Mercato azionario oggi: stabilizzazione dei rendimenti obbligazionari, grandi profitti societari, spingono presto Wall Street al rialzo

Le azioni sono nettamente in rialzo a Wall Street a causa della pressione da parte del il mercato obbligazionario si allentaalmeno per il momento, e un gran numero di grandi società statunitensi hanno pubblicato grandi numeri trimestrali.

I futures dell’S&P 500 sono saliti dello 0,6% e il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato lo 0,5% prima della campana di martedì.

I rendimenti obbligazionari si sono stabilizzati dopo che il titolo a 10 anni ha superato brevemente il 5% all’inizio di lunedì, continuando a esercitare pressione sulle azioni.

I rendimenti dei titoli del Tesoro possono dettare quanto gli investitori pagano per qualsiasi cosa, dalle azioni alle obbligazioni societarie alle criptovalute. Rendimenti più elevati rendono anche più costoso per quasi tutti prendere in prestito denaro, il che frena la crescita economica e aggiunge stress all’intero sistema finanziario.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni era al 4,86% all’inizio di martedì, in aumento rispetto al 4,85% di lunedì. Ha raggiunto fino al 5,02% Lunedì prima del ritiro.

Rendimenti obbligazionari più bassi tendono ad avvantaggiare le aziende che promettono una grande crescita perché è più facile contrarre prestiti. Ciò è stato particolarmente utile negli ultimi anni per la tecnologia e altri titoli a forte crescita.

I titoli industriali, quelli con modelli di crescita più stabili, hanno ottenuto buoni risultati in questo contesto.

Martedì General Electric è cresciuta di quasi il 5% dopo aver battuto facilmente le previsioni sugli utili di Wall Street. 3M è cresciuta del 4% e Sherwin Williams ha guadagnato il 3% prima della campana. Entrambe le società hanno inoltre superato gli obiettivi di profitto degli analisti.

See also  Una donna fa causa alla Disney per 50.000 dollari per "wedgie pregiudizievole" sullo scivolo d'acqua del Typhoon Lagoon durante un viaggio di compleanno andato storto

General Motors è cresciuta dell’1,2% dopo aver registrato un utile netto di più di 3 miliardi di dollari da luglio a settembre. Si tratta di un calo del 7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso a causa della perdita di produzione dovuta allo sciopero dei lavoratori del settore automobilistico. I dirigenti dell’azienda hanno affermato che lo sciopero dovrebbe ridurre gli utili prima delle imposte di 200 milioni di dollari a settimana.

Coca Cola è balzato del 2,4% prima della campana dopo aver aumentato le previsioni sui ricavi per l’intero anno martedì dopo un terzo trimestre più forte del previsto.

In Europa a mezzogiorno, il CAC 40 francese è sceso dello 0,6% e il DAX tedesco è scivolato dello 0,3%. Il FTSE 100 britannico è rimasto sostanzialmente invariato.

Nelle contrattazioni asiatiche di martedì, il benchmark giapponese Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,2% chiudendo a 31.062,35. L’indice S&P/ASX 200 di Sydney è salito dello 0,2% a 6.856,90. Il Kospi della Corea del Sud è balzato dell’1,1% a 2.383,51.

L’Hang Seng di Hong Kong è sceso di quasi l’1,1% a 16.991,53, mentre lo Shanghai Composite è avanzato dello 0,8% a 2.962,24. Il Taiex di Taiwan avanza dello 0,4%.

Il benchmark di Shanghai è stato scambiato vicino ai livelli più bassi degli ultimi anni poiché le preoccupazioni per un crollo del mercato immobiliare e un rallentamento dell’economia in generale hanno portato gli investitori a svendere le azioni.

Un jolly per l’inflazione è stato il prezzo del petrolio, che è rimbalzato nelle ultime settimane tra le preoccupazioni di potenziali interruzioni delle forniture a causa degli ultimi Guerra Hamas-Israele.

Un barile di petrolio greggio americano di riferimento ha aggiunto 12 centesimi a 85,61 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Lunedì è crollato di 2,59 dollari per attestarsi a 85,49 dollari. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è aumentato di 14 centesimi a 89,97 dollari al barile. Lunedì è sceso da 2,33 dollari a 89,83 dollari al barile.

See also  La maggior parte delle persone ha un rapporto malsano con il lavoro, secondo uno studio: "Enormi opportunità"

Il petrolio statunitense era superiore a 93 dollari il mese scorso, e da allora ha oscillato su e giù a causa delle preoccupazioni che i combattimenti nella Striscia di Gaza potessero portare a interruzioni delle forniture dall’Iran o da altri grandi paesi produttori di petrolio.

Mentre le preoccupazioni per l’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro e per la guerra a Gaza pesano sui mercati, i forti profitti aziendali e la resilienza dell’economia statunitense hanno contribuito a compensare tali pressioni. Questa settimana, oltre il 30% delle società dell’indice S&P 500 riferiranno. Includono Boeing, Ford, Microsoft e Amazon.

Gli aggiornamenti economici di questa settimana includeranno un rapporto di venerdì su quanto spendono le famiglie statunitensi e che tipo di inflazione avvertono.

Nel commercio valutario, il dollaro USA è salito a 149,75 yen giapponesi da 149,71 yen. L’euro è costato 1,0637 dollari, in calo rispetto a 1,0669 dollari.

Lunedì l’indice S&P 500 è crollato dello 0,2% e il Dow Jones Industrial Average dello 0,6%.

——

Leave a Comment