Los Angeles e altre città liberali sono tra i maggiori obiettivi poiché il problema della criminalità organizzata costa miliardi ai rivenditori

Secondo un recente sondaggio nazionale, la criminalità organizzata nel commercio al dettaglio è in aumento nelle grandi città degli Stati Uniti.

La National Retail Federation – la più grande associazione di vendita al dettaglio – ha recentemente pubblicato il suo rapporto del 2023 secondo cui i rivenditori partecipanti hanno riportato perdite di inventario, note anche come “shrink”, pari a 112 miliardi di dollari.

La criminalità organizzata nel commercio al dettaglio costituisce un gruppo di persone che effettuano rapine coordinate, solitamente pianificate attraverso i social media, in tutte le aziende. Distruggere e afferrare è una tattica comune che i ladri adottano per entrare e uscire rapidamente da un’attività commerciale con merce rubata.

Il rapporto si basa sulle informazioni fornite da 177 società di vendita al dettaglio, che rappresentano collettivamente 1,6 trilioni di dollari di vendite al dettaglio per il 2022 in 97.000 punti vendita. Rispetto al 2021, il tasso medio di differenze inventariali nell’anno fiscale 2022 è aumentato all’1,6%, rispetto all’1,4%.

OLTRE UN QUARTO DI MILIONE DI SKATEBOARD ELETTRICI A UNA RUOTA RICHIAMO A CAUSA DI MORTI E FERITI: CPSC

Bersaglio

I pedoni passano davanti a un negozio Target nel quartiere di Tenleytown a Washington, DC, il 17 agosto 2022. (Foto di MANDEL NGAN/AFP tramite Getty Images / Getty Images)

“E la verità è che non si tratta solo di grandi aziende, ma di aziende grandi e piccole. Si tratta di commercianti e rivenditori nelle strade principali, nelle piccole città di tutto il paese”, ha detto giovedì il CEO di NRF Matt Shay in una conferenza stampa con i legislatori a Capitol Hill . “E non si tratta solo dei dollari coinvolti qui, ma in alcuni casi, si tratta della tragica perdita di vite umane, della violenza, dell’aggressione, che si sta verificando in questi punti vendita.”

See also  I democratici americani ottengono vittorie elettorali in Kentucky e Ohio

Grandi città come Los Angeles, Oakland, Houston, Seattle, New York, Denver e la zona tra Sacramento e Chicago sono tra i maggiori obiettivi dei furti organizzati al dettaglio. LA è in cima alla lista per il quinto anno consecutivo.

COSTCO RICHIAMA ‘CIRCA 48.000 MATERASSI’ DA NOVAFORM DOPO IL RILEVAMENTO DI UNA MUFFA

ladri da Macy's

Gli astanti hanno registrato il video dello scontro. (@queen.v009 / NOTIZIE LOCALI X /TMX)

“[Retailers] hanno fatto tutto il possibile per rendere sicuri i loro negozi e i loro luoghi di lavoro,” ha continuato Shay. “Hanno aggiunto ulteriori misure di sicurezza, hanno protetto la merce che si trova in quei negozi, hanno formato il personale per affrontare questi problemi situazioni – e nonostante tutto ciò, abbiamo ancora bisogno di ulteriore aiuto e supporto aggiuntivo.”

Shay si è unito ai senatori Chuck Grassley, R-Iowa e Catherine Cortez Masto, D-Nev., durante la conferenza stampa di giovedì. I legislatori hanno sostenuto il Combating Organized Retail Crime Act, un disegno di legge che mira a unire diverse forze dell’ordine per contrastare la criminalità nel commercio al dettaglio.

In Iowa, Grassley ha affermato che il furto organizzato nel commercio al dettaglio è un problema da 1 miliardo di dollari.

IL PROPRIETARIO DI UN RISTORANTE IN FLORIDA ESPONE ‘DINE-AND-DASHERS’ SUI SOCIAL MEDIA E CONFRONTA UNA DONNA IN FUGA CON UNA MERCEDES

LA distruggi e afferra

L’amministratore immobiliare di Los Angeles, Nejdeh Avedian, riprende uno schianto e afferra una telecamera di sicurezza. (Fox Notizie / Fox Notizie)

OTTIENI FOX BUSINESS IN MOVIMENTO CLICCANDO QUI

“Ma bisogna anche riconoscere non solo il furto, ma anche il pericolo per i dipendenti, il costo per i consumatori. E poi l’impatto sui singoli rivenditori”, ha detto.

See also  Tamirat Tola stabilisce il record della rotta: NPR

Masto ha aggiunto: “Non posso entrare nella mia comunità in un negozio al dettaglio senza sentire qualcuno, che si tratti di un amico o di una famiglia, o di qualcuno che lavora lì che ha sperimentato questo.”

L’anno scorso, NRF ha sostenuto il Congresso affinché approvasse l’INFORM Consumers Act, che è diventato legge e ora impone ai mercati online di autenticare le identità dei venditori di terze parti ad alto volume.

Leave a Comment