L’aggiornamento CRA consente alle banche di ottenere credito per la resilienza climatica

Breve immersione:

  • Tre regolatori bancari federali ha finalizzato un aggiornamento della legge sul reinvestimento comunitario e martedì ha pubblicato nuove linee guida su come dovrebbero farlo i grandi istituti di credito gestire l’esposizione ai rischi finanziari legati al clima.
  • Oltre a rivedere la legge anti-redlining del 1977, l’aggiornamento del Community Reinvestment Act mira a rafforzare le comunità a basso reddito e le comunità di colore contro il cambiamento climatico aggiungendo una categoria di preparazione alle catastrofi e resilienza climatica delle attività di sviluppo comunitario per banche e istituzioni finanziarie. .
  • Le due iniziative dell’Office of the Comptroller of the Valuta, della Federal Reserve e della Federal Deposit Insurance Corp. sono progettate per salvaguardare il settore finanziario dalle minacce climatiche aumentando la mitigazione del rischio climatico e spingendo più banche a investire nella resilienza climatica di paesi storicamente quartieri segnati in rosso.

Informazioni sull’immersione:

Sebbene il rischio climatico non abbia ancora causato il fallimento di una banca o portato a una crisi finanziaria, ha affermato il controllore ad interim dell’OCC, Michael Hsu, durante un Martedì riunione del consiglio della FDIC che l’autocompiacimento può emergere in assenza di danni, e il governo non dovrebbe aspettare che si verifichi un disastro per agire. Confrontando il rischio climatico con i rischi informatici precedenti, Hsu ha affermato che è prudente che il governo si adatti all’emersione di nuovi rischi.

“Il rischio, non importa come lo chiami, deve essere gestito”, ha detto Hsu. “Abbiamo imparato attraverso la faticosa esperienza che è meglio affrontare i rischi non appena emergono, piuttosto che dopo che hanno causato danni”.

Le nuove linee guida su come le banche dovrebbero gestire i rischi finanziari legati al clima sono progettate per le istituzioni con più di 100 miliardi di dollari di asset consolidati totali, concentrandosi sulle banche più grandi piuttosto che sull’intero settore. Le agenzie, tuttavia, hanno riconosciuto che quasi tutte le istituzioni finanziarie affrontano una sorta di rischio finanziario materiale legato al clima.

See also  La Regions Bank collabora con il fintech per la creazione di credito

Gli aggiornamenti alla CRA – che richiede alle autorità di regolamentazione di determinare se le banche stanno fornendo accesso a prestiti e credito alle comunità senza discriminazioni – daranno ora credito alle istituzioni per le attività di resilienza climatica.

Le attività di preparazione al clima comprendono la creazione di sistemi di controllo delle inondazioni, l’adeguamento di alloggi a prezzi accessibili per i futuri rischi climatici e la progettazione di infrastrutture per la salvaguardia dall’innalzamento del livello del mare. Le norme aggiornate identificano inoltre più iniziative come attività ammissibili alla CRA, inclusa la creazione di spazi verdi in aree a reddito basso e moderato e centri di raffreddamento o riscaldamento in zone meteorologiche estreme.

“Fin dalla sua attuazione, il CRA è diventato il fondamento del finanziamento responsabile per le comunità a reddito basso e moderato negli Stati Uniti”, ha affermato il presidente della FDIC Martin Gruenberg durante l’incontro. “Questa norma finale amplierà in modo significativo la portata e il rigore della CRA e ne garantirà la continua rilevanza per la prossima generazione”.

Il quadro si basa su principi di governance efficace, incorporando i rischi climatici nelle politiche, nelle procedure e nei limiti e rendendo i rischi climatici una parte della pianificazione strategica, della raccolta e analisi dei dati e dell’analisi degli scenari di rischio.

Gruenberg ha affermato che si aspetta che le istituzioni finanziarie incorporino i rischi climatici nelle loro attività in modo da consentire loro di soddisfare le esigenze finanziarie delle loro comunità. Allo stesso tempo, ha osservato che l’interesse della FDIC per l’argomento è dovuto ai rischi finanziari associati al cambiamento climatico e non al cambiamento climatico stesso.

“La FDIC non è responsabile della politica climatica e non dice alle banche quali clienti servire”, ha affermato Gruenberg. “Tuttavia, le istituzioni finanziarie dovrebbero considerare pienamente i rischi finanziari legati al clima, come fanno tutti gli altri rischi, e continuare ad adottare un approccio basato sul rischio nella valutazione delle singole decisioni di credito e di investimento”.

See also  Notizie sul mercato azionario e azionario, Notizie sull'economia e la finanza, Sensex, Nifty, Mercato globale, NSE, BSE Notizie sull'IPO in tempo reale

Leave a Comment