L’argento brilla accanto all’oro; Il petrolio sale mentre le tensioni in Medio Oriente aumentano

Una pila di lingotti d’argento e monete su uno sfondo scuro – fonte: immagini getty

In tempi di incertezza, l’argento viene solitamente messo in ombra dal suo cugino più appariscente poiché i mercati percepiscono l’oro come il rifugio sicuro per eccellenza. Ma il metallo prezioso gode anche di un aumento della domanda quando i trader cercano di salvaguardare potenzialmente il proprio capitale.

La coppia XAG/USD ha registrato un robusto rally nelle ultime due settimane poiché il percorso di minor resistenza è diventato più alto. Lo slancio non è stato così forte come per l’oro (XAU/USD), con alcuni test e consolidamenti laterali lungo il percorso, ma anche il pullback nelle settimane precedenti è stato più contenuto rispetto all’oro.

L’oro (XAU/USD) e i rendimenti statunitensi hanno una relazione inversa

XAUUSD, US10YXAUUSD, rapporto US10Y. Fonte: tradingview – Le performance passate non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri.

L’argento ha i suoi usi nella produzione industriale, il che significa che è più sensibile al ciclo economico rispetto all’oro. Ciò spiega perché il recente ritiro è stato più limitato. L’oro, in quanto asset non redditizio, di solito sottoperforma quando i rendimenti salgono perché gli investitori possono ottenere rendimenti più elevati altrove. I rendimenti di solito aumentano quando l’economia va bene, il che agisce come un’arma a doppio taglio per il metallo prezioso perché in quei periodi diminuisce anche il suo fascino come bene rifugio, il che significa che gli investitori di solito riducono le loro posizioni in oro nei loro portafogli. L’argento, d’altro canto, vede anche una domanda ridotta quando l’economia va bene, ma dato il suo uso industriale, di solito vede un sentimento meno ribassista perché un’economia più forte probabilmente aumenterà la produzione industriale e quindi la domanda di argento.

See also  Le condanne di colpevolezza di Bankman-Fried completano la sua caduta in disgrazia

Osservando il grafico, la coppia XAG/USD è recentemente scesa al di sotto del limite inferiore del suo canale discendente, ma i venditori sono stati sfidati appena sopra la soglia dei 20,50 poiché la svendita sembrava eccessiva e l’RSI era il più ipervenduto da febbraio. I recenti attacchi in Medio Oriente hanno messo gli investitori in allerta e, sebbene i mercati abbiano mostrato un impatto limitato nelle ultime due settimane, lo slancio dei metalli preziosi suggerisce che esiste una buona quantità di domanda di beni rifugio, anche se le preoccupazioni non hanno ancora raggiunto il picco. . Ciò contraddice i recenti dati statunitensi che indirizzerebbero gli investitori verso asset ad alto rendimento, come le obbligazioni, ma il percorso di minor resistenza sia per l’oro che per l’argento sembra destinato a continuare al rialzo nel breve termine. Almeno fino a quando non ci sarà ulteriore chiarezza sulle preoccupazioni geopolitiche.

Grafico giornaliero dell’argento (XAG/USD).

Grafico giornaliero dell'argento (XAG/USD).Grafico giornaliero dell’argento (XAG/USD). Fonte: tradingview – Le performance passate non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri.

Il petrolio è stato un altro asset che ha beneficiato dei recenti eventi. Nonostante non sia riuscito a sostenere lo slancio visto all’inizio della settimana, il rally dei prezzi del petrolio di venerdì ha riacceso la voglia di ulteriori movimenti rialzisti. La soglia dei 90 dollari è tornata in vista per il greggio statunitense (WTI), mentre il greggio Brent tenta di superare i 92 dollari.

Si teme che l’escalation del conflitto in Medio Oriente possa interrompere le esportazioni di petrolio, nonostante né Israele né la Striscia di Gaza siano grandi produttori di petrolio. Ma i paesi vicini come l’Arabia Saudita rappresentano quasi un terzo delle esportazioni mondiali, e quindi i commercianti si stanno preparando alla possibilità di un impatto su una regione più ampia, indipendentemente da quanto limitato possa sembrare al momento. L’Iran ha anche chiesto un embargo petrolifero contro Israele per il bombardamento del nord di Gaza. Finora l’OPEC+ non prevede di intraprendere alcuna azione immediata in quanto non si considera un’organizzazione politica.

See also  Zomato registra un profitto a sorpresa di 360 milioni nel secondo trimestre e si aspetta di più durante le festività

Sui grafici, il WTI sta impostando un forte modello rialzista, ma è probabile che ci sia una continua resistenza in vista. L’RSI ha recentemente superato la linea 50, suggerendo che c’è ulteriore spazio per proseguire nella formazione rialzista prima che il rally sembri eccessivo. Detto questo, eventuali movimenti giornalieri significativi – come quello visto venerdì – porteranno probabilmente un certo consolidamento e una piccola inversione man mano che verranno attivati ​​gli stop e i venditori interessati cercheranno di entrare a livelli più favorevoli.

Grafico giornaliero WTI

Grafico giornaliero WTIGrafico giornaliero WTI. Fonte: tradingview – Le performance passate non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri.

Valuta questo articolo

Leave a Comment