Regno Unito: le bevande analcoliche saranno etichettate come “vino” in un contesto di allentamento delle regole del settore

Il governo britannico vuole annacquare il vino nel tentativo di rendere più facile la vita dei consumatori e favorire l’industria vinicola britannica post-Brexit.

ANNUNCIO

IL regole rilassate proposte dal Dipartimento per l’Ambiente, l’Alimentazione e gli Affari Rurali entreranno in vigore il 1° gennaio 2024 dopo essere state approvate in parlamento alla fine di questo mese.

I cambiamenti non saranno obbligatori, ma mirano ad allentare le regole attuali e ad aiutare il Regno Unito a trarre vantaggio dalla vita post-Brexit, poiché il paese ha ancora molte normative UE in vigore dai tempi in cui era membro del blocco.

Ad esempio, la menzione “importatore” o “importato da” non sarà più obbligatoria sulle bottiglie di vino importate, come avviene nei paesi dell’UE.

Promuovere l’industria del vino nel Regno Unito

Molte forme di trasformazione del vino saranno rese legali, come ad esempio dolcificare e gassare la bevanda (rendere il vino frizzante) una volta raggiunto il Regno Unito.

Le attuali restrizioni implicano che il vino importato deve già essere imbottigliato, il che “aggiunge costi e aumenta le emissioni di carbonio”, sostengono le autorità.

Anche la miscelazione di varietà di vino sarà resa legale senza restrizioni nel Regno Unito, a differenza dell’UE, con le autorità che insistono che migliora la “commerciabilità del vino”.

La piquette, attualmente illegale in tutta l’UE e nel Regno Unito, utilizza la vinaccia di vino (ciò che resta dell’uva dopo l’estrazione del succo), con acqua aggiunta durante il processo di fermentazione. Deriva dalla lingua francese, dove è un termine usato per descrivere il vino di bassa qualità.

Le autorità britanniche affermano che la legalizzazione del piquette “consentirà ai produttori di vino di monetizzare quello che altrimenti sarebbe uno spreco di prodotto”.

See also  World Travel Market Londra: i leader del settore parlano di turismo verde, conservazione e "vacanze lente"

Saranno allentate anche le regole sulla forma delle bottiglie di vino e dei loro tappi: niente più tappi obbligatori a forma di fungo ricoperti da una guaina di alluminio per gli spumanti, né bottiglie sottili a collo lungo riservate ai vini dell’Alsazia.

L’industria vinicola del Regno Unito non si riferisce solo agli importatori e ai venditori di vino, poiché la coltivazione del vino è un’industria fiorente nel paese, in parte a causa del clima più caldo legato al cambiamento climatico.

Secondo Wines of Great Britain, l’ente vinicolo britannico, i vigneti del paese sono molto giovani, poiché il 59% della superficie vitata odierna è stata piantata negli anni 2010.

Secondo Wines of Great Britain, le vendite di vino coltivato in Inghilterra e Galles sono aumentate del 70% dal 2020, e il settore complessivo dovrebbe crescere del 50% entro il 2025. ultimo rapporto.

Bevande analcoliche da etichettare come vino

Attualmente un alcol a base di succo d’uva può essere chiamato “vino” purché la bevanda sia stata trasformata secondo un processo specificatamente definito e contenga tra l’8,5% e il 15% di alcol. Sono previste alcune esenzioni per le etichette geografiche protette.

Secondo le nuove normative, la parola “vino” può essere utilizzata per bevande contenenti meno dell’8,5% di alcol, comprese quelle prive di alcol.

La commercializzazione del “vino analcolico” sarebbe consentita dalle nuove regole. Nonostante sia largamente utilizzato nel linguaggio comune, attualmente è vietata l’etichettatura ufficiale su una bottiglia di vino.

Le autorità britanniche affermano che autorizzare l’etichettatura di bevande analcoliche, come vino e birra analcolici, in genere non confonderebbe i clienti.

Anche se vale la pena notare che il governo assume una posizione opposta rispetto alla proposta di repressione delle bevande e dei prodotti alimentari vegani, poiché segnalato da Unearthed all’inizio di quest’anno.

See also  Il divieto della California sulle armi d'assalto rimane in vigore dopo che i giudici hanno concesso la sospensione: NPR

Il Regno Unito segue ancora il regolamento UE del 1987 che vieta ai prodotti a base vegetale di essere etichettati come latte, come il “latte di mandorle”.

ANNUNCIO

Il Regno Unito potrebbe andare oltre e vietare che le parole “yogurt” o “formaggio” vengano utilizzate anche per prodotti a base vegetale, secondo Unearthed, adottando l’opinione dell’industria lattiero-casearia secondo cui commercializzare prodotti a base vegetale in quanto tali confonde i consumatori.

Leave a Comment