L’Iran libera i prigionieri in seguito ad un accordo di scambio con gli Stati Uniti

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulle tensioni tra Stati Uniti e Iran

Gli Stati Uniti e l’Iran hanno completato uno scambio di prigionieri dopo mesi di negoziati, una svolta che Washington spera aprirà la porta ad un allentamento delle tensioni tra i due acerrimi nemici.

In un processo attentamente sequenziato, cinque cittadini americani-iraniani, nonché due parenti, sono sbarcati in Qatar lunedì dopo essere stati rilasciati dalla repubblica islamica. Sono stati accolti da funzionari e familiari dopo l’atterraggio a Doha. Gli Stati Uniti hanno anche liberato cinque iraniani dalle prigioni americane.

Lo scambio è avvenuto dopo che 6 miliardi di dollari di proventi petroliferi iraniani, che erano stati congelati in Corea del Sud, sono stati trasferiti su conti bancari in Qatar, dove i fondi saranno monitorati per garantire che vengano utilizzati in modo appropriato.

Funzionari del Qatar hanno confermato ad entrambe le parti che i 6 miliardi di dollari sono stati trasferiti dalla Corea del Sud, attraverso la Svizzera, a conti bancari in Qatar, ha detto al Financial Times la persona informata del processo.

Il rilascio dei prigionieri arriva dopo mesi di colloqui indiretti tra Stati Uniti e Iran, facilitati da Qatar e Oman. La speranza è che ciò contribuisca a costruire un certo grado di fiducia che crei le condizioni per ulteriori discussioni sul potente programma nucleare iraniano.

Lo scambio “rimuove un ostacolo” all’ulteriore azione diplomatica sulle ambizioni nucleari di Teheran e su altre questioni, ha affermato un alto funzionario dell’amministrazione del presidente americano Joe Biden. “Non chiudiamo completamente la porta alla diplomazia”, ​​ha detto il funzionario. “Se vediamo un’opportunità, la esploreremo”.

See also  Il conduttore di "Survivor" Jeff Probst presenta in anteprima la stagione 45 e rivela ciò che rende un grande giocatore

Gli Stati Uniti e l’Iran stanno inoltre discutendo su come allentare le tensioni e contenere la questione nucleare, anche se Teheran continua ad arricchire l’uranio. Ciò include l’accordo dell’Iran di non prendere di mira gli americani e di limitare il suo arricchimento di uranio al 60% di purezza, un livello vicino alla qualità delle armi.

L’Iran, in cambio, si aspetta che Washington si astenga dall’imporre ulteriori sanzioni che strangolino ulteriormente l’economia.

Gli Stati Uniti hanno anche spinto Teheran a smettere di vendere a Mosca droni e pezzi di ricambio, che le forze russe hanno utilizzato nella guerra in Ucraina, ha detto in precedenza un funzionario iraniano al FT. Teheran nega di aver esportato armi alla Russia per utilizzarle nella guerra, e non è stato ancora raggiunto alcun accordo, hanno riferito fonti informate dei colloqui.

Tuttavia, alcuni credono che lo scambio di prigionieri possa almeno contribuire a contenere una crisi nucleare e alleviare i rischi di un nuovo conflitto in Medio Oriente.

“Il rilascio degli ostaggi iraniani è stato un primo passo fondamentale per l’amministrazione Biden per gestire e contenere una cascata di crisi legate al programma nucleare iraniano in avanzamento e senza vincoli prima dell’anno elettorale americano”, ha affermato Sanam Vakil, direttore del Medio Oriente presso Chatham House. . “Inoltre Biden può dimostrare di aver mantenuto la sua promessa di riportare a casa i cittadini americani ingiustamente detenuti”.

La crisi ribolle pericolosamente da allora il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha abbandonato unilateralmente l’accordo nucleare del 2015 firmato da Teheran con le potenze mondiali e ha imposto centinaia di sanzioni all’Iran che hanno strangolato l’economia della repubblica.

See also  Niente più petrolio, gas e carbone. Due stati-nazione si uniscono al crescente blocco di paesi che chiedono un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili

Gli sforzi diplomatici per rilanciare l’accordo del 2015 dopo l’insediamento dell’amministrazione Biden sono falliti e pochi credono che l’accordo possa essere salvato data la portata dei progressi nucleari dell’Iran.

Funzionari statunitensi affermano che l’Iran ha la capacità di produrre abbastanza materiale fissile necessario per sviluppare un’arma nucleare in circa due settimane.

Gli analisti affermano che la migliore speranza per l’amministrazione Biden è contenere la crisi e cercare di tornare a seri negoziati sul nucleare se il presidente degli Stati Uniti si assicurasse un secondo mandato. “La questione più ampia della politica iraniana dell’amministrazione Biden, al di là delle promesse elettorali e della gestione della crisi, rimane poco chiara”, ha affermato Vakil.

Per l’Iran, lo scongelamento dei 6 miliardi di dollari fornirà una valuta forte vitale mentre il paese è alle prese con un malessere economico, con un’inflazione che supera il 40%.

Gli Stati Uniti vogliono anche che l’Iran migliori la sua cooperazione con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, che monitora l’attività nucleare della repubblica.

Ma i segnali provenienti da Teheran sono stati contrastanti, con segnali che indicano che il paese ha rallentato il ritmo con cui sta arricchendo l’uranio vicino al grado di uso militare, continuando a frustrare l’AIEA in altri settori.

La settimana scorsa l’organismo di vigilanza sul nucleare ha condannato l’Iran per aver impedito agli ispettori dell’AIEA di prendere parte al suo programma di monitoraggio.

Tra i cittadini iraniani-americani rilasciati dall’Iran figurano Emad Shargi, Morad Tahbaz, Siamak Namazi e altri due che non hanno voluto essere identificati.

Namazi è un uomo d’affari americano-iraniano arrestato circa otto anni fa e condannato a 10 anni di carcere con l’accusa di collaborazione con gli Stati Uniti contro la repubblica islamica. Tahbaz è un uomo d’affari e attivista ambientale di nazionalità iraniana, statunitense e britannica. Shargi è un uomo d’affari iraniano-americano. Entrambi sono stati arrestati nel 2018 e condannati a 10 anni di carcere con l’accusa simile di collaborazione con gli Stati Uniti.

See also  Plato Gold avvia il programma di esercitazione sulla proprietà Marriott Gold, Matheson, Ontario

Le identità degli iraniani che saranno rilasciati dalle carceri statunitensi non sono state rese pubbliche. Nasser Kanaani, portavoce del ministero degli Esteri iraniano, ha detto che due degli iraniani detenuti negli Stati Uniti torneranno nella repubblica islamica, mentre un altro andrà in un paese terzo e due rimarranno negli Stati Uniti.

Leave a Comment