Macron sbarca nel cortile di Putin in cerca di nuovi amici e uranio

Dopo essersi trovata improvvisamente sgradita nella sua tradizionale sfera di influenza, la Francia si sta spingendo sempre più lontano.

Contenuto dell’articolo

(Bloomberg) — Dopo essersi trovata improvvisamente sgradita nella sua tradizionale sfera di influenza, la Francia si sta spingendo sempre più lontano.

Ecco perché questa settimana il presidente Emmanuel Macron si recherà nell’Asia centrale, ricca di energia, per visitare il Kazakistan e l’Uzbekistan, due fornitori dell’uranio che alimenta i reattori nucleari del paese.

Contenuto dell’articolo

Il viaggio mira a rafforzare la sicurezza energetica della Francia, secondo due persone che conoscono il pensiero del presidente francese e che hanno voluto restare anonime quando hanno parlato di questioni diplomatiche. Questi sforzi sono in linea con un più ampio sforzo europeo per diversificare i combustibili fossili russi da cui il blocco era precedentemente così dipendente.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Ma c’è un secondo motivo, hanno detto le persone, e consiste nel tentare le ex repubbliche sovietiche a guardare oltre la propria dipendenza dalla Russia. Funzionari francesi suggeriscono che la guerra in Ucraina ha sconvolto le relazioni consolidate da tempo nella regione, e questo crea un’opportunità.

Le vaste riserve di petrolio, gas e minerali dell’Asia centrale la pongono al centro di una competizione per l’influenza nella regione che è stata abitualmente il terreno di gioco della Russia.

La Cina sta estendendo la sua portata attraverso il progetto infrastrutturale della Belt and Road del presidente Xi Jinping, gli Stati Uniti stanno cercando di rafforzare la propria presenza politica, mentre l’Unione Europea sta cercando di vincolare la regione in un corridoio commerciale ed energetico che attraverserebbe il Caucaso e proseguirà verso L’Europa, bypassando la Russia.

La Francia vanta già alcuni grandi investimenti nella regione; ad esempio la società nucleare francese Orano SA – precedentemente nota come Areva – sfrutta i depositi di uranio in Kazakistan attraverso una joint venture con la Kazatomprom di proprietà statale. Approfondire la presenza di Orano sarà nel menù delle discussioni, secondo un insider della delegazione, che ha voluto restare anonimo mentre discuteva i dettagli del viaggio.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Tuttavia, la ricerca dell’uranio da parte della Francia è diventata ancora più urgente a seguito del colpo di stato avvenuto lo scorso luglio in Niger, che l’anno scorso era secondo solo al Kazakistan come principale fonte di materia prima dell’UE. Orano ha dovuto interrompere la lavorazione del minerale di uranio in uno dei suoi impianti nella repubblica del Sahara perché le sanzioni internazionali contro la giunta militare stavano ostacolando la logistica, ha affermato il mese scorso.

See also  Il ghiaccio antartico sta scomparendo, minacciando un massiccio aumento del livello del mare: NPR

Per saperne di più: Orano interrompe il trattamento dell’uranio in Niger nel mezzo delle sanzioni sulla giunta

“Il Kazakistan è fondamentale per la sicurezza energetica della Francia”, ha affermato Michael Levystone, un ricercatore con sede a Parigi presso l’Istituto francese di relazioni internazionali. “La visita di Macron ricorderà che Parigi è pronta a intensificare la cooperazione”.

Oltre ad essere il maggiore fornitore di uranio alla Francia, l’anno scorso il Kazakistan è stato anche la seconda maggiore fonte di petrolio greggio, in calo rispetto al primo posto nel 2021, secondo i dati del ministero dell’Economia francese.

Spinto dall’invasione dell’Ucraina e alimentato da preoccupazioni più profonde per l’avanzata della Cina, il Kazakistan è uno dei pochi paesi in cui all’inizio di quest’anno le nazioni del G7 hanno deciso congiuntamente di approfondire le loro partnership, secondo un diplomatico che ha familiarità con i leader del Gruppo dei Sette. “deliberazioni interne.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

Ciò significa che nel corteggiare le repubbliche senza sbocco sul mare incastrate tra Cina e Russia, Macron si ritrova parte di una tendenza più ampia.

La settimana scorsa i ministri degli Esteri di Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan si sono incontrati per la prima volta con i ministri degli Esteri dei 27 Stati membri dell’UE, secondo una dichiarazione dell’UE relativa a tale incontro, mentre a settembre il presidente Joe Biden ha incontrato i loro leader sul margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Nello stesso mese il cancelliere tedesco Olaf Scholz li ospitò a Berlino.

Nel caso della Francia, le aperture avvengono mentre il paese deve fare i conti con uno spazio di manovra sempre più limitato nella sua consueta sfera di influenza. Dal 2020, colpi di stato in nove paesi sub-sahariani hanno spaventato o rimandato a casa i diplomatici francesi, e in alcuni casi la minaccia agli interessi francesi è stata alimentata dalla Russia, sotto forma del mercenario Gruppo Wagner.

La ricerca di alleati da parte di Macron nel cortile della Russia è aiutata dall’ambivalenza dei paesi dell’Asia centrale nei confronti della guerra in Ucraina. Poiché aderiscono fedelmente alle sanzioni occidentali sulla Russia, almeno sulla carta, il suo viaggio dal 1° al 2 novembre arriva proprio mentre le relazioni commerciali di queste nazioni sono in continuo mutamento.

See also  Il mercato obbligazionario a rischio di terza perdita annuale ha bisogno di un salvataggio a punti

Pubblicità 5

Contenuto dell’articolo

Il presidente francese viaggerà con una delegazione di 15 imprenditori dei settori energetico, agroalimentare e minerario, secondo un funzionario dell’Eliseo, tra cui l’utility Electricite de France SA e la società di ingegneria Assystem SA, che fornisce competenze per costruire reattori nucleari.

Avranno notato i piani del presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev per un referendum su una centrale nucleare che ridurrebbe la dipendenza del paese dai combustibili fossili.

Il Kazakistan ha anche in programma di iniziare l’estrazione di metalli delle terre rare il prossimo anno, in un momento in cui Macron ha chiesto alla Francia di essere meno dipendente dalle materie prime cinesi cruciali per l’industria europea delle auto elettriche.

Anche così, all’inizio di quest’anno il presidente francese ha effettuato una visita di stato in Cina, sottolineando una strategia volta a prendere le distanze dalla posizione più aggressiva degli Stati Uniti nei confronti di Pechino, e in linea con i suoi tentativi di espandere l’influenza della Francia in Asia.

Macron è recentemente diventato il primo presidente francese a visitare la Mongolia, firmando in seguito un accordo per l’approvvigionamento di più uranio, mentre l’anno scorso è stato il primo leader francese a partecipare a un vertice di cooperazione economica Asia-Pacifico con i paesi del Pacifico.

—Con l’assistenza di Jonathan Tirone, Francois de Beaupuy, Nariman Gizitdinov, Tony Halpin e Sam Hall.

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Leave a Comment