Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche per lo più in ribasso dopo che Wall Street ha vissuto la sua settimana peggiore in 6 mesi

Lunedì le azioni asiatiche sono state per lo più in ribasso, con Tokyo l’unico grande mercato regionale ad avanzare, dopo che Wall Street ha registrato ulteriori perdite nella sua settimana peggiore in sei mesi.

I futures statunitensi e i prezzi del petrolio sono saliti.

Le preoccupazioni per il settore immobiliare cinese, la chiusura del governo statunitense e il continuo sciopero dei lavoratori automobilistici americani hanno pesato sul sentiment degli investitori.

La società immobiliare in difficoltà China Evergrande è crollata del 18,2% dopo aver annunciato di non essere in grado di aumentare ulteriormente il debito, una situazione difficile che potrebbe mettere in pericolo i piani di ristrutturazione del suo debito di oltre 300 miliardi di dollari.

L’Hang Seng di Hong Kong ha perso l’1,3% a 17.819,52, mentre l’indice Shanghai Composite è sceso dello 0,3% a 3.121,78.

Il Nikkei 225 giapponese avanza dello 0,6% a 32.590,33.

A Seul, il Kospi ha perso lo 0,6% a 2.492,15, mentre lo S&P/ASX 200 australiano ha ceduto lo 0,3% a 7.048,00.

Venerdì, l’indice S&P 500 è scivolato dello 0,2% a 4.320,06, mentre il Dow Jones Industrial Average era in ribasso dello 0,3% a 33.963,84. Il Nasdaq composito è sceso dello 0,1% a 13.211,81. La ritirata si è approfondita con la crescente consapevolezza di Wall Street che i tassi di interesse probabilmente non scenderanno molto nell’immediato futuro.

La pressione è aumentata a Wall Street mentre i rendimenti nel mercato obbligazionario sono saliti ai livelli più alti in più di un decennio. Erano in aumento da mesi e hanno accelerato questa settimana dopo ha indicato la Federal Reserve è improbabile che nel 2024 riduca il tasso di interesse principale nella misura in cui gli investitori avevano sperato. Il tasso dei fondi federali è al livello più alto dal 2001, il che grava sui prezzi degli investimenti poiché riduce l’elevata inflazione.

See also  L'autobus che trasportava la banda della Farmingdale High School si schianta nella Orange County di New York; 2 adulti morti, feriti multipli riportati

I tassi elevati riducono l’inflazione rallentando intenzionalmente l’economia e incidendo sui prezzi degli investimenti. Inoltre, sono lenti ad avere pieno effetto e possono causare danni in ambiti più ampi e inaspettati dell’economia. All’inizio di quest’anno, i tassi elevati hanno contribuito a portare a tre crolli di alto profilo di banche statunitensi.

Ad aumentare il disagio, il governo federale degli Stati Uniti si sta muovendo verso uno spegnimento alla fine del mese ciò interromperebbe molti servizi, comprimerebbe i lavoratori e sconvolgerebbe la politica. Ciò avviene mentre i repubblicani alla Camera, alimentati dalle richieste dell’estrema destra di tagli profondi, costringono a uno scontro con i democratici sulla spesa federale.

Oltretutto americano i lavoratori del settore automobilistico hanno ampliato il loro sciopero contro le principali case automobilistiche alla fine della scorsa settimana, uscendo da 38 centri di distribuzione di ricambi General Motors e Stellantis in 20 stati. Annunciando venerdì l’espansione dello sciopero, il presidente della United Auto Workers Shawn Fain ha detto che alla Ford sono stati risparmiati ulteriori scioperi perché la società ha soddisfatto alcune delle richieste del sindacato durante i negoziati della scorsa settimana.

I lavoratori del settore automobilistico vogliono migliori retribuzioni e benefici, e uno sciopero prolungato potrebbe esercitare una pressione al rialzo sull’inflazione se le carenze spingessero i prezzi verso l’alto.

Venerdì i rendimenti sono leggermente diminuiti, il che ha aiutato l’S&P 500 a stabilizzarsi in qualche modo dopo il calo dell’1,6% del giorno prima, il peggiore da marzo. Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso al 4,44% dal 4,50% di giovedì sera. È ancora vicino al livello più alto dal 2007.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, che si avvicina maggiormente alle aspettative per la Fed, è sceso al 5,10% dal 5,15%.

See also  Gli elettori tedeschi danno una batosta ai partiti di governo nelle elezioni statali

Quando le obbligazioni pagano di più in termini di interessi, gli investitori sono meno disposti a pagare prezzi elevati per le azioni, soprattutto quelle considerate le più costose o quelle che costringono gli investitori ad attendere una grande crescita in futuro.

Di recente, ciò ha comportato una sofferenza particolare per i grandi titoli tecnologici. Nvidia ha ridotto la perdita settimanale al 5,2% dopo essere salita dell’1,4% venerdì. Il Nasdaq composito, che è ricco di titoli tecnologici e altri titoli ad alta crescita, è crollato del 3,6% nella settimana peggiore da marzo.

Un paio di aziende orientate alla tecnologia hanno ricevuto notizie migliori venerdì dopo che le autorità di regolamentazione del Regno Unito hanno dato l’approvazione preliminare all’accordo ristrutturato da 69 miliardi di dollari di Microsoft per acquistare il produttore di videogiochi Activision Blizzard. Sarebbe uno dei più grandi accordi tecnologici della storia e le azioni di Activision Blizzard sono aumentate dell’1,7%.

Microsoft è scesa dello 0,8%.

Negli altri scambi di lunedì, il petrolio greggio di riferimento statunitense è salito di 11 centesimi a 90,14 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Venerdì ha aggiunto 40 centesimi.

Il greggio Brent, la base del prezzo per il commercio internazionale, è aumentato di 12 centesimi a 92,08 dollari al barile.

Il dollaro americano è salito a 148,35 yen giapponesi da 148,28 yen. L’euro è scivolato a $ 1,0650 da $ 1,0654.

Leave a Comment