L’abolizione del tetto massimo dei bonus nel Regno Unito non farà molto per la competitività

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Lo scrittore è autore di numerosi libri sulla City e Wall Street

L’abolizione del tetto massimo ai bonus bancari nel Regno Unito la scorsa settimana crea il classico scenario “testa vinciamo, croce vinciamo” per il settore dei servizi finanziari. Ma l’errore è stato l’imposizione del tetto da parte dell’UE, non l’abrogazione della Banca d’Inghilterra. Quali sono state le conseguenze della misura originaria e quali sono, eventualmente, i vantaggi della sua revoca?

Il tetto è stato imposto nel 2014, quando il sentiment post-crisi finanziaria era ancora molto crudo. Le nuove leggi bancarie europee erano generalmente in linea con gli standard globali, ma nel pacchetto i politici hanno inserito un tetto massimo ai bonus che si applicherebbe ad alcuni banchieri che svolgono attività di servizi finanziari in Europa. I bonus sarebbero limitati al 100% dello stipendio per coloro che assumono rischi materiali e per i loro manager, salendo al 200% con l’approvazione degli azionisti. Nessun’altra grande giurisdizione finanziaria ha seguito l’esempio.

George Osborne e Mark Carney, all’epoca rispettivamente cancelliere del Regno Unito e governatore della Banca d’Inghilterra, protestarono con veemenza, sostenendo che la misura avrebbe aumentato il rischio spingendo le banche ad aumentare i costi fissi per compensare la riduzione della retribuzione variabile. Ma il tetto massimo dei bonus ha giocato a favore dei critici bancari europei, e lì è rimasto.

Negli anni successivi, le istituzioni finanziarie aumentarono gli stipendi e introdussero speciali indennità “basate sul ruolo” per chi si assumeva rischi materiali. Coloro che si assumevano rischi sono stati protetti da anni difficili in cui altrimenti avrebbero potuto ricevere bonus bassi e i costi fissi delle istituzioni sarebbero aumentati. Tutto ciò era del tutto inutile dal momento che altre riforme post-crisi, tra cui il differimento e il recupero dei bonus, hanno ridotto il rischio sistemico del trading “prendi i soldi e scappa”, che era l’obiettivo previsto del tetto massimo dei bonus.

See also  L'utile netto di Santander aumenta del 20% mentre i tassi di interesse raggiungono livelli record

Quando il Regno Unito ha lasciato l’UE nel 2020, Bruxelles ha modificato le condizioni commerciali, senza fare alcuna concessione al settore dei servizi finanziari dominato dal Regno Unito. Le istituzioni finanziarie con sede nel Regno Unito ora hanno bisogno di un’impronta europea per operare lì, e un costante rivolo di posti di lavoro e più di un rivolo di attività commerciali è migrato a Parigi, Amsterdam e Francoforte. Per un’economia britannica bisognosa di crescita, qualsiasi minaccia a un settore primario come quello dei servizi finanziari doveva essere presa sul serio.

Nel 2022, il cancelliere Jeremy Hunt ha introdotto un pacchetto di riforme intese a rendere la città un luogo più attraente per fare affari, inclusa una consultazione guidata dalla Banca d’Inghilterra sul tetto massimo dei bonus. C’è stato un totale deludente di sole dodici risposte alla consultazione, ma quasi tutte erano a favore dell’abolizione, e il limite è stato debitamente abolito la settimana scorsa.

Le autorità ritengono che migliorerà la competitività globale della città e ripristinerà la flessibilità delle istituzioni finanziarie per ridurre i costi fissi. Non trattengo il fiato su nessuno dei due fronti.

Parliamo innanzitutto della competitività. Il tetto massimo del bonus si applica agli istituti finanziari britannici che operano in tutto il mondo e alle banche straniere che operano nel Regno Unito. In seguito alla sua smantellamento, le banche globali con sede nel Regno Unito come Barclays e HSBC, che in precedenza pagavano alti stipendi ad alcuni dipendenti con sede all’estero per compensare i pacchetti bonus limitati, saranno in grado di fornire retribuzioni più in linea con il mercato locale.

See also  Regola di ridimensionamento n. 2: se la tua banca sta tagliando posti di lavoro, pensa prima di pubblicare

Aziende del calibro di Goldman Sachs e Morgan Stanley saranno in grado di applicare la pratica standard di Wall Street al personale che lavora nel Regno Unito, il che renderà Londra un luogo leggermente più conveniente per individuare coloro che assumono rischi rispetto all’Europa, almeno fino a quando anche l’UE non abolirà il bonus. berretto, come sicuramente accadrà. Ma queste sono questioni di convenienza amministrativa, non di cambiamenti nel gioco competitivo.

Poi la flessibilità. In teoria, le istituzioni finanziarie possono ora negoziare una riduzione degli stipendi base di coloro che assumono rischi materiali in cambio della promessa di una retribuzione più legata alla performance. Le nuove regole si applicano all’anno finanziario in corso, un periodo in cui le attività commerciali sono state discontinue e i ricavi delle banche di investimento sono rimasti stabili. Richieste credibili di bonus volti a superare i limiti dovrebbero quindi rappresentare l’eccezione piuttosto che la regola e la risposta ad esse dovrebbe generalmente essere “no”.

Un management intelligente potrebbe anche essere in grado di negoziare salari più bassi con la promessa di bonus più alti in futuro. Ma i commercianti e i banchieri più famosi detengono molte delle carte in quella che molti considerano l’operazione più importante dell’anno. È quindi probabile che gli stipendi che sono stati raddoppiati e addirittura triplicati per aggirare il tetto diventeranno fissi, diventando la nuova base da cui verranno calcolati i futuri bonus illimitati.

Meno di quattro mesi fa, Hunt e il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey hanno chiesto una riduzione dei salari durante la cena alla Mansion House della città. Le autorità di regolamentazione rafforzeranno senza dubbio questo messaggio mentre i dirigenti bancari si siedono per spartirsi il bonus pool di fine anno.

See also  La mobilitazione annuale di capitale privato da parte delle banche multilaterali di sviluppo deve quadruplicare fino a raggiungere i 240 miliardi di dollari entro il 2030: NK Singh

Non c’è il momento giusto per riformare una misura post-crisi fuorviante (anche se ben intenzionata) che è diventata un biglietto d’oro per pochi fortunati. Le autorità hanno avuto ragione nell’affrontare il problema e ora spetta all’industria comportarsi in cambio in modo responsabile.

Leave a Comment