Lo sciopero dei lavoratori del settore automobilistico farà salire i prezzi delle auto, ma non subito, a meno che i consumatori non si lascino prendere dal panico

Contenuto dell’articolo

DALLAS (AP) – Gli acquirenti di automobili si stanno dirigendo verso un nuovo ciclo di shock adesivo se lo sciopero degli United Auto Workers non finisce presto, in particolare per i veicoli popolari che già scarseggiano.

Il numero di veicoli nei lotti dei concessionari diminuirà man mano che si protrarrà lo sciopero. È probabile che i concessionari perdano gli incentivi che i produttori pagano loro per aumentare le vendite tagliando i prezzi.

Contenuto dell’articolo

E i consumatori potrebbero peggiorare le cose con acquisti dettati dal panico.

Molti analisti pensano che ci vorranno diverse settimane prima che i lotti dei concessionari inizino a sembrare un po’ vuoti. Ford, General Motors e Stellantis hanno accumulato scorte di veicoli in vista dello sciopero di giovedì sera, e la UAW ha deciso di limitare lo sciopero a soli tre stabilimenti, almeno per ora.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

“I ragazzi delle concessionarie ti diranno, ‘L’UAW questo e quello’, ma i loro parcheggi adesso sono pieni di auto”, dice Ivan Drury, il direttore degli approfondimenti presso Edmunds, un fornitore di informazioni sull’industria automobilistica. Egli stima che agli attuali livelli di inventario e al ritmo delle vendite di veicoli, la maggior parte degli acquirenti di auto non dovrebbe notare grandi cambiamenti per un paio di mesi.

Secondo i dati di Edmunds, i veicoli della Detroit Three sono rimasti nell’inventario in media 52 giorni prima di essere venduti ad agosto, rispetto ai 31 giorni dell’inizio dello scorso anno.

L’UAW ha iniziato a scioperare nelle fabbriche che producono solo pochi veicoli: Ford Broncos e Rangers, Jeep Wrangler, pick-up Chevrolet di medie dimensioni e furgoni GMC. I rivenditori ne hanno buone scorte.

Se lo sciopero non finirà presto, tuttavia, potrebbero verificarsi carenze di alcune marche e modelli più venduti o di veicoli che già scarseggiano, come Chevrolet Silverado e Tahoe, GMC Sierra e i pickup Ford F-Series. Le case automobilistiche hanno stabilimenti in Messico che potrebbero continuare a produrre alcuni modelli, purché abbiano una fornitura di componenti.

Anche se la fornitura di automobili da parte delle tre grandi di Detroit dipenderà in gran parte dalla durata dello sciopero e dalla velocità con cui si diffonderà ad altri stabilimenti – venerdì circolavano voci secondo cui altre fabbriche potrebbero essere aggiunte la prossima settimana – ci sono altri fattori.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Garrett Nelson, analista automobilistico per CFRA Research, si aspetta che i produttori eliminino gli incentivi che pagano ai concessionari per aumentare le vendite. Questi incentivi consentono ai concessionari di ridurre i prezzi degli adesivi e spesso sono mirati ai modelli a vendita più lenta.

Il più grande jolly potrebbe essere la psicologia del consumatore: acquisti dettati dal panico che farebbero aumentare i prezzi.

“L’impatto sui prezzi sarebbe quasi istantaneo”, afferma Nelson. “I concessionari diranno: ‘Guarda, non siamo sicuri di quanti veicoli aggiuntivi riceveremo.’ Potrebbe verificarsi un effetto di panico che potrebbe stimolare i consumatori a effettuare l’acquisto il prima possibile”.

See also  La Spagna vede una crescita post-COVID migliore del previsto

Poiché le auto di Ford, GM e Stellantis, il successore di Fiat Chrysler, diventeranno più difficili da trovare, ci sarà un effetto a catena. I consumatori che hanno bisogno di un veicolo si rivolgerebbero probabilmente a concorrenti non sindacalizzati come Toyota, Honda e Tesla, che sarebbero in grado di farli pagare di più.

“Inizierai a vedere che i prezzi vengono influenzati ovunque, e non solo nel nuovo segmento del business”, afferma Drury. “I valori delle auto usate, che hanno registrato un lieve calo rispetto ai massimi dello scorso anno, potrebbero iniziare a risalire” poiché i consumatori cercano un’alternativa conveniente ai veicoli nuovi.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

I consumatori che noleggiano il proprio veicolo e stanno arrivando alla fine del periodo potrebbero essere particolarmente vulnerabili. Drury afferma che le società di leasing rivogliono indietro le loro auto mentre il mercato delle auto usate è caldo e potrebbero non essere disposte a estendere il contratto di locazione.

Chi acquista in questo momento un’auto nuova, usata o noleggiata sarà colpito anche da tassi di interesse più elevati. Secondo Bankrate, questa settimana il tasso medio per un prestito per un’auto nuova è stato del 7,46%, mentre per un’auto usata è stato dell’8,06%.

Le tariffe elevate stanno contribuendo a un aumento dei rifiuti da parte dei consumatori che desiderano acquistare una corsa. La Federal Reserve Bank di New York ha dichiarato questo mese che il tasso di rifiuto dei prestiti auto è ora del 14,2%, il più alto da quando la banca ha iniziato a monitorare i dati nel 2013 e in aumento rispetto al 9,1% di sei mesi fa. (I rifiuti sono in aumento anche per mutui, carte di credito e altri prestiti, poiché gli istituti di credito si ribellano al crescente numero di persone che restano indietro nei pagamenti. Il debito delle famiglie è in aumento.)

I prezzi delle automobili stavano aumentando molto prima che i lavoratori dell’industria automobilistica sollevassero anche solo la possibilità di uno sciopero. La carenza di chip, le interruzioni nella catena di approvvigionamento globale e la forte domanda hanno spinto i prezzi al rialzo.

Pubblicità 5

Contenuto dell’articolo

Secondo Kelley Blue Book, il prezzo medio per un veicolo nuovo è passato da 39.919 dollari nel 2020 a 48.798 dollari quest’anno. Le auto a buon mercato sono quasi scomparse e i consumatori sono costretti a concedere prestiti sempre più lunghi per limitare i pagamenti mensili. I prezzi delle auto usate sono aumentati notevolmente nel 2021 e nel 2022, ma quest’anno sono leggermente diminuiti.

See also  Gisele Bündchen: "Prima sopravvivevo di più, ora vivo"

È quasi certo che i prezzi aumenteranno anche se lo sciopero si risolvesse rapidamente, perché il costo del lavoro dei produttori di automobili aumenterà.

“È quasi scontato che la UAW riuscirà a ottenere sostanziali aumenti salariali”, afferma Patrick Anderson, fondatore dell’Anderson Economic Group, una società di ricerca che conduce analisi di mercato. “In parte ciò è dovuto semplicemente all’inflazione, in parte è dovuto ai profitti delle case automobilistiche, e in parte è dovuto alla leva finanziaria che la UAW ha in questo momento con scorte scarse e un’economia che ha ancora molto da fare. persone che vogliono comprare automobili.”

La UAW chiede un aumento salariale del 36% in quattro anni, oltre ad altre richieste che aumenterebbero le spese per le aziende. Ford, GM e Stellantis hanno risposto con offerte per aumentare i salari di circa la metà di tale importo.

Pubblicità 6

Contenuto dell’articolo

Il presidente dell’UAW Shawn Fain è sensibile all’impressione che i guadagni del sindacato arriveranno dai portafogli dei consumatori. Sottolinea che i prezzi stavano aumentando prima dello sciopero e afferma che la manodopera rappresenta una frazione dei costi totali delle Tre Grandi.

“Potrebbero raddoppiare i nostri salari e non aumentare i prezzi delle auto e comunque realizzare profitti per miliardi di dollari”, ha detto durante una presentazione online ai membri del sindacato questa settimana.

Tutto ciò è sufficiente per indurre molti automobilisti a considerare di evitare il parcheggio e di tenere la propria auto attuale ancora per un po’. I loro conti bancari saranno più sani senza i pagamenti dell’auto.

“Tenere aggrappato alla propria macchina non è una brutta cosa”, ha detto Drury, l’analista di Edmunds. “È molto più durevole di quanto pensi.”

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Unisciti alla conversazione

Leave a Comment