La Coppa del mondo di rugby apporta miliardi all’economia francese

Sponsorizzazioni, videogiochi e biglietti: cosa porta più entrate al rugby e quanto è valido un investimento in questo sport?

ANNUNCIO

Tutti gli occhi sono puntati sul trionfo del Sud Africa o della Nuova Zelanda nella finale della Coppa del mondo di rugby 2023 di sabato, ma la Francia, nazione ospitante, ha una vittoria tutta sua: l’evento sta generando un notevole vantaggio economico per il paese.

Il Comitato Organizzatore di Francia 2023 prevede di ottenere 40 milioni di euro di profitti alla fine dei giochi, che secondo loro verranno restituiti allo sport, finanziando programmi di CSR, infrastrutture e sviluppo del rugby in Francia.

Non c’è da stupirsi che siano ottimisti: in totale per la competizione sono stati venduti circa 2,5 milioni di biglietti, con prezzi che vanno dai 10 ai 950 euro.

Si prevedeva che il torneo del 2023, la decima edizione, avrebbe attirato un totale di 600.000 visitatori stranieri per un soggiorno medio di due settimane e avrebbe apportato circa 1 miliardo di dollari (940 milioni di euro) all’economia francese.

La trasmissione delle partite ha dato i suoi frutti già a settembre, secondo l’ultimo rapporto trimestrale di TF1, uno dei maggiori attori nel panorama mediatico francese. I loro ricavi pubblicitari sui media sono stati di oltre 350 milioni di euro, con un aumento del 9,7%, trainato soprattutto dalla Coppa del mondo di rugby del mese scorso.

Un precedente rapporto rilasciato da Ernst & Young ha affermato che il torneo in Giappone nel 2019 ha registrato il più alto impatto economico mai registrato nella storia della Coppa del mondo di rugby e ha aumentato il PIL di 2,93 miliardi di dollari (2,75 miliardi di euro).

Il calcio è un gioco molto diverso

È confrontando il rugby con altri sport commerciali che si vede chiaramente l’impatto che ha. Quello ovvio è il calcio.

La Coppa del mondo di rugby è considerata uno dei primi 20 mega eventi sportivi, mentre la Coppa del mondo di calcio è tra i primi tre, e quindi prevedibilmente frutta una somma gigantesca.

“Si ritiene quindi che per World Rugby, gli organizzatori di questa particolare competizione, possano generare circa 500 milioni di dollari dalla competizione”, ha affermato Simon Chadwick, professore di sport ed economia geopolitica alla Skema Business School di Parigi.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street avanza per estendere la sua serie di vittorie consecutive a 8 giorni mentre il petrolio scende di nuovo

“Rispetto alla FIFA, la Coppa del Mondo del 2022 in Qatar ha fruttato agli organizzatori circa 7,5 miliardi di dollari”, ha aggiunto.

Da dove vengono i soldi?

Sebbene il valore finanziario del calcio possa eclissare quello del rugby sulla scena mondiale, i fondi che fluiscono attraverso il vecchio rugby non sono da disprezzare.

Ci sono tre fattori principali che mettono in positivo il bilancio della Coppa del mondo di rugby ogni quattro anni, dopo tre anni preparatori di enormi spese e investimenti.

La maggior parte delle entrate proviene dai diritti di trasmissione, seguiti da vicino dalle sponsorizzazioni e poi dai proventi derivanti dalla biglietteria e dal merchandise.

I diritti di trasmissione includono tutto, dalla trasmissione di giochi dal vivo a momenti salienti modificati, notizie e clip di social media.

La grande domanda è: quante paia di occhi può attirare la Coppa del mondo di rugby in tutto il mondo?

L’importo determina quanti accordi di sponsorizzazione possono essere stipulati e quanto l’organizzatore può addebitare per le spese di trasmissione.

“In termini di trasmissione, stiamo parlando di centinaia di milioni di persone”, ha detto Chadwick. “Ma se dovessimo paragonarli agli sport globali come, ad esempio, i Giochi Olimpici o i Mondiali di calcio, parleremmo di miliardi.

“E una volta che uno sport è in grado di offrire ai partner commerciali, agli sponsor, alle emittenti, agli investitori, miliardi di occhi, diventa improvvisamente molto attraente”, ha detto.

ANNUNCIO

Per questo motivo, diventare uno sport olimpico può rappresentare un’ancora di salvezza commerciale estremamente redditizia per un gioco come il rugby.

Il rugby, la versione dello sport giocato alla Coppa del mondo di rugby, è diventato professionistico solo nel 1995. Anche se è già apparso ai Giochi Olimpici, in particolare all’inizio del 1900, è il Sevens, la versione dal nome appropriato del gioco giocato con sette giocatori, che da allora è diventato un evento olimpico ufficiale nel 2016.

Allo stesso modo, gli accordi di sponsorizzazione vengono stipulati in base alla stessa logica: più persone guardano, più attraente è una sponsorizzazione per i grandi marchi che vogliono mostrare i propri prodotti e servizi a quante più persone possibile.

See also  I caucus delle Isole Vergini americane saranno il terzo concorso per le primarie del GOP, insieme al Nevada

L’edizione di quest’anno include sponsor come EmiratiMastercard e la compagnia ferroviaria francese SNCF.

“Stiamo osservando ricavi da sponsorizzazioni abbastanza consistenti, forse fino a 100 milioni di dollari dalla sponsorizzazione della Coppa del mondo di rugby”, ha detto Chadwick.

ANNUNCIO

Investire sui giovani per investire nello sport

Il rugby come investimento può sembrare agli inizi, ma secondo il professor Chadwick ha un chiaro potenziale.

“Il rugby è ancora in fase di trasformazione”, ha affermato. “Sta diventando sempre più popolare in territori come gli Stati Uniti, e stiamo persino iniziando a vedere squadre e competizioni organizzate in luoghi come la Cina”.

“Andando avanti nei prossimi 10-20 anni, l’attrattiva finanziaria e commerciale del rugby cambierà considerevolmente”, ha aggiunto.

Alcune società europee di private equity si stanno già dilettando in questo sport, ma la maggior parte proviene da oltre Atlantico.

“Il mercato statunitense dello sport è ancora il più grande del mondo, un terzo dell’attività economica globale nel settore sportivo ha origine negli Stati Uniti”, ha affermato Chadwick. “Quindi il fatto che gli Stati Uniti stiano iniziando a interessarsi al rugby e vedano un potenziale ritorno commerciale, penso che sia significativo”.

ANNUNCIO

Nel caso di sport come il rugby, però, un investimento può richiedere decenni per fruttare, poiché si basa su un impegno a lungo termine.

“L’impegno sostenibile molto spesso si costruisce durante l’infanzia. Questo è assolutamente cruciale per la salute a lungo termine di uno sport”, ha affermato Chadwick. “Le prove dimostrano che per molti di noi, soprattutto in Europa, quel primo sport, la prima squadra, il primo giocatore, il primo gioco che si sia mai visto si attacca. Fino a quando compirai 90 anni quella sarà ancora la tua squadra”.

Il risultato è che questo impegno spinge i tifosi a seguire la propria squadra e ad acquistare la merce per decenni.

Tuttavia, con l’enorme popolarità delle serie di videogiochi come Fifa, le basi dell’impegno a lungo termine stanno cambiando.

Electronic Arts, che sviluppa e pubblica videogiochi sportivi, lo scorso anno ha guadagnato 7,4 miliardi di dollari, l’equivalente di 6,75 miliardi di euro, con FIFA 23 che ha registrato cifre di vendita record.

ANNUNCIO

“La nuova generazione di consumatori, i bambini che oggi hanno sei o sette anni, stanno sempre più avvicinandosi allo sport, a un giocatore o a un club, tramite un gioco per console”, ha detto il professore.

See also  Eric Trump torna alla tribuna per continuare la testimonianza al processo per frode di New York

Chadwick prevede che la questione di quanto sia popolare o di successo un determinato giocatore o squadra in un gioco, in contrapposizione alla vita reale, determinerà il rapporto della prossima generazione con lo sport.

Pertanto, investire nei videogiochi rischia di rivelarsi un investimento sempre più redditizio per il mondo del rugby.

Giraffonomics: come una giraffa sensitiva può contribuire all’economia del rugby

Che ci crediate o no, lo stesso si può dire anche dell’importanza del mondo naturale per gli investimenti nel rugby.

Unendosi a un lungo elenco di creature presumibilmente psichiche in grado di prevedere i risultati sportivi, a La giraffa francese Obano ha previsto correttamente l’esito della prima partita della Francia ai Mondiali di rugby di quest’anno e di quella contro la Namibia del 21 settembre. E anche se per alcuni potrebbe essere solo un momento colorato e spensierato, in realtà può contribuire ad aumentare il numero di appassionati di rugby in tutto il mondo.

ANNUNCIO

Il gioco d’azzardo è ancora legale in Europa ed è una parte importante della vita per molti nel continente. Nonostante la regolamentazione esista, gli sponsor del gioco d’azzardo portano soldi nello sport: nelle prime tre settimane della competizione sono stati scommessi online 45 milioni di euro.

E una giraffa chiaroveggente che fa notizia può aiutare a dare una spinta.

“Serve come un modo per convincere nuovo pubblico a interagire con la concorrenza adesso, e alcune di queste persone rimarranno”, afferma Chadwick. “Diventeranno tifosi del rugby per tutta la vita a causa di ciò che accadrà nel prossimo mese. E quindi tutta questa faccenda degli animali che pronosticano i punteggi potrebbe sembrare divertente, ma ci saranno alcune persone che ne saranno sinceramente coinvolte e rimarranno fan del rugby”.

Da decenni la popolarità del rugby in tutto il mondo è in costante crescita.

Secondo la Coppa del mondo di rugby, quasi 9 milioni di persone praticano regolarmente il gioco in più di 130 paesi. In breve, man mano che lo sport cresce ulteriormente, anche l’interesse degli investitori ha il potenziale per farlo.

ANNUNCIO

Ma non possiamo predire il futuro… a differenza di una certa giraffa, a quanto pare.

Leave a Comment