Le azioni europee crollano sui timori di tassi di interesse globali elevati

Ricevi aggiornamenti gratuiti sui mercati

Le azioni europee sono scese venerdì dopo che un sondaggio sull’attività commerciale nell’eurozona ha rafforzato i timori degli investitori che i tassi di interesse rimarranno più alti più a lungo per frenare l’inflazione.

L’indice regionale europeo Stoxx Europe 600 è sceso dello 0,4%, trascinato al ribasso dai titoli immobiliari e dei servizi di pubblica utilità, mentre il Cac 40 francese e il Dax tedesco hanno entrambi ceduto lo 0,5%.

Le mosse sono arrivate dopo una svendita avvenuta durante la notte a Wall Street, dove azioni e obbligazioni sono scivolate dopo che la Federal Reserve americana ha dichiarato che avrebbe mantenuto la sua politica di tassi di interesse più elevati per sopprimere l’inflazione, esercitando maggiore pressione sulla domanda delle imprese e dei consumatori.

L’umore pessimista degli operatori è stato aggravato dai sondaggi aziendali in Europa che hanno indicato che l’economia dell’Eurozona è stata più forte del previsto.

L’indice flash composito dei responsabili degli acquisti dell’Eurozona HCOB, una misura dell’attività del settore manifatturiero e dei servizi, è salito a 47,1 a settembre, attestandosi ben al di sotto delle previsioni degli analisti di 46,5.

I valori inferiori alla soglia neutrale di 50 indicano che la maggior parte delle imprese che hanno risposto al sondaggio hanno segnalato una contrazione complessiva della propria attività, poiché l’aumento dei tassi di interesse ha pesato sull’economia. I dati PMI equivalenti per gli Stati Uniti seguiranno più tardi venerdì pomeriggio.

I titoli del Tesoro USA a più lunga scadenza sono rimasti stabili dopo il forte rialzo di giovedì. Il rendimento del titolo di riferimento del Tesoro a 10 anni, che nella sessione precedente aveva toccato il massimo degli ultimi 16 anni, è sceso di 0,01 punti percentuali al 4,47%.

See also  Simone Biles diventa la ginnasta più decorata della storia

I contratti futures segnalavano che il benchmark di Wall Street, l’S&P 500, sarebbe salito dello 0,2% all’apertura dei mercati statunitensi, un giorno dopo che l’indice aveva registrato il calo più grande da marzo. I contratti che seguono il Nasdaq 100, ad alto contenuto tecnologico, sono aumentati dello 0,4%.

Il dollaro, che tende a rafforzarsi quando gli investitori si aspettano che i tassi rimangano elevati, è avanzato dello 0,2% rispetto a un paniere di sei valute, rimanendo vicino al livello più alto da marzo.

Lo yen giapponese si è indebolito dello 0,5% per attestarsi a 148,33 yen rispetto al dollaro dopo che la Banca del Giappone ha annunciato venerdì la decisione ampiamente attesa di mantenere una politica di tassi di interesse ultra-bassi.

Questa politica arriva proprio nel momento in cui la crescita dei prezzi al consumo in Giappone ha superato l’obiettivo del 2% della banca centrale per il 17° mese consecutivo, con il dato “core” in aumento del 3,1% in agosto.

In aggiunta alle pressioni sui prezzi in tutto il mondo, il greggio Brent, il punto di riferimento internazionale, è aumentato dello 0,4% per essere scambiato a 93,7 dollari al barile, rimanendo vicino al livello più alto dal novembre dello scorso anno. Il West Texas Intermediate, l’indicatore statunitense, ha guadagnato lo 0,6% a 90,14 dollari.

Nella sua ultima mossa per sostenere i prezzi del petrolio, la Russia ha vietato l’esportazione di diesel e benzina all’inizio di questa settimana. L’offerta di greggio del paese era già stata ridotta in base a un accordo con l’Arabia Saudita e il più ampio gruppo Opec+, che ha contribuito a un aumento del 30% dei prezzi del petrolio da giugno.

See also  La Coppa del mondo di rugby apporta miliardi all’economia francese

Leave a Comment