Migliaia di persone dovrebbero marciare a New York per chiedere a Biden di “porre fine ai combustibili fossili”: NPR

Gli attivisti per il clima partecipano a una manifestazione fuori dal Museum of Modern Art venerdì 15 settembre 2023 a New York. Gli attivisti climatici di Extinction Rebellion NYC hanno organizzato una manifestazione fuori dal MoMA in vista della “March to End Fossil Fuels” di questo fine settimana, chiedendo al museo di porre fine alla sua partnership con KKR, una società di private equity che ha investito quasi 15 miliardi di dollari in progetti sui combustibili fossili.

Michael M. Santiago/Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Michael M. Santiago/Getty Images


Gli attivisti per il clima partecipano a una manifestazione fuori dal Museum of Modern Art venerdì 15 settembre 2023 a New York. Gli attivisti climatici di Extinction Rebellion NYC hanno organizzato una manifestazione fuori dal MoMA in vista della “March to End Fossil Fuels” di questo fine settimana, chiedendo al museo di porre fine alla sua partnership con KKR, una società di private equity che ha investito quasi 15 miliardi di dollari in progetti sui combustibili fossili.

Michael M. Santiago/Getty Images

Helen Mancini ricorda l’ultima grande marcia per il clima a New York City, quando l’allora adolescente attivista Greta Thunberg parlò a una folla di migliaia di persone, chiedendo ai leader mondiali di agire contro il riscaldamento globale.

Mancini all’epoca frequentava le scuole medie. Ricorda di essersi rivolta ai suoi genitori frustrata.

“E li ho semplicemente guardati e ho pensato, come avete potuto non dedicare la vostra vita a fermare tutto questo?” lei disse.

Ma l’ondata di proteste giovanili per il clima si è placata, ostacolata in parte dalla pandemia.

Ora, quattro anni dopo, i manifestanti si stanno nuovamente radunando in città, e questa volta Mancini, che ora ha 16 anni, sta aiutando a organizzarlo.

Questa volta i manifestanti marciano con un messaggio specifico per il presidente Biden: è ora che gli Stati Uniti abbandonino il petrolio e il gas.

See also  Altri attacchi aerei su Gaza oggi mentre gli aiuti restano bloccati in Egitto; Alle truppe israeliane è stato detto di "essere pronte" all'invasione

“[This] La marcia è estremamente chiara su ciò che è necessario fare per risolvere effettivamente il clima”, ha affermato Jean Su, direttore della giustizia energetica presso il Centro per la diversità biologica e uno degli organizzatori della marcia. “In realtà mira a porre fine ai combustibili fossili”.

I manifestanti chiedono a Biden di fermare le approvazioni federali di nuovi progetti di combustibili fossili, di eliminare gradualmente le trivellazioni di petrolio e gas su terreni pubblici e di dichiarare il cambiamento climatico un’emergenza nazionale. Vogliono che gli Stati Uniti interrompano le esportazioni di petrolio e gas e passino a una dipendenza dalle energie rinnovabili.

La combustione di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas rimane il principale motore del riscaldamento globale.

Preparare il terreno per il “Vertice sull’ambizione climatica”

Gli organizzatori sperano che la marcia di domenica sarà la più grande protesta climatica negli Stati Uniti dallo sciopero del 2019, che portò decine di migliaia di persone nelle strade di Manhattan mentre altri milioni marciarono in tutto il mondo.

La marcia arriva dopo un’estate segnata da eventi meteorologici estremi aggravati dai cambiamenti climatici, dalle storiche ondate di caldo negli Stati Uniti, in Europa e in Asia, agli incendi mortali a Maui e alle catastrofiche inondazioni dal Brasile alla Cina alla Libia.

E arriva pochi giorni prima di un “vertice sull’ambizione climatica” ospitato dal segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, volto a fare pressione sui leader mondiali affinché si impegnino per tagli più rapidi alle emissioni. Guterres ha affermato che solo i paesi che presenteranno nuovi piani credibili – inclusa l’eliminazione graduale dei combustibili fossili – saranno invitati a partecipare. Biden non ha intenzione di partecipare.

Gli scienziati affermano che il mondo deve limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) sopra i livelli preindustriali per evitare gli impatti più catastrofici del cambiamento climatico. Per raggiungere questo obiettivo, l’ONU afferma che le emissioni devono diminuire del 43% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2019, e infine raggiungere lo zero netto entro il 2050, il che significa non contribuire con nuovi gas serra all’atmosfera.

See also  Una donna fa causa alla Disney per 50.000 dollari per "wedgie pregiudizievole" sullo scivolo d'acqua del Typhoon Lagoon durante un viaggio di compleanno andato storto

In un rapporto di questo mese, le Nazioni Unite hanno riscontrato che i paesi non riescono a raggiungere gli obiettivi climatici esistenti e hanno avvertito che c’è una “finestra che si restringe rapidamente” in cui agire.

Gli attivisti sperano che il vertice possa puntare i riflettori sul ruolo dei combustibili fossili, ha detto Su.

“Questo è un punto di pressione dall’alto verso il basso, da parte delle Nazioni Unite, e negli Stati Uniti si sta incontrando una pressione dal basso verso l’alto”, ha detto.

Sfidare Biden come “presidente del clima”

Gli organizzatori si dicono particolarmente delusi che Biden non abbia mantenuto la promessa elettorale di fermare le nuove trivellazioni sui terreni federali. L’amministrazione ha approvato alcuni progetti, in particolare il progetto Willow, un importante progetto petrolifero in Alaska, e il Mountain Valley Pipeline, che trasporterà gas naturale dal West Virginia.

“Penso che la realtà ora sia che Biden non è stato il presidente per il clima che aveva promesso”, ha detto Alice Hu, attivista senior per il clima presso le Community for Change di New York.

In una dichiarazione, la Casa Bianca ha difeso il primato climatico di Biden, facendo riferimento all’Inflation Reduction Act dello scorso anno, che indirizza centinaia di miliardi di dollari verso incentivi per le energie rinnovabili e altre tecnologie a basse emissioni di carbonio.

“Il presidente Biden ha trattato il cambiamento climatico come un’emergenza – la minaccia esistenziale del nostro tempo – fin dal primo giorno”, ha detto un portavoce della Casa Bianca.

L’amministrazione ha anche designato milioni di acri di terreni pubblici off-limits allo sviluppo di petrolio e gas, e recentemente ha cancellato controversi contratti di locazione di petrolio e gas nell’Arctic National Wildlife Refuge.

See also  La causa della morte di Matthew Perry è sconosciuta; La polizia di Los Angeles afferma che "non c'erano segni evidenti di trauma"

Ma Hu dice che l’amministrazione deve fare di più. Sottolinea che gli Stati Uniti rimangono uno dei maggiori produttori di petrolio e gas al mondo. E sostiene che Biden rischia di alienare gli elettori più giovani.

“Vuole essere un candidato che gode di un’elevata affluenza giovanile alle urne negli stati chiave, o vuole essere un candidato a cui non piace?” Ha detto Hu.

“Ne va del nostro futuro”

Mancini è d’accordo. Attualmente frequenta la scuola superiore e fin dal primo anno organizza scioperi scolastici con il gruppo giovanile per il clima Fridays for Future. Ma dice di non aver mai ricevuto tanto interesse per il suo lavoro da parte degli altri studenti quanto quando la notizia del Willow Project è diventata virale su TikTok.

“Il Progetto Willow è qualcosa che Biden ha approvato, e molte persone della mia generazione sanno che Biden lo ha approvato”, ha detto Mancini.

“Quel tradimento è stato così netto in quel momento”, ha detto Keanu Arpels-Josiah, 18 anni.

Arpels-Josiah ha detto di essersi offerto volontario per la campagna Biden del 2020 mentre era ancora alla scuola media, perché credeva che Biden sarebbe stato un “presidente per il clima”. Ora sta marciando per fare pressione su quel presidente.

Nei giorni precedenti la marcia, Arpels-Josiah è stato impegnato. Si è recato a Washington, DC, per una manifestazione sui gradini del Campidoglio e ha incontrato i funzionari delle Nazioni Unite. È indietro con i compiti ed è stressato per quando li finirà. Trovare un equilibrio tra scuola superiore e organizzazione del clima è una sfida. Ma, dice, non sente di avere scelta.

“Ho la capacità di agire, e se hai la capacità di agire, hai la responsabilità per tutti coloro che non hanno quella capacità di agire”, ha detto Arpels-Josiah.

“E inoltre è personale”, ha detto. “Ne va del nostro futuro.”

Michael Copley di NPR ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment