dell’articolo

(Bloomberg) — Secondo gli osservatori di tutto il mondo che cercano maggiore trasparenza nel settore, i prestiti rischiosi del credito privato sono vulnerabili all’aumento dei tassi di interesse e alla crisi del debito.

Il Fondo monetario internazionale ha valutato i rischi per la stabilità finanziaria derivanti dalla classe di attività in rapida crescita da 1,5 trilioni di dollari, affermando che la trasparenza deve migliorare e che è necessario raccogliere più dati, anche sulle esposizioni transfrontaliere.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Contenuto dell’articolo

Il credito privato è un esempio “eminente” di un mercato “suscettibile di correzioni sostanziali a causa degli effetti ritardati dei tassi di interesse più elevati”, ha affermato martedì il FMI in un rapporto. Le “vulnerabilità” in quel mercato, tra le altre, potrebbero “presentare rischi alle banche” e ad altri finanziatori.

See also  Prezzi delle case tedeschi ai minimi storici

Gli avvertimenti arrivano dopo che Moody’s Investors Service ha dichiarato il mese scorso che la concorrenza tra banche e finanziatori diretti per le operazioni nel settore del buyout con leva finanziaria porterà probabilmente a ulteriori default. Qualsiasi corsa al ribasso su termini e prezzi potrebbe avere implicazioni di rischio sistemico più ampie, ha affermato la società di rating. Parti del mercato del credito privato statunitense hanno utilizzato una maggiore leva finanziaria per aumentare i rendimenti, il che significa che la minaccia potrebbe essere più sostanziale, ha avvertito la Banca d’Inghilterra a luglio.

“L’industria è cresciuta rapidamente e sta attirando l’attenzione perché ora è una parte importante dell’economia”, ha affermato Stuart Brinkworth, partner dello studio legale Mayer Brown. “Ma i regolatori faticano a comprendere l’asset class e per questo motivo la tendenza è quella di presumere che una maggiore regolamentazione debba essere la risposta”.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Il credito privato, dominato da aziende del calibro di Blackstone Group e Ares Management Corp., ha registrato un boom quando una regolamentazione più severa ha visto le banche ridimensionarsi dopo la crisi finanziaria, aprendo un’opportunità per i finanziatori diretti. Sono stati particolarmente attivi nei prestiti con leva finanziaria, approfittando della massiccia crescita di fusioni e acquisizioni da parte di società di private equity negli ultimi dieci anni.

L’asset class è più sicura di quanto suggerisca la sua reputazione di opacità, dicono i dirigenti degli istituti di credito, perché i gestori finanziari che investono nei fondi conoscono i rischi e la loro esposizione all’asset class è solitamente una piccola frazione del loro portafoglio più ampio. Gli investitori nei fondi sono generalmente vincolati per anni, il che significa che non possono ritirare i propri soldi con breve preavviso.

Tuttavia, alcuni organismi di vigilanza stanno introducendo in modo proattivo nuove misure per limitare la possibilità di contagio durante i periodi di turbolenza dei mercati.

La BOE, ad esempio, prevede di sviluppare una struttura di sostegno permanente per i soggetti non bancari, compresi i veicoli di investimento, che in genere comprende il credito privato. Lo strumento sarebbe disponibile in periodi di stress per alleviare eventuali rischi per la stabilità finanziaria.

See also  Pembina Pipeline ha bisogno di certezze per Trans Mountain prima di valutare un'offerta: amministratore delegato

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

All’inizio di quest’anno, l’Unione Europea ha raggiunto un accordo sulle nuove regole per i fondi di debito privato e altri gestori patrimoniali alternativi che imporranno loro di migliorare la gestione della liquidità. Secondo la dichiarazione di luglio, ciò aiuterà tutti i gestori di fondi ad affrontare grandi deflussi durante i periodi di turbolenza finanziaria.

“Crediamo che l’UE sarà l’eccezione”, ha affermato Jiří Król, vice amministratore delegato dell’Alternative Investment Management Association. “La maggior parte delle giurisdizioni globali eviterà di imporre norme prescrittive di questo tipo sui fondi di credito privati”.

Se verranno introdotte più normative, è probabile che l’impatto maggiore arriverà sotto forma di costi e rendimenti inferiori piuttosto che di cambiamenti nelle dimensioni o nelle strutture delle operazioni, dicono gli addetti ai lavori.

“Più regolamentazioni e più oneri amministrativi costeranno denaro ed è probabile che saranno gli investitori in primis a sostenere tale costo”, ha affermato Art Penn, il fondatore di PennantPark Investment Advisers, che supervisiona circa 6,6 miliardi di dollari.

Settimana in rassegna

  • Gli istituti di credito privati ​​sono in trattative per fornire circa 2 miliardi di dollari di finanziamento del debito per supportare una potenziale acquisizione di CCC Intelligent Solutions Holdings Inc., un fornitore di software per assicurazioni automobilistiche.
  • Due delle più grandi società di credito private del mondo hanno lanciato fondi che otterranno profitti molto inferiori rispetto al solito per il settore: un altro segno di come il potere abbia iniziato a spostarsi verso gli investitori in questo mercato da 1,5 trilioni di dollari.
  • I gestori del credito privato stanno silenziosamente fornendo prestiti record ai mutuatari esistenti che cercano piccole acquisizioni, costruendo furtivamente il valore dei loro portafogli di prestiti aggiungendo rischi più concentrati.
  • Antares Capital sta valutando l’acquisizione del rivale europeo Hayfin Capital Management, una combinazione che creerebbe un nuovo colosso del credito privato.
  • HSBC sta valutando se entrare nel mercato europeo delle obbligazioni di prestiti garantiti da 300 miliardi di dollari come arrangiatore.
  • Secondo David Snyderman di Magnetar Capital, i finanziatori privati ​​stanno assistendo a un aumento della domanda per operazioni di nicchia in materia di aiuti di capitale.
  • Recentemente una manciata di aziende europee si sono allontanate dai loro piani di vendere debito spazzatura, sottolineando la difficoltà di cercare di destreggiarsi nei mercati turbolenti.
  • Il fiorente mercato dei prestiti a leva in Europa ha appena avuto un confronto con la realtà con la prima transazione interrotta da quando una crisi bancaria globale ha sconvolto i mercati a marzo.
  • Un curatore fallimentare ha preso provvedimenti per assumere il controllo di un’unità di Byju a Singapore dopo mesi di trattative fallite con quella che una volta era una delle startup tecnologiche più calde dell’India.
  • Il conglomerato indiano Hinduja Group è in trattative con fondi di credito privati ​​per raccogliere circa 800 milioni di dollari per sostenere l’acquisizione di Reliance Capital.
    • Gli investimenti nel credito privato in India potrebbero raddoppiare nei prossimi due anni, prevede il capo del BPEA Credit Group.
  • Hillhouse, la società di investimento fondata con il sostegno dei fondi dell’Università di Yale, si sta preparando a lanciare un nuovo fondo di credito privato focalizzato sull’Asia per gli investitori internazionali.
See also  Il figlio più giovane di Ambani, Anant, deve affrontare il rifiuto delle società per procura di sedersi a bordo

Pubblicità 5

Contenuto dell’articolo

In movimento

  • Khalid Krim, responsabile del desk EMEA Debt Capital Markets di Credit Suisse, lascia la banca dopo cinque anni.
  • Monarch Alternative Capital ha assunto Karan Malhotra come capo del trading di crediti strutturati.
  • David Bourne, amministratore delegato del desk investment grade syndication e origination dei mercati dei capitali di debito presso TD Securities, lascia la banca.
  • HSBC Holdings Plc sta mettendo insieme un team di banchieri per connettere i propri clienti aziendali con il mondo in rapida espansione del credito privato.
  • La Bank of Nova Scotia ha recentemente assunto tre banchieri della HSBC Holdings Plc in Canada per rafforzare la sindacazione del reddito fisso e i trading desk.
  • James Keller entrerà a far parte di Goldman Sachs all’inizio di dicembre nella sua divisione di finanza strutturata.
  • BNP Paribas SA ha assunto due banchieri che precedentemente lavoravano presso Credit Suisse per unirsi ai suoi credit desk.

—Con l’assistenza di Dan Wilchins.

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Leave a Comment