Mercato azionario oggi: Wall Street si allontana dalla riunione della Fed mentre i prezzi del petrolio continuano a salire

NEW YORK (AP) – Lunedì Wall Street va alla deriva, mentre i prezzi del petrolio continuano a salire per aumentare la pressione sull’inflazione.

L’indice S&P 500 era in ribasso dello 0,1% nelle prime fasi degli scambi, dopo la seconda settimana consecutiva in perdita. Il Dow Jones Industrial Average era in rialzo di 22 punti, o dello 0,1%, a 34.640, alle 9:45 ora orientale, e il Nasdaq composito era in ribasso dello 0,1%.

Dall’inizio di agosto i titoli azionari sono altalenanti a causa dell’incertezza sul fatto se la Federal Reserve avrà finalmente finito con i suoi drastici aumenti dei tassi di interesse. Tassi più alti hanno contribuito a contenere l’inflazione dal picco dell’estate scorsa, ma hanno anche danneggiato i prezzi delle azioni e di altri investimenti, rallentando al tempo stesso l’economia.

Quasi tutti i trader si aspettano che la Fed mantenga i tassi stabili durante la riunione di questa settimana, che si concluderà mercoledì. Maggiore attenzione sarà rivolta alle previsioni che i funzionari della Fed pubblicheranno su dove si aspettano che i tassi di interesse, l’economia e il mercato del lavoro si dirigeranno nei prossimi anni.

Uno dei primi aspetti su cui il mercato si concentrerà è il modo in cui gli alti funzionari della Fed vedranno aumentare il tasso di interesse principale quest’anno. Secondo i dati del CME Group, i trader scommettono su una probabilità del 40% circa che la Fed alzerà nuovamente i tassi a novembre o dicembre.

Ma altrettanto attenzione sarà rivolta a ciò che diranno i funzionari della Fed riguardo al prossimo anno, quando gli investitori si aspettano che la Fed inizi a tagliare i tassi di interesse. Gli investitori bramano tali tagli, che in genere allentano le condizioni finanziarie e danno slancio ai mercati finanziari. La grande domanda è quanto la Fed potrebbe tagliare.

See also  Come guardare la partita NFL di stasera tra Chicago Bears e Los Angeles Chargers: opzioni di live streaming, ora di inizio e altro

Gli economisti di Goldman Sachs si aspettano che i funzionari della Fed indichino un intero punto percentuale di tagli l’anno prossimo, dopo aver alzato i tassi ancora una volta quest’anno fino a un intervallo compreso tra il 5,50% e il 5,75%.

Sono forti i timori che i tassi potrebbero dover rimanere più alti per un periodo più lungo per riportare l’inflazione completamente al di sotto dell’obiettivo del 2% della Fed. Sebbene le tendenze di fondo dell’inflazione continuino per lo più a migliorare, il recente rialzo dei prezzi del petrolio ha complicato le cose.

Un barile di greggio americano è aumentato di un altro 0,9% lunedì a 90,79 dollari. È salito da meno di $ 70 a luglio. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è aumentato dello 0,7% a 94,62 dollari al barile.

I prezzi più alti della benzina e di altri carburanti sono stati uno dei motivi principali per cui l’inflazione dei consumatori si sente accelerata lo scorso mese al 3,7% dal 3,2%.

L’aumento dei prezzi del carburante, insieme alle preoccupazioni che i tassi rimangano più alti per un periodo più lungo, hanno contribuito a spingere al rialzo i rendimenti dei titoli del Tesoro in tutto il mercato obbligazionario.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni si è mantenuto stabile al 4,33%, livello di venerdì scorso. Ma è in gran parte in salita da quando si attestava attorno al 3,40% a maggio.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, che segue più da vicino le aspettative per la Fed, è rimasto stabile al 5,04%.

Anche le preoccupazioni su una possibile recessione continuano a persistere, anche se sono diminuite con i successivi rapporti che mostrano che l’economia e il mercato del lavoro continuano a ronzare.

See also  Apple risolverà il bug dell'iPhone 15 accusato del surriscaldamento dei telefoni

Un fattore preoccupante è dove si trovano i rendimenti obbligazionari, con i rendimenti a due anni e altri rendimenti a breve termine che continuano a rimanere superiori a quelli a lungo termine. Si tratta di un evento insolito che spesso ha preceduto le recessioni del passato.

Un altro segnale di allarme arriva dall’indice degli indicatori economici anticipatori, che esamina i nuovi ordini per i produttori, le aspettative dei consumatori per le condizioni commerciali e altri fattori che potrebbero mostrare dove sta andando l’economia.

Secondo Doug Ramsey, chief investment officer di The Leuthold Group, quando il suo tasso di variazione annualizzato a sei mesi si contrae al 3% o più, è sempre stato associato a una recessione.

Sono trascorsi 15 mesi dall’ultimo avvertimento di recessione innescato nel giugno 2022. In passato, il periodo più lungo tra un tale evento scatenante e una recessione è stato quello dei 16 mesi precedenti la Grande Recessione. Se questo corrispondesse a quello, potrebbe implicare una recessione a partire da ottobre, dice Ramsey.

A Wall Street, Clorox perde lo 0,9% dopo aver dichiarato che un attacco alla sicurezza informatica ha causato interruzioni diffuse alla sua attività. Sta ancora misurando il danno, ma ha detto che si aspetta che sia significativo sui prossimi risultati. Clorox ha inoltre affermato di ritenere che l’attività non autorizzata sia stata contenuta.

Steel Dynamics perde l’1% dopo aver avvertito che i suoi profitti per l’estate sarebbero diminuiti rispetto alla primavera, in parte a causa del calo dei prezzi di alcuni dei suoi prodotti.

Ford e General Motors stavano cadendo in modo limitato sciopero degli United Auto Workers portato in un altro giorno. Ford è scesa del 2,1% e General Motors dell’1,2%.

See also  La Cina rimuove il ministro della Difesa due mesi dopo la scomparsa

Sui mercati azionari esteri, l’indice Hang Seng di Hong Kong è crollato dell’1,4% in seguito alle notizie diffuse nel fine settimana secondo cui la polizia aveva arrestato il personale dell’attività di gestione patrimoniale di un promotore immobiliare in difficoltà Cina Evergrande.

Gli indici sono scesi in gran parte del resto dell’Asia, così come in Europa.

___

Hanno contribuito gli scrittori di AP Business Matt Ott ed Elaine Kurtenbach.

Leave a Comment