L’offerente del Qatar si ritira dalla corsa per l’acquisto del Manchester United

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’offerente del Qatar per il Manchester United si sta ritirando dalla corsa per l’acquisto del club della Premier League, lasciando la strada libera a Sir Jim Ratcliffe per perseguire un accordo con la famiglia Glazer.

Sheikh Jassim bin Hamad al-Thani, figlio di uno degli uomini più ricchi del Qatar, era stato l’unico partito che cercava di acquistare il 100% dello United, mentre Ratcliffe ha esplorato una varietà di opzioni di investimento, inclusa la più recente una quota di minoranza.

Tuttavia, a seguito di un ultimo round di colloqui con i Glazers, che possiedono lo United da quando lo hanno acquisito tramite un buyout con leva finanziaria nel 2005, Sheikh Jassim ha deciso di ritirarsi, secondo una persona vicina alla sua offerta. La persona ha aggiunto che i Glazers avevano fissato una valutazione “fantasiosa” per il club, che è quotato alla Borsa di New York.

Sheikh Jassim, il cui padre era in precedenza primo ministro del Qatar e capo del fondo sovrano, si era offerto di acquistare il club a titolo definitivo senza utilizzare il debito. Aveva anche promesso di investire sia nella squadra di gioco che nelle infrastrutture del club. L’Old Trafford, lo stadio di casa dello United, e il centro di allenamento della squadra, hanno entrambi bisogno di costosi aggiornamenti.

La decisione arriva quasi un anno dopo che i Glazers avevano dichiarato che avrebbero preso in considerazione una serie di opzioni strategiche per il club, inclusa una potenziale vendita. I consulenti della famiglia hanno anche discusso con una serie di investitori istituzionali, comprese le società di private equity statunitensi, per esplorare percorsi alternativi per la raccolta di capitali.

See also  Il governo giapponese chiede a un tribunale di revocare lo status religioso legale della Chiesa dell'Unificazione

Il lungo processo di vendita, gestito dalla banca d’investimento Raine, ha attirato critiche da parte di persone vicine a ciascuno degli offerenti. Diverse persone vicine alla situazione hanno sottolineato il fatto che il controllo del club è diviso tra sei fratelli, che non sempre possono essere d’accordo.

I Glazers hanno cercato offerte per il club pochi mesi dopo che gli investitori statunitensi Clearlake Capital e Todd Boehly hanno acquistato i rivali londinesi del Chelsea FC per 2,5 miliardi di sterline, ancora il record per una vendita definitiva di una squadra di calcio. Quel prezzo ha alimentato le speranze che lo United – un club con maggiori ricavi e un seguito globale più ampio – potesse ottenere una somma molto maggiore.

Tuttavia, persone vicine ai Glazers e allo United hanno sollevato dubbi sulla probabilità di un successo del Qatar per diversi mesi, sottolineando la volontà di Ratcliffe di essere flessibile sulla struttura. L’ultima offerta del miliardario britannico sembra destinata a consentire alla famiglia di restare nel club.

A dimostrazione che le aspettative degli investitori per una vendita totale sono in calo, le azioni dello United quotate a New York sono scese di oltre il 12% quest’anno, valutando il capitale del club a circa 3,2 miliardi di dollari. Entrambi gli offerenti hanno fatto offerte che valorizzano il club significativamente più alto.

Ratcliffe, fondatore dell’impero chimico Ineos, è un sostenitore dello United da sempre e ha lanciato una proposta all’inizio del processo per riportare il club alle sue radici locali. Tuttavia, la sua offerta iniziale era focalizzata sull’acquisto solo della quota della famiglia Glazer, portando a potenziali complicazioni con gli azionisti di minoranza del club.

See also  Sasha Skochilenko, artista russa che ha protestato contro la guerra in Ucraina, rischia una pena detentiva di 8 anni

Durante l’estate la squadra di Ratcliffe ha considerato di modificare la propria offerta, incluso il potenziale acquisto di una quota di minoranza sia dai Glazers che da coloro che detengono le azioni quotate del club. Una persona ha detto che l’offerta si era recentemente concentrata su circa il 25% del club.

Se Ratcliffe dovesse accettare un accordo per l’acquisto dello United, ciò potrebbe posizionarlo come il prossimo proprietario naturale del club, secondo una persona a conoscenza della questione. Il consiglio di amministrazione dello United si riunirà nei prossimi giorni, in vista del prossimo rapporto sugli utili.

Anche i proprietari statunitensi del Liverpool FC, un altro club della Premier League con una storia leggendaria e un’enorme base di fan globale, hanno esplorato una potenziale vendita dopo l’acquisizione del Chelsea. Tuttavia, il mese scorso, Fenway Sports Group ha infine accettato di vendere una piccola partecipazione nel club a Dynasty Capital, una nuova società di private equity.

Leave a Comment