L’Irlanda è l’ultimo paese dell’UE ad aumentare il prelievo bancario

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’Irlanda è diventata l’ultimo paese europeo a colpire le banche con tasse più elevate, poiché i governi prendono di mira i maggiori profitti che i finanziatori hanno generato dall’aumento dei tassi di interesse.

Nell’ambito del bilancio irlandese annunciato martedì, Dublino ha affermato che l’obiettivo per la somma raccolta dal prelievo bancario aumenterà da circa 87 milioni di euro a 200 milioni di euro più grandi del previsto nel 2024. Verrà pagato dalle banche che hanno ricevuto assistenza finanziaria dallo Stato: AIB, Bank of Ireland e Permanent TSB.

“È importante che il settore bancario continui a dare un contributo all’economia irlandese dopo il sostegno ricevuto durante la crisi finanziaria”, ha detto il ministro delle finanze Michael McGrath al parlamento irlandese.

L’Irlanda segue un’ondata di paesi europei che aumentano tasse e prelievi sulle banche. I Paesi Bassi e l’Italia si sono recentemente uniti a Spagna, Ungheria, Repubblica Ceca e Lituania, che hanno compiuto tali passi nell’ultimo anno.

L’aumento dei tassi ha incrementato i profitti delle banche poiché queste beneficiano della differenza tra gli interessi che pagano ai depositanti e quello che guadagnano sui prestiti.

Mentre i profitti hanno raggiunto i livelli più alti dalla crisi finanziaria globale, i politici hanno cercato di indirizzare i creditori con tasse più alte per aiutare a pagare le misure a sostegno degli elettori che affrontano un aumento del costo della vita.

Eppure gli aumenti delle tasse hanno spesso incontrato resistenza. In Spagna, il settore bancario ha avviato azioni legali, mentre l’Italia è stata costretta ad attenuare la propria tassa sulle entrate straordinarie il mese scorso a seguito delle feroci critiche alle misure, anche da parte della Banca Centrale Europea.

See also  Deutsche Bank taglierà quasi la metà delle filiali della Postbank

Articoli apparsi sulla stampa irlandese nel fine settimana indicano che la tassa potrebbe salire a 175 milioni di euro, anche se le azioni bancarie sono state poco influenzate dall’annuncio di martedì. Nel tardo pomeriggio le azioni AIB erano aumentate di oltre il 5%, quelle della Banca d’Irlanda del 3,5% e quelle di PTSB del 4,6%.

“L’annuncio di oggi rientra nelle aspettative degli investitori e rimuove una delle principali incertezze rimanenti sulle banche irlandesi, quindi potrebbe fungere da catalizzatore per una nuova valutazione delle azioni”, ha affermato l’analista di Citi Borja Ramirez Segura.

Il governo non ha fornito dettagli su come verrà ripartita la tassa, ma l’analista di Goodbody John Cronin stima che il contributo annuale dell’AIB aumenterà da 37 milioni di euro a 92 milioni di euro, quello della Banca d’Irlanda passerà da 25 milioni di euro a 81 milioni di euro e quello di PTSB aumenterà da 81 milioni di euro. Da 22 milioni a 27 milioni di euro.

“Presumibilmente è stato intenzionalmente colpito a un livello un po’ più alto di quanto previsto in pubblico, nel tentativo di dimostrare che sta cercando di infliggere un po’ di dolore al settore, dati gli attuali rendimenti elevati – e, forse, per evitare eventuali ulteriori pressioni mediatiche/politiche dal punto di vista dei prezzi dei depositi”, ha aggiunto Cronin.

Gli analisti di Davy a Dublino hanno dichiarato in una nota ai clienti: “Stimiamo che l’impatto incrementale dell’aumento sarà compreso tra il 2% e il 3% dell’utile prima delle imposte per tutte e tre le banche sulle attuali previsioni per il 2024”.

Leave a Comment