Le figure culturali affrontano le conseguenze delle dichiarazioni sul conflitto Israele-Hamas: NPR

Un uomo, a sinistra, porta due bandiere israeliane durante una manifestazione filo-israeliana fuori dall’ambasciata israeliana l’8 ottobre 2023 a Washington, DC, e persone, a destra, sventolano bandiere durante una manifestazione a sostegno dei palestinesi a Houston, in Texas, il 21 ottobre 2023.

Samuel Corum/Getty Images; Mark Felix/AFP tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Samuel Corum/Getty Images; Mark Felix/AFP tramite Getty Images

Un uomo, a sinistra, porta due bandiere israeliane durante una manifestazione filo-israeliana fuori dall’ambasciata israeliana l’8 ottobre 2023 a Washington, DC, e persone, a destra, sventolano bandiere durante una manifestazione a sostegno dei palestinesi a Houston, in Texas, il 21 ottobre 2023.

Samuel Corum/Getty Images; Mark Felix/AFP tramite Getty Images

Negli ultimi anni, la reazione negativa dei social media è diventata un luogo comune poiché figure e organizzazioni culturali utilizzano piattaforme digitali per esprimere le proprie opinioni in risposta agli eventi mondiali.

Ma alcuni hanno anche dovuto affrontare conseguenze nel mondo reale – ricadute che vanno ben oltre il regno dei social media – per aver fatto dichiarazioni pubbliche sull’attuale conflitto Israele-Hamas.

Le conseguenze nel mondo reale dello schierarsi

Nel mondo della gestione dei talenti, Maha Dakhil dell’alto profilo Creative Artists Agency, che rappresenta Tom Cruise, Natalie Portman e Madonna tra gli altri A-listers, si è dimessa dal consiglio interno dell’agenzia domenica scorsa dopo aver pubblicato una serie di commenti anti-israeliani su mezzi di comunicazione sociale. Dakhil si è anche dimesso dalla co-direzione del dipartimento cinematografico della CAA.

Poi, martedì, la posizione esplicita di Dakhil sulla guerra ha fatto sì che uno dei principali clienti dell’agenzia, ala ovest E Rete sociale il creatore Aaron Sorkin, di abbandonare la CAA e tornare alla sua ex agenzia William Morris Endeavour. “Maha non è un antisemita”, ha detto Sorkin in una dichiarazione alla NPR. “Ha semplicemente torto.”

See also  Come un attacco informatico ha paralizzato per ore la banca più grande del mondo

Dakhil non è l’unico potente agente di Hollywood a subire le conseguenze del parlare apertamente del conflitto. Giovedì, Kitty Laing, responsabile del settore comico della United Agents, si è dimessa dal suo ruolo nel comitato esecutivo dell’agenzia a causa dei suoi post anti-israeliani sui social media. (Tuttavia, Laing continuerà a lavorare con la sua lista di clienti.)

E le conseguenze nel mondo reale del parlare apertamente della guerra non si verificano solo a Hollywood. Ci sono fratture che appaiono nel panorama culturale.

Almeno due dipendenti di 92NY (92nd Street Y) si sono dimessi dopo che il famoso centro culturale di New York non ha organizzato un’apparizione programmata dell’autore vincitore del Premio Pulitzer Viet Thanh Nguyen e ha sospeso il resto della stagione di lettura di poesie. Nguyen è stato tra gli oltre 700 scrittori che hanno firmato una lettera aperta pubblicata sulla London Review of Books chiedendo un cessate il fuoco a Gaza. “Non ho rimpianti per tutto ciò che ho detto o fatto riguardo alla Palestina, Israele, o all’occupazione e alla guerra”, ha pubblicato l’autore su Instagram.

E giovedì David Velasco, redattore capo di ArtForum è stato estromesso dalla società madre, Penske Media Corporation, pochi giorni dopo che la rivista internazionale di arti visive aveva pubblicato una lettera aperta in cui chiedeva la fine della violenza contro i civili nel conflitto. e aiuti umanitari a Gaza. La lettera iniziale non condannava l’attacco di Hamas contro Israele. Successivamente è stato rivisto.

I pericoli di restare in silenzio

Allo stesso tempo, scegliere non parlare apertamente sta comportando trappole simili, come ha recentemente scoperto la Writers Guild of America (WGA).

See also  L'esperto di finanza rivela come la tendenza virale del cash stuffing può aiutarti a rispettare un budget

Il sindacato, che rappresenta gli sceneggiatori di Hollywood, ha risposto martedì a una lettera inviata da più di 300 dei suoi membri, tra cui Jerry Seinfeld, La meravigliosa signora Maisel la creatrice Amy Sherman-Palladino e PatriaGideon Raff, chiedendo perché la WGA non ha rilasciato una dichiarazione di condanna dell’attacco di Hamas contro Israele.

La dichiarazione finale della WGA ai suoi membri, pubblicata integralmente da Variety, ha definito l’attacco di Hamas del 7 ottobre contro Israele “un abominio” e ha spiegato perché inizialmente non aveva rilasciato una dichiarazione pubblica sul conflitto. Il sindacato ha negato di “mascherare opinioni odiose” e di essere “paralizzato dalla faziosità” e ha affermato di essere “umiliato dalla portata di questo conflitto”.

Ma la spiegazione della WGA non ha impedito ad alcuni scrittori di mettere in dubbio la loro appartenenza al sindacato o, nel caso di almeno uno scrittore, di lasciarla andare. Dan Gordon, che ha co-scritto Wyatt Earp con Kevin Costner e L’uragano con Denzel Washington, ha rassegnato le dimissioni martedì dalla WGA, definendo “spaventosa” la mancanza di una dichiarazione da parte del sindacato.

Parlare o non parlare?

Tutto ciò avviene in un momento in cui gran parte del pubblico si aspetta e addirittura favorisce figure di spicco della cultura che parlano apertamente degli eventi mondiali.

Quasi la metà delle oltre 2.000 persone che hanno risposto la scorsa settimana a un sondaggio dell’Hollywood Reporter hanno affermato che è “molto appropriato” o “abbastanza appropriato” per una celebrità parlare del conflitto Israele-Hamas. Meno di un terzo ha affermato di non ritenere che fosse appropriato, mentre un quarto non aveva alcuna opinione in merito.

See also  Mercato azionario oggi: le azioni mondiali crollano, i prezzi del petrolio si mescolano mentre gli investitori si preparano all’invasione di Gaza

“C’è la sensazione crescente che, in quanto figura pubblicamente visibile, tu porti anche una responsabilità sociale e politica che deriva dal capitale di attenzione che possiedi e che può essere convertito in influenza politica e potere discorsivo”, ha affermato Sandra Mayer, storica letteraria e culturale. con sede presso l’Accademia austriaca delle scienze e co-editore dell’antologia recentemente pubblicata Autorialità, attivismo e celebrità.

“Con l’ascesa dei social media negli ultimi 15-20 anni, l’apparente livellamento del discorso pubblico e la crescita delle opportunità di interazione tra personaggi pubblici di spicco e cittadini comuni, c’è una maggiore pressione affinché tali individui parlino apertamente e approfittare dei privilegi e delle opportunità che il loro status offre loro.”

Mayer ha detto che, data la natura “controversa ed estremamente emotiva” di questo particolare conflitto, non sorprende che entrambi parlino apertamente E rimanere in silenzio ha portato nei guai figure e gruppi culturali.

Ma ha detto che le celebrità probabilmente continueranno a utilizzare le loro piattaforme per condividere le loro opinioni su questa guerra – e su altre questioni – indipendentemente dalle conseguenze.

“Probabilmente è troppo presto per dire come e in che misura ciò influenzerà il futuro delle prese di posizione delle celebrità”, ha detto Mayer. “Ma non penso che possiamo aspettarci che le celebrità diventino meno esplicite in futuro.”

Leave a Comment