Consigli per risolvere i conflitti da parte dei pacificatori del mondo reale: colpi

Shirley Chisholm, la prima donna nera eletta al Congresso degli Stati Uniti, si candidò alla presidenza nel 1972 quando ebbe una straordinaria interazione con il pro-segregazione George Wallace, allora governatore dell’Alabama. I suoi sforzi per costruire ponti con lui alla fine hanno cambiato il suo punto di vista. È qui raffigurata mentre tiene un discorso al Laney Community College durante la sua campagna presidenziale.

Howard Erker/Oakland Tribune-MediaNews Group tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Howard Erker/Oakland Tribune-MediaNews Group tramite Getty Images

Shirley Chisholm, la prima donna nera eletta al Congresso degli Stati Uniti, si candidò alla presidenza nel 1972 quando ebbe una straordinaria interazione con il pro-segregazione George Wallace, allora governatore dell’Alabama. I suoi sforzi per costruire ponti con lui alla fine hanno cambiato il suo punto di vista. È qui raffigurata mentre tiene un discorso al Laney Community College durante la sua campagna presidenziale.

Howard Erker/Oakland Tribune-MediaNews Group tramite Getty Images

Conflitti profondamente radicati stanno dividendo il mondo – e gli ambienti sociali di molte persone.

La violenza in Israele e a Gaza sta innescando discussioni spesso accese tra amici, familiari e sconosciuti. Ciò si aggiunge ad altre spaccature sempre più acute negli Stati Uniti, tra cui le lotte per il controllo delle armi, la polizia, l’aborto e altre questioni sociali e politiche.

Gli scienziati che studiano l’intersezione tra conflitto e comportamento umano affermano che è essenziale comprendere la biologia dietro alcune di queste interazioni tossiche. Diventare consapevoli dei nostri impulsi radicati, dicono, può aiutarci a imparare a diffondere le situazioni combustibili.

E alcune persone rare ma degne di nota che hanno imparato questa lezione – tra cui Nelson Mandela e la deputata statunitense Shirley Chisholm – hanno cambiato la storia.

Comprendere una risposta cablata

In quanto esseri sociali, gli esseri umani sono programmati per creare forti legami con gruppi che potrebbero aiutarci a sopravvivere contro le minacce esterne, dimostra la ricerca. È un impulso evolutivo naturale.

See also  Caso dei documenti riservati di Donald Trump e conflitti legali: NPR

Olga Klimecki, ricercatrice di neurologia e docente presso l’Università di Jena in Germania, afferma che le scansioni cerebrali mostrano con quanta forza l’identità sociale può modellare la nostra risposta emotiva alle situazioni.

Ad esempio, se qualcuno vede un compagno soffrire – un membro del proprio gruppo – il cervello reagirà con empatia. “Il mio cervello simulerebbe la sofferenza dell’altra persona riattivando come mi sento quando mi sento male”, spiega Klimecki.

Ma, invece, se è un avversario sperimentando il dolore, non solo la stessa regione empatica del cervello non è così attiva, dice, “a volte vediamo anche una maggiore attivazione legata allo schadenfreude o alla gioia maligna”.

Proviamo empatia, in altre parole, in base alle nostre affiliazioni sociali, che potrebbero essere basate su razza, etnia, religione o politica.

E non è tutto; il conflitto smorza letteralmente la capacità del nostro cervello di provare amore. Klimecki afferma che gli studi mostrano che le coppie che litigavano hanno meno attività nelle regioni del cervello che percepiscono attaccamento e affetto.

Lezioni dagli operatori di pace

Quindi cosa fare al riguardo?

Tim Phillips, un veterano esperto di risoluzione dei conflitti, ha contribuito a negoziare alcuni dei conflitti più difficili della storia moderna: il cessate il fuoco degli scontri religiosi in Irlanda del Nord e l’istituzione di quella che è diventata la Commissione per la verità e la riconciliazione del Sudafrica dopo l’apartheid.

Dice di aver visto come questi impulsi evolutivi modellano il modo in cui combattiamo con coloro che ci circondano, così come sulla scena mondiale.

Phillips non è un neuroscienziato, ma afferma che decenni di costruzione della pace gli hanno fatto apprezzare come la stabilità politica e la pace a volte dipendano dalla capacità dei singoli leader di comprendere e superare parte di quella biologia.

“Sfortunatamente, quando ignoriamo come funziona realmente il nostro cervello, ci ritroviamo sempre più nella situazione in cui ci troviamo sempre più spesso”, dice Phillips, “ovvero che stiamo lanciando cattivi approcci dopo cattivi approcci”.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street in ribasso all'inizio di martedì con pochi dati economici all'orizzonte

Il conflitto si approfondisce e si intensifica rapidamente, dice Phillips, quando sentiamo che minaccia le cose che ci stanno più a cuore: i nostri valori sacri, la nostra identità sociale o la nostra gente. Scaviamo più a fondo, diventiamo meno razionali. Quando alimentati o sfruttati, tali sentimenti possono prevalere sul nostro senso morale e trasformarsi in odio e disumanizzazione, che rendono possibili le atrocità.

Dall’apartheid alle relazioni razziali negli Stati Uniti

Per disinnescare una situazione in espansione, quindi, è necessario innanzitutto liberare un cervello preso in ostaggio dalle emozioni difensive. Phillips dice che significa dire al tuo avversario, ad esempio: “Capisco quanto questo sia importante per te; capisco che questo è fondamentale per la tua identità e la tua comunità, e rispetto i tuoi valori sacri”.

Significa riflettere l’umanità del tuo avversario. Un approccio simile, dice, può aiutare a ridurre la polarizzazione tossica. È efficace perché nel calore della discussione le persone tendono a demonizzarsi a vicenda; contrastare che può neutralizzare le ipotesi di intenti negativi.

Phillips dice di aver visto persone disarmare emotivamente l’opposizione in un disaccordo semplicemente riconoscendo la loro umanità. Può riunire feroci avversari e cambiare la storia.

Cita Nelson Mandela nel 1990, dopo 27 anni di prigionia politica, per definire il presidente sudafricano FW de Klerk – uno dei suoi rapitori – un “uomo d’onore”.

A quel tempo, il mondo si stava mobilitando dietro Mandela e diffamando de Klerk. Quindi Phillips dice che Mandela chiamandolo “onorevole” ha avuto un enorme impatto su de Klerk.

“Senza pensarci razionalmente, probabilmente è rimasto profondamente sorpreso. Ma Mandela gli ha semplicemente dato un ponte”, dice.

I due uomini continuarono a lavorare insieme per porre fine all’apartheid.

Cita un esempio meno noto del 1972: Shirley Chisholm, la prima deputata nera negli Stati Uniti, stava combattendo per la nomina presidenziale democratica con il rivale politico governatore dell’Alabama George Wallace, un feroce segregazionista.

See also  Apertura iscrizioni: cosa sapere

Dopo essere stato colpito da un tentativo di omicidio, Chisholm lo ha visitato in ospedale e ha pregato al suo capezzale per la sua guarigione.

“La figlia di Wallace in seguito disse che quel gesto di compassione cambiò completamente suo padre”, dice Phillips. Secondo quanto riferito, Wallace pianse apertamente e cambiò la sua posizione sulla segregazione razziale.

Come parlare con amici e familiari

Phillips afferma che questi approcci possono funzionare anche su scala più piccola. Recentemente, Phillips dice di averli usati per riparare un’amicizia di lunga data danneggiata da forti differenze politiche. Philips ha offerto un ramoscello d’ulivo esprimendo rispetto per il punto di vista del suo amico e apprezzamento per il background sociale che lo ha portato lì.

Nel giro di pochi giorni, l’amico tornò, dicendo che la comprensione di Phillips lo aveva spinto a riconsiderare le sue opinioni intransigenti.

“Ha letteralmente detto: ‘Mi sentivo come se potessi respirare di nuovo e la nostra relazione, e ho iniziato a cambiare idea'”, ricorda Phillips. Il suo amico ha ammesso di non essere d’accordo con molte delle piattaforme sostenute dal suo partito, anche se Phillips non stava cercando di convincerlo sulla politica.

Lui e il suo amico potrebbero ancora non essere d’accordo su molte cose, dice, ma almeno possono ancora parlare.

Se sei coinvolto in una discussione particolarmente accesa, Klimecki, il neurologo, suggerisce di fare delle “microinterruzioni” per aiutare a ritrovare la prospettiva. Suggerisce anche di adottare misure per ridurre lo stress, perché lo stress riduce la funzione in una parte del cervello che ci aiuta a pensare in modo razionale.

“Più stress cronico abbiamo, meno funziona la nostra corteccia prefrontale”, afferma.

Quindi consiglia di dormire di più, provare a respirare profondamente o pensare a qualcosa che ti faccia sentire positivo. Tutto ciò può ridurre lo stress e darti una maggiore capacità di gestire meglio i conflitti e, si spera, mantenere aperto il dialogo con i tuoi amici e i tuoi cari, anche quando non sei d’accordo.

Carmel Wroth ha modificato questa storia.

Leave a Comment