I venezuelani superano per la prima volta i messicani negli attraversamenti illegali della frontiera statunitense: NPR

Il presidente Biden guarda verso un grande cartello “Benvenuti in Messico” appeso sul Ponte delle Americhe mentre visita il porto di ingresso a El Paso, in Texas, l’8 gennaio.

Andrew Harnik/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Andrew Harnik/AP

Il presidente Biden guarda verso un grande cartello “Benvenuti in Messico” appeso sul Ponte delle Americhe mentre visita il porto di ingresso a El Paso, in Texas, l’8 gennaio.

Andrew Harnik/AP

SAN DIEGO – I venezuelani sono diventati la più grande nazionalità arrestata per aver attraversato illegalmente il confine degli Stati Uniti, sostituendo i messicani per la prima volta nella storia, secondo i dati diffusi sabato che mostrano che settembre è stato il secondo mese con il maggior numero di arresti di tutte le nazionalità.

I venezuelani sono stati arrestati 54.833 volte dalla polizia di frontiera dopo essere entrati dal Messico a settembre, più del doppio rispetto ai 22.090 arresti di agosto e ben al di sopra del precedente massimo mensile di 33.749 arresti nel settembre 2022.

Secondo la US Customs and Border Protection, gli arresti di tutte le nazionalità in entrata dal Messico sono stati pari a 218.763 a settembre, in aumento del 21% rispetto ai 181.084 di agosto e avvicinandosi al massimo storico di 222.018 a dicembre 2022. Gli arresti per l’anno finanziario del governo terminato il 30 settembre hanno superato i 2 milioni per il secondo anno consecutivo, in calo del 7% rispetto al massimo storico di oltre 2,2 milioni di arresti nello stesso periodo dell’anno precedente.

Il Venezuela è precipitato in una crisi politica, economica e umanitaria nell’ultimo decennio, spingendo più di 7 milioni di persone ad andarsene. Inizialmente si stabilirono nei paesi vicini dell’America Latina, ma negli ultimi tre anni iniziarono a venire negli Stati Uniti, stabilendosi a New York, Chicago e in altre grandi città.

L’amministrazione Biden ha recentemente annunciato uno status legale temporaneo per quasi 500.000 venezuelani che erano già negli Stati Uniti il ​​31 luglio, promettendo al contempo di deportare coloro che arriveranno illegalmente dopo tale data e non riusciranno a ottenere asilo. Recentemente ha avviato voli di deportazione verso il Venezuela come parte di un disgelo diplomatico con il governo di Nicolás Maduro, avversario di lunga data.

Gli Stati Uniti “hanno aumentato risorse e personale” al confine a settembre, ha affermato Troy Miller, commissario ad interim per le dogane e la protezione delle frontiere.

“Ci impegniamo continuamente con partner nazionali e stranieri per affrontare la migrazione storica dell’emisfero, compresi i grandi gruppi di migranti che viaggiano sui treni merci, e per applicare le conseguenze, anche preparandosi per i rimpatri diretti in Venezuela”, ha affermato Miller.

Per decenni, i messicani hanno rappresentato la stragrande maggioranza degli attraversamenti illegali, ma nell’ultimo decennio i flussi si sono spostati verso i centroamericani e, più recentemente, verso persone provenienti dal Sud America, dall’Africa e dall’Asia.

I messicani sono stati arrestati 39.733 volte mentre attraversavano il confine a settembre, molto indietro rispetto ai venezuelani. Guatemaltechi, honduregni e colombiani completano i primi cinque posti.

I repubblicani hanno colto al volo gli ultimi numeri mentre i principali candidati presidenziali hanno cercato di inquadrare il confine come una questione importante nelle elezioni del prossimo anno.

“L’anno fiscale potrebbe essere terminato, ma la storica crisi al nostro confine sud-occidentale, innescata dalle politiche di Mayorkas (il segretario per la sicurezza nazionale Alejandro), infuria”, ha affermato il deputato Mark Green del Tennessee, presidente del comitato per la sicurezza nazionale della Camera.

L’amministrazione Biden ha proposto circa 14 miliardi di dollari per il confine in un pacchetto di spesa di 106 miliardi di dollari annunciato venerdì e ha insistito sul fatto che qualsiasi soluzione a lungo termine richiede l’aiuto del Congresso.

L’amministrazione ha adottato un approccio “bastone e carota” con nuovi percorsi legali per chiedere asilo con restrizioni per coloro che non vi aderiscono.

Circa 43.000 migranti sono entrati nel paese attraversando i valichi di terra con il Messico a settembre utilizzando un’app mobile chiamata CBP One, portando il totale a quasi 278.000 da quando è stato avviato il sistema di appuntamenti online a gennaio. Inoltre, più di 265.000 persone provenienti da Cuba, Haiti, Nicaragua e Venezuela sono entrate negli aeroporti fino a settembre dopo aver fatto domanda online con gli sponsor finanziari.

Includendo questi percorsi legali, il numero di attraversamenti ha raggiunto un nuovo massimo mensile di tutti i tempi di 269.735 a settembre e un nuovo massimo annuale di bilancio di quasi 2,5 milioni.

See also  Donald Trump Jr. sarà il primo testimone della difesa nel processo per frode di New York

Leave a Comment