Il funzionario della Fed Reserve Michael Barr chiede una regolamentazione delle stablecoin

Stablecoin
Il vicepresidente della Federal Reserve per la vigilanza Michael Barr Fonte: YouTube/FederalReserveBoston

Le autorità di regolamentazione statunitensi stanno finalmente discutendo il tema degli asset digitali garantiti da valuta fiat, popolarmente conosciuti come stablecoin.

Secondo Michael Barr, vicepresidente della Federal Reserve per la supervisione, è fondamentale che anche le stablecoin ricadano sotto la supervisione del governo.

Presentando la sua idea a una conferenza ospitata a Washington DC, Barr ha affermato inequivocabilmente che la capacità di una stablecoin di essere ancorata a qualsiasi valuta emessa dal governo la rende denaro privato.

Inoltre, queste valute fiat digitalizzate fungono da mezzi di pagamento e meccanismi di stoccaggio del valore, il che significa che prendono in prestito la fiducia della banca centrale.

Barr, nominato dal presidente Biden il principale poliziotto bancario della Federal Reserve, ha sostenuto che le stablecoin devono essere regolamentate alla luce di questi forti indicatori.

Ampliando la sua posizione, ha osservato che è essenziale che le stablecoin siano soggette a un adeguato quadro finanziario prudenziale per evitare di porre rischi alla stabilità finanziaria o all’integrità dei sistemi di pagamento.

“Abbiamo anche fornito indicazioni adeguate alle banche da noi supervisionate su come dovrebbero interagire con i loro supervisori quando considerano l’uso di questi prodotti”, ha aggiunto Barr.

Le osservazioni di Barr si collegano alla crescente convinzione tra i regolatori statunitensi sulla necessità di un controllo forte sullo spazio crittografico.

Negli ultimi anni, le richieste di un’adeguata supervisione dell’economia decentralizzata in rapida crescita hanno echeggiato attraverso le mura di Washington DC. Tuttavia, le stablecoin sono state quelle meno considerate.

Finora quest’anno, la Fed, che funge da equivalente statunitense di una banca centrale, ha dato uno sguardo più superficiale al potenziale impatto che una valuta sovrana digitalizzata controllata privatamente potrebbe avere sull’economia.

See also  "Abbiamo ottenuto sentenze per un valore di 5 miliardi di dollari" Gary Gensler racconta i risultati ottenuti in mezzo alle reazioni negative

A tal fine, nell’agosto di quest’anno, la Federal Reserve ha lanciato una nuova serie di guardrail mirati specificamente alle criptovalute e alle stablecoin.

Nella sua serie di regole, la Fed ha annunciato il lancio di un nuovo programma denominato in codice SR 23-7, che sta per Novel Activity Supervision Program.

In questo nuovo contesto, la Fed ha affermato che cercherà di rafforzare la supervisione delle nuove tecnologie utilizzate dagli istituti bancari sotto la sua competenza.

Queste nuove tecnologie hanno preso di mira le risorse crittografiche, la tecnologia blockchain e le complesse partnership basate sulla tecnologia con entità non bancarie per fornire servizi finanziari ai clienti.

Per quanto riguarda gli obiettivi del programma SR 23-7, la banca centrale ha specificato che sarà incentrato sul rischio e complementare alle linee guida di vigilanza esistenti progettate per regolamentare le attività bancarie.

In un comunicato stampa correlato, la Federal Reserve ha dichiarato che alle banche non verrà impedito di partecipare alle attività sulle stablecoin.

Tuttavia, prima di iniziare, sarebbe loro richiesto di dimostrare al prestatore di ultima istanza della nazione che sono in atto le opportune misure di sicurezza.

Una decisione sulla CBDC non ancora presa

Barr, che ricopre il ruolo di vicepresidente per la vigilanza, nel suo discorso ha anche accennato alla lunga ricerca di una valuta digitale della banca centrale (CBDC).

Ha affermato che la banca centrale sta attualmente consultando un’ampia gamma di esperti sulla tecnologia emergente più solida e appropriata che potrebbe supportare una valuta digitale sostenuta da uno stato sovrano.

Questa ricerca si concentra sull’architettura del sistema end-to-end, sulla sicurezza, sulla verifica e sui modelli di tokenizzazione per le CBDC. Tuttavia, ha affermato che non è stata presa una decisione unanime sull’opportunità o meno di emettere una CBDC.

See also  La quotazione dell'ETF DTCC di Invesco Galaxy Bitcoin segnala un potenziale lancio, in attesa dell'approvazione della SEC Da Investing.com

Il funzionario della Fed, tuttavia, ha affermato che la decisione ultima spetta al Congresso americano e alla Casa Bianca.

Mentre gli Stati Uniti si sono dimostrati riluttanti ad avviare un programma CBDC, la sua controparte europea sta dando il massimo con i piani per un euro digitale.

Secondo un tweet del 19 ottobre su X (ex Twitter) del capo della Banca centrale europea (BCE) Christine Lagarde, il consiglio direttivo della BCE ha dato il via libera per avviare la fase di preparazione.

Leave a Comment