La svendita di obbligazioni rafforza l’idea che la Fed prenderà tempo per gli aumenti dei tassi

Ricevi aggiornamenti gratuiti sui tassi di interesse statunitensi

Un’impennata dei costi di finanziamento negli Stati Uniti ha rafforzato la convinzione degli investitori che la Federal Reserve abbia finito di aumentare i tassi di interesse, dopo mesi di aumenti aggressivi in ​​una battaglia storica contro l’inflazione.

I rendimenti dei titoli del Tesoro hanno raggiunto i livelli più alti in oltre un decennio questa settimana, aumentando i costi di finanziamento per le imprese e i consumatori che potrebbero rallentare l’economia e contenere i prezzi senza ulteriori azioni da parte della banca centrale statunitense.

L’ultimo alto funzionario a sostenere questo punto di vista è stata Mary Daly, presidente della Fed di San Francisco, che giovedì ha affermato che la banca centrale non ha bisogno di “prendere affrettatamente alcuna decisione” sui tassi di interesse in un momento in cui il mercato del lavoro mostra segni di crisi. raffreddamento, le pressioni sui prezzi si sono attenuate e i rendimenti dei titoli del Tesoro sono aumentati notevolmente.

“Se le condizioni finanziarie, che si sono notevolmente inasprite negli ultimi 90 giorni, rimarranno tese, la necessità di intraprendere ulteriori azioni diminuirà”, ha affermato in un discorso preparato.

Daly, che non sarà un membro votante del Federal Open Market Committee per la fissazione dei tassi fino al prossimo anno, ha aggiunto: “Se continuiamo a vedere un mercato del lavoro in raffreddamento e un’inflazione che torna al nostro obiettivo, possiamo mantenere i tassi di interesse stabili e lasciare che gli effetti della politica continuano a funzionare”.

See also  I lavoratori automobilistici statunitensi minacciano di espandere gli scioperi di Detroit

Ha fatto i suoi commenti un giorno prima della pubblicazione del rapporto mensile sui salari negli Stati Uniti che dovrebbe mostrare un modesto rallentamento nelle assunzioni. L’indice delle condizioni finanziarie di Goldman Sachs, che misura i costi sostenuti dalle aziende per prendere in prestito denaro, ha raggiunto il livello più alto dell’ultimo anno.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni di riferimento questa settimana ha toccato livelli visti l’ultima volta nell’agosto 2007, al 4,9%. Anche il rendimento dei titoli del Tesoro trentennali ha raggiunto il massimo degli ultimi 16 anni, superando il 5%. Giovedì i rendimenti sono scesi da questi picchi.

I rendimenti obbligazionari aumentano quando i prezzi scendono. I rendimenti dei titoli del Tesoro sono saliti a seguito di un crollo del mercato che ha acquisito slancio dopo che i funzionari della Fed il mese scorso hanno abbracciato un approccio “più alto più a lungo” nella fissazione dei tassi di interesse, indicando il supporto per un ulteriore aumento dei tassi di un quarto di punto e tagliando l’entità prevista dei tagli dei tassi nel prossimo futuro. due anni.

Tuttavia, gli investitori ora vedono l’assenza di nuovi rialzi come un risultato più probabile. I mercati dei futures indicano una probabilità di circa il 30% di un aumento di un quarto di punto entro dicembre, in calo rispetto al 40% di venerdì scorso e a oltre il 50% di due settimane fa.

“Il mercato obbligazionario li ha ascoltati forte e chiaro riguardo al ‘rialzo più a lungo’ e si è effettivamente inasprito per loro”, ha affermato Priya Misra, gestore di portafoglio presso JPMorgan Asset Management. “Lo scopo della politica monetaria è inasprire le condizioni finanziarie, e l’hanno appena fatto [that] questo la settimana scorsa.”

See also  L’esperto finanziario spiega le trappole da evitare per il risparmio previdenziale

Ciò ha compensato la necessità di un ulteriore aumento dei tassi quest’anno, ha affermato Misra, suggerendo che con il tasso dei fondi federali al massimo di 22 anni tra il 5,25% e il 5,5%, la banca centrale ha spremuto l’economia sufficientemente da ottenere pressioni sui prezzi. saldamente sotto controllo.

Il recente aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro “significa che la Fed deve fare di meno”, ha aggiunto Mike Cudzil, gestore senior di portafogli obbligazionari presso Pimco.

Grafico a linee dell'indice delle condizioni finanziarie di Goldman Sachs che mostra che la svendita di obbligazioni ha inasprito le condizioni finanziarie

Anche se i trader non scommettono che la Fed alzerà nuovamente i tassi, hanno abbassato le aspettative su quanto sarà generosa la banca centrale con eventuali tagli dei tassi il prossimo anno. Si prevede che il tasso ufficiale scenderà dal 4,5% al ​​4,75% entro la fine del 2024, il che implica riduzioni di circa tre quarti di punto rispetto ai livelli attuali. All’inizio di settembre i trader si aspettavano almeno un ulteriore taglio.

Anche altri funzionari della Fed hanno fatto il punto sulle recenti oscillazioni del mercato. Loretta Mester, il falco presidente della Fed di Cleveland, ha detto ai giornalisti questa settimana che il movimento dei rendimenti del Tesoro “certamente alimenterà” le decisioni sulla necessità o meno di un altro aumento dei tassi quest’anno.

Anche se a questo punto vede la possibilità di un aumento in occasione del prossimo incontro che si concluderà il 1° novembre, ciò è subordinato all’evoluzione dell’economia come previsto.

Michelle Bowman, un altro governatore aggressivo, ha chiarito questa settimana che la politica monetaria non segue un “corso prestabilito”. Pur credendo che la Fed non abbia ancora finito di smorzare la domanda, Bowman ha detto che sosterrà un altro aumento dei tassi “in una riunione futura se i dati in arrivo indicassero che i progressi sull’inflazione sono in fase di stallo o sono troppo lenti per portare l’inflazione al 2%” – l’obiettivo di lunga data della Fed: “in modo tempestivo”.

See also  Gli Stati Uniti risentono ancora degli effetti della pandemia secondo il professore
Grafico a linee dell'alto rendimento giornaliero (%) che mostra che il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni ha raggiunto i massimi di 16 anni

Andrew Hollenhorst, capo economista americano presso Citigroup, ha sostenuto che i dati rimarranno abbastanza forti da giustificare un nuovo aumento dei tassi il mese prossimo, sottolineando che nel complesso la crescita è stata robusta, il mercato del lavoro – sebbene in raffreddamento – è ancora teso e le pressioni sui prezzi permangono.

“Vogliono assicurarsi che ci sia abbastanza moderazione per rallentare le cose e raffreddarle”, ha detto. “Non credo che il livello dei rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 anni sarebbe preoccupante per loro qui.”

La svendita di obbligazioni si sta verificando poiché il Tesoro americano ha aumentato i prestiti negli ultimi mesi per coprire l’ampliamento dei deficit di bilancio e compensare le minori entrate fiscali, aumentando l’offerta.

“Se [yields] continuano a salire al ritmo rapido che abbiamo visto, allora aumenta la probabilità che qualcosa si rompa e si verifichi qualche disfunzione”, ha affermato Marc Giannoni, capo economista americano presso Barclays, che in precedenza ha lavorato presso le banche regionali della Fed a Dallas e New York. Ciò potrebbe scoraggiare ulteriori azioni da parte della banca centrale, ha affermato, anche se per ora si aspetta ancora che la Fed alzi i tassi di interesse ancora una volta quest’anno.

Leave a Comment