I pubblici ministeri affermano che Bankman-Fried ha costruito una “piramide di inganni” alla conclusione del processo

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’impero crittografico di Sam Bankman-Fried era una “piramide di inganni” che mascherava un piano per rubare miliardi di dollari ai clienti del suo scambio FTX, hanno affermato i pubblici ministeri statunitensi nelle argomentazioni conclusive del processo penale dell’ex magnate a New York.

Mercoledì mattina, indicando teatralmente l’imputato 31enne, l’assistente procuratore americano Nick Roos ha detto: “quest’uomo, Samuel Bankman-Fried” era responsabile di aver fatto irruzione nei conti dei depositanti di FTX per fare una serie di scommesse rischiose, rimborsare prestiti e acquistare immobiliare.

“Ha speso i soldi dei clienti e ha mentito al riguardo”, ha aggiunto Roos, sostenendo che Bankman-Fried e la sua azienda affermavano di essere il “modo più sicuro e semplice per acquistare criptovalute” nelle campagne pubblicitarie con le celebrità Larry David e Tom Brady.

Le osservazioni sono arrivate al termine di cinque settimane di testimonianze che hanno fatto luce sul funzionamento interno di FTX, crollata lo scorso novembre con un buco di 8 miliardi di dollari nel suo bilancio. Bankman-Fried si è dichiarato non colpevole delle accuse contro di lui, che includono frode e riciclaggio di denaro, e rischia potenzialmente decenni di prigione se condannato.

La giuria composta da 12 persone ha ascoltato gli ex dirigenti della borsa e del suo hedge fund affiliato Alameda Research, inclusi i testimoni che hanno collaborato Caroline Ellison, Gary Wang e Nishad Singh. Hanno puntato il dito contro Bankman-Fried, sostenendo che aveva ordinato loro di consentire il saccheggio segreto di un massimo di 65 miliardi di dollari di fondi dei clienti di FTX.

See also  c'è ancora spazio per altre escursioni o è questa la fine?

Bankman-Fried ha preso la parola e ha affermato sotto giuramento di aver appreso dell’appropriazione indebita di denaro per la prima volta un mese prima del crollo di FTX. Ha trascorso gran parte della sua testimonianza suggerendo che le complesse strategie di trading rendevano impossibile per chiunque essere pienamente al passo con la gestione del rischio di FTX e Alameda.

Nelle sue osservazioni conclusive, Roos ha cercato di respingere tali affermazioni. “Non si tratta di questioni complicate legate alla criptovaluta, né di copertura. . . è una questione di bugie, è una questione di furto, è una questione di avidità”, ha detto alla corte. “Ha preso i soldi, sapeva che era sbagliato, e lo ha fatto comunque.”

Bankman-Fried, ha affermato, “pensava di poter uscire da questa situazione”, sottolineando che l’ex miliardario “non ha dovuto testimoniare in questo processo” ma “ha raccontato una storia [and] ti ha mentito”.

Roos ha detto che mentre l’imputato parlava fluentemente quando interrogato dal suo stesso avvocato, “era una persona diversa” durante il controinterrogatorio e “non riusciva a ricordare un singolo dettaglio” del presunto piano, sostenendo circa 140 volte di non riuscire a ricordare specifiche.

“Ha affrontato ogni domanda come se l’alto fosse il basso e il basso fosse l’alto”, ha aggiunto Roos.

Il pubblico ministero ha sottolineato le prove presentate durante il caso del governo, inclusi “fogli di calcolo segreti” preparati da Ellison con bilanci alternativi da fornire agli investitori che nascondevano l’entità dell’utilizzo dei fondi dei clienti di FTX e l’istituzione di una linea di credito per Alameda che gli ha permesso di fare “furti illimitati”.

See also  Gli Stati Uniti prendono di mira la rete finanziaria di Hamas con sanzioni dopo l’attacco israeliano

Roos ha inoltre sostenuto che per credere alla versione degli eventi di Bankman-Fried, secondo cui gestiva due attività di successo ma è stato colto di sorpresa da una flessione dei mercati delle criptovalute e da una campagna diffamatoria da parte del concorrente Binance, “dovresti credere che l’imputato. . . da chi si è laureato[the Massachusetts Institute of Technology]. . . era effettivamente all’oscuro”.

Ellison, Wang e Singh, che si sono tutti dichiarati colpevoli di frode, hanno contraddetto il racconto di Bankman-Fried, ha detto Roos, ricordando alla giuria che “se credete che anche uno solo di questi testimoni stia dicendo la verità. . . l’imputato è colpevole”.

Si prevede che gli avvocati di Bankman-Fried forniranno le loro argomentazioni finali più tardi mercoledì. La giuria inizierà le deliberazioni dopo che entrambe le parti avranno terminato.

Leave a Comment