Mercato azionario oggi: Wall Street sale mentre la pressione si allenta dal mercato obbligazionario

NEW YORK (AP) – Le azioni hanno chiuso in rialzo con l’allentamento della pressione a Wall Street da parte del mercato obbligazionario. Martedì l’indice S&P 500 è salito dello 0,5%. Il Dow ha guadagnato 134 punti e il Nasdaq composite è salito dello 0,6%. I rendimenti dei titoli del Tesoro sono diminuiti notevolmente dopo la ripresa delle negoziazioni dopo una festività lunedì. Si è trattato della prima opportunità di movimento dei rendimenti dopo l’attacco a sorpresa di Hamas contro Israele avvenuto nel fine settimana e dopo i discorsi dei funzionari della Federal Reserve in cui si suggeriva che la Fed non avrebbe potuto alzare nuovamente i tassi. I prezzi del petrolio hanno restituito parte dei forti guadagni del giorno prima. PepsiCo è salita dopo aver riportato profitti più forti del previsto.

QUESTO È UN AGGIORNAMENTO DELL’ULTIMA NOTIZIA. La storia precedente di AP segue di seguito.

NEW YORK (AP) – Le azioni statunitensi sono in rialzo martedì mentre la pressione si allenta a Wall Street dal mercato obbligazionario.

L’S&P 500 è salito dello 0,5% nel late trading. Il Dow Jones Industrial Average era in rialzo di 125 punti, o dello 0,4%, alle 15:00 ora orientale, e il Nasdaq composite era in rialzo dello 0,7%.

Alcuni degli interventi più forti si sono verificati nel mercato obbligazionario, dove i rendimenti dei titoli del Tesoro sono diminuiti dopo la ripresa delle negoziazioni dopo una festività lunedì. È stata la prima occasione di movimento dei rendimenti dal fine settimana attacco a sorpresa di Hamas contro Israele ha infuso cautela nei mercati globali.

Forse con maggiore impatto, da allora è stata anche la prima negoziazione per i titoli del Tesoro I funzionari della Federal Reserve hanno tenuto discorsi che i trader hanno preso come suggerimento che la Fed potrebbe non alzare nuovamente il tasso di interesse principale. I commenti hanno aiutato le azioni statunitensi a passare dalle prime perdite ai guadagni di lunedì.

See also  Si temono centinaia di morti nell'esplosione di un ospedale di Gaza mentre funzionari israeliani e palestinesi si scambiano accuse

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso al 4,66% dal 4,80% di venerdì scorso, il che rappresenta un movimento considerevole per il mercato obbligazionario. Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, che si avvicina maggiormente alle aspettative per le azioni della Fed, è sceso al 4,99% dal 5,09%.

I rendimenti dei titoli del Tesoro erano balzati la scorsa settimana ai livelli più alti in più di un decennio, seguendo l’esempio del tasso di interesse principale della Fed, che non si vedeva dal 2001. Sono stati la ragione principale dei crolli del mercato azionario dall’estate, mentre aumentano le preoccupazioni che la Fed manterrà il tasso dei fondi federali a un livello elevato per un periodo più lungo di quanto spera Wall Street.

Tassi elevati e rendimenti a lungo termine abbattono i prezzi delle azioni e di altri investimenti, rallentando al tempo stesso l’economia nella speranza di ridurre l’elevata inflazione.

Ma il rapido aumento del rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni ha contribuito a portare il tasso medio dei mutui ipotecari a lungo termine al livello più alto dal 2000, e i funzionari della Fed hanno lasciato intendere che tali mosse potrebbero aiutare a contenere l’elevata inflazione.

“In realtà non penso che abbiamo più bisogno di aumentare i tassi”, ha detto martedì Raphael Bostic, presidente della Federal Reserve Bank di Atlanta, in un discorso davanti all’American Bankers Association. “Penso che siamo a un buon punto in questo senso.”

Il giorno prima, altri due funzionari della Fed avevano rilasciato dichiarazioni che i trader vedevano come un indizio che non sarebbero arrivati ​​ulteriori aumenti dei tassi. Uno era Philip Jefferson, vicepresidente della Fed. L’altra è stata la presidente della Fed di Dallas, Lorie Logan, che è stata tra i membri della Fed più “falchi” che hanno spinto per tassi di interesse rigidi per combattere l’inflazione elevata, ha affermato Solita Marcelli, chief investment officer, Americas, presso UBS Global Wealth Management.

See also  5 consigli per capire la ricchezza incalcolabile del tuo imprenditore individuale

Il prossimo annuncio della Fed sui tassi di interesse è previsto per il 1° novembre. I trader ora scommettono su una probabilità quasi del 73% che l’anno finisca senza ulteriori rialzi dei tassi da parte della Fed, secondo i dati del CME Group. Questo è in aumento rispetto alla probabilità del 53% vista una settimana fa.

IL Martedì il Fondo monetario internazionale ha abbassato le sue previsioni per la crescita economica globale il prossimo anno, in parte a causa dell’effetto dei tassi elevati in tutto il mondo, anche se ha rivisto al rialzo le sue previsioni per la crescita economica statunitense in particolare.

I combattimenti a Gaza rappresentano l’ultima minaccia per l’economia mondiale, soprattutto dopo che lunedì hanno fatto salire i prezzi del petrolio. Sebbene la regione in conflitto non produca molto petrolio, il timore è che la violenza possa estendersi alla politica che circonda il mercato del greggio. Ciò a sua volta potrebbe danneggiare il flusso di petrolio.

Un barile di greggio americano è sceso di 41 centesimi a 85,97 dollari, restituendo un po’ del balzo di 3,59 dollari del giorno prima. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è sceso di 50 centesimi a 87,50 dollari al barile.

A Wall Street, anche alcuni dei grandi movimenti azionari di lunedì hanno registrato un ritracciamento. Le azioni degli appaltatori della difesa che producono armi hanno restituito parte dei loro grandi guadagni e Northrop Grumman è scesa dell’1%. L3Harris Technologies è scesa dell’1,7%, anche se entrambe sono comunque in rialzo di oltre l’8% durante la settimana.

Anche i titoli delle compagnie aeree hanno recuperato parte delle perdite. Hanno già sospeso i voli in entrata e in uscita da Israele e annoverano il carburante tra i costi più alti. Delta Air Lines è cresciuta dell’1,4% e United Airlines dell’1,4%.

See also  Arrestato un uomo peruviano con l'accusa di aver minacciato di bomba quando minorenni si erano rifiutati di inviargli materiale pedopornografico

PepsiCo è cresciuta dell’1,9% dopo aver riportato profitti e ricavi più forti per l’ultimo trimestre di quanto previsto dagli analisti. L’azienda di snack e bevande ha applicato prezzi più alti per i suoi prodotti durante il trimestre, il che ha contribuito a compensare il calo delle vendite. Ha inoltre alzato le previsioni sugli utili per l’intero anno.

Nel corso di questa settimana, lo slancio riprenderà per le grandi aziende che pubblicheranno i loro risultati per l’estate. Delta Air Lines, JPMorgan Chase e UnitedHealth Group sono tra i grandi nomi in calendario.

Questo potrebbe essere il primo trimestre di un anno in cui le società S&P 500 riportano profitti più forti rispetto ai livelli di un anno fa e gli analisti prevedono un ampio calo dello 0,3%, secondo FactSet.

Sui mercati azionari esteri, gli indici hanno registrato un rally in Europa, ma sono risultati contrastanti in Asia.

Nell’ultimo segnale di difficoltà nel settore dello sviluppo immobiliare scosso in Cina, Country Garden ha avvertito che probabilmente non sarà in grado di ripagare alcuni debiti alla scadenza e che le sue vendite erano sotto “notevole pressione”. La società era stata precedentemente acclamata come una società immobiliare modello dalle autorità cinesi.

___

Hanno contribuito gli scrittori di AP Christopher Rugaber, Matt Ott e Elaine Kurtenbach.

Leave a Comment