La Fed sviluppa scenari di stress test più ampi: Barr

La Federal Reserve sta sviluppando ulteriori scenari ipotetici per lo stress test del prossimo anno, mentre la banca centrale cerca di ampliare i metodi che utilizza per identificare i punti deboli nelle maggiori banche della nazione, ha detto giovedì il vicepresidente della Fed per la supervisione Michael Barr.

Intervenendo alla conferenza di ricerca sugli stress test presso la Federal Reserve Bank di Boston, Barr ha affermato che gli scenari aggiuntivi sarebbero “esplorativi” e non verrebbero utilizzati per stabilire i requisiti di buffer di capitale di stress di una banca.

“Sebbene il nostro stress test sia una misura importante della forza e della resilienza del sistema bancario, dobbiamo riconoscere che presenta dei limiti, come qualsiasi altro esercizio”, ha affermato Barr. “L’obiettivo dello stress test dovrebbe essere quello di fornire una copertura sufficiente di i tipi di scenari gravi ma plausibili che potrebbero avere un impatto negativo sulle operazioni di una banca, e la combinazione di scenari e shock dovrebbe essere curata per raggiungere questo obiettivo.”

La Fed ha già fatto un passo avanti per ampliare il test con cui valuta la capacità delle banche di resistere a una recessione economica.

Per la prima volta, i funzionari della Fed hanno incluso uno “shock esplorativo del mercato”. l’esame di quest’annovolto a verificare se i portafogli di negoziazione delle otto maggiori banche potessero resistere alle pressioni inflazionistiche e all’aumento dei tassi di interesse.

I funzionari della Fed hanno affermato che lo shock extra, che non è stato utilizzato per fissare i requisiti patrimoniali, servirebbe da studio per aiutare la banca centrale a decidere i futuri scenari di test e il modo in cui verranno condotti.

See also  I profitti di Barclays diminuiscono mentre le negoziazioni e le trattative rallentano

Barr giovedì ha affermato che l’aggiunta di ulteriori scenari risolverebbe i limiti degli attuali stress test della Fed.

“Ulteriori scenari di stress test esplorativi potrebbero consentire alle autorità di vigilanza di sondare meglio la gestione interna del rischio delle aziende e valutare se detengono capitale sufficiente per i loro rischi”, ha affermato.

L’attuale stress test utilizza un unico scenario incentrato su una recessione guidata dal credito e un unico shock del mercato globale per testare la condizione finanziaria delle imprese, ha affermato Barr.

“Un unico scenario non può coprire la gamma di rischi plausibili affrontati da tutte le grandi banche. Ciò è stato confermato più e più volte, anche nelle recenti esperienze”, ha affermato Barr, riferendosi al crollo primaverile di tre banche regionali.

I fallimenti della Silicon Valley Bank, della Signature Bank e della First Republic Bank dimostrano che le tensioni bancarie possono emergere anche senza una grave recessione, ha affermato Barr.

L’attuale scenario degli stress test della Fed prevede un picco del tasso di disoccupazione almeno al 10%, nonché un forte calo dei prezzi delle case.

“Tali condizioni sono storicamente associate a un’inflazione contenuta e a un calo dei tassi di interesse”, ha affermato Barr. “Il fatto che un significativo stress bancario sia emerso in condizioni molto diverse sottolinea i limiti dei nostri attuali processi di stress test”.

L’esercizio annuale della Fed, messo in atto dopo la crisi finanziaria del 2008, mira a garantire che le banche più grandi del paese possano resistere a una grave recessione. I risultati individuali influiscono direttamente sui requisiti patrimoniali di una banca, determinando la quantità di margine che un’azienda deve mantenere per proteggersi dallo stress economico.

See also  CFPB presenta la proposta di open banking

Tutte le 23 banche esaminate sono rimaste al di sopra dei requisiti patrimoniali minimi previsti dall’esame del 2023.

Barr non ha detto quanti scenari esplorativi la Fed potrebbe aggiungere al test del prossimo anno, né ha condiviso quali scenari aggiuntivi esamineranno.

Ma l’elenco potrebbe essere piccolo, dato il numero limitato di modelli di business bancari unici e di variabili che contribuiscono alle perdite, ha affermato.

“[A] Un numero relativamente piccolo di scenari potrebbe essere tutto ciò che serve per cogliere un’ampia gamma di risultati per il sistema bancario”, ha affermato.

Barr ha sottolineato che lo stress test annuale della banca centrale “deve continuare ad evolversi”.

“L’introduzione di molteplici scenari esplorativi – sia per lo scenario macroeconomico più ampio che per lo shock del mercato globale per le banche commerciali – sarebbe utile per supervisionare i potenziali rischi sui bilanci bancari”, ha affermato. “Questi continui aggiustamenti contribuiranno a garantire, in linea con l’intento originale del Dodd-Frank Act, che lo stress test rimanga uno strumento potente e rilevante per valutare se le grandi banche sono resilienti e se il nostro sistema finanziario è solido”.

Barr ha già discusso della modifica dello stress test annuale della Fed.

A giugno, ha affermato che la banca centrale potrebbe sperimentare lo stress test inverso, una pratica che potrebbe servire come strumento più mirato per misurare la resilienza di una banca rispetto al tipico processo di combinazione di diversi fattori ipotetici e di loro applicazione su vasta scala a dozzine di banche.

Leave a Comment