Niente più petrolio, gas e carbone. Due stati-nazione si uniscono al crescente blocco di paesi che chiedono un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili

Contenuto dell’articolo

Antigua e Barbuda e Timor Est diventano le prime nazioni dei Caraibi e del Sud-Est asiatico – nonché paese produttore di combustibili fossili – ad unirsi ai governi del Pacifico nel spingere per un nuovo meccanismo climatico per eliminare gradualmente i combustibili fossili al Global Citizen Festival a Central Park, New York.

NEW YORK — Oggi i governi di Antigua e Barbuda, una nazione insulare dei Caraibi altamente vulnerabile agli impatti dei cambiamenti climatici, e di Timor-Leste, uno stato del sud-est asiatico anch’esso vulnerabile agli impatti climatici e fortemente dipendente dalle entrate del petrolio e del gas, si sono uniti un blocco crescente di sei nazioni del Pacifico che spingono per la negoziazione di un Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Contenuto dell’articolo

Le nazioni insulari hanno annunciato il loro appoggio alla nuova importante proposta di politica climatica sul palco principale del Global Citizen Festival di New York. Con un passo decisivo per affrontare l’emergenza climatica, hanno mostrato ai leader mondiali cosa intendeva il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres quando ha chiesto ai paesi di aumentare le loro ambizioni climatiche, appena tre giorni fa al Summit delle Nazioni Unite sull’ambizione climatica.

Questa mossa li rende i primi paesi al di fuori della regione del Pacifico a sostenere la richiesta di un patto internazionale per la transizione dal petrolio, dal gas e dal carbone.

On. Gaston Browne, Primo Ministro di Antigua e Barbuda ha detto nel suo discorso:

“La crisi climatica è la minaccia più esistenziale che tutta l’umanità deve affrontare. Non fa distinzione tra foreste europee e acque caraibiche. Alcuni sopportano il peso più di altri, come nel caso dei piccoli stati insulari in via di sviluppo. Ecco perché oggi ho l’onore di annunciare che Antigua e Barbuda si uniscono ai nostri amici del Pacifico nel chiedere la negoziazione di un Trattato sui combustibili fossili. Questo Trattato non sarà solo parole. È un piano vincolante per porre fine all’era dei combustibili fossili, un impegno per un rapido passaggio all’energia pulita, un impegno per un futuro in cui le economie trascenderanno il passato dei combustibili fossili e la garanzia che nessuna comunità verrà lasciata indietro. Con questa approvazione inviamo un messaggio chiaro: unità negli intenti, unità nell’azione. Siamo orgogliosi di diventare la prima nazione caraibica a sostenere questa causa e invitiamo gli altri a unirsi a noi”.

See also  Sam Bankman-Fried è stato dichiarato colpevole nel caso di frode crittografica FTX

Timor Est è diventata anche la prima nazione produttrice di combustibili fossili ad approvare la proposta. Il settore del petrolio e del gas rappresenta circa il 70% del prodotto interno lordo (PIL) di Timor e oltre il 90% delle esportazioni totali, nonché oltre l’80% delle entrate annuali dello Stato. Ramos-Horta ha espresso il desiderio di fare di Timor Est un modello di sviluppo sostenibile, che richiede un cambiamento importante nella sua economia dipendente dal petrolio.

SE José Ramos-Horta, Presidente di Timor Est e Premio Nobel per la Pace 1996ha detto nel suo discorso:

La nostra battaglia contro il cambiamento climatico richiede un’azione collettiva. I combustibili fossili sono i principali colpevoli, quindi il mondo deve allontanarsene. La crisi climatica non è ripartita equamente tra le nazioni. Timor Est e gli altri paesi in via di sviluppo contribuiscono in misura minima al cambiamento climatico, ma siamo noi a sostenere il peso dei suoi impatti ambientali ed economici immediati. Timor Est è solidale con le nazioni del Pacifico e si unisce formalmente all’appello per la negoziazione di un Trattato sui combustibili fossili. La sua missione è semplice: fermare le nuove iniziative legate ai combustibili fossili, eliminare gradualmente quelle esistenti e finanziare un passaggio equo all’energia pulita. È più di un accordo sul clima tra le nazioni: è un accordo sulla salute, lo sviluppo e la pace che può favorire un autentico benessere e prosperità per tutti”.

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Gillian Cooper, direttrice politica dell’Iniziativa del Trattato di non proliferazione dei combustibili fossilidisse:

“Al Climate Ambition Summit abbiamo visto i leader mondiali portare finalmente i combustibili fossili al centro dei negoziati sul clima. Ora l’approvazione della proposta di Trattato sui combustibili fossili da parte di Antigua e Barbuda e Timor Est nella fase principale di Global Citizen mostra chi sono i veri leader climatici. Questa mossa coraggiosa dimostra anche che anche i paesi produttori di combustibili fossili vogliono liberarsi dalla morsa del petrolio, del gas e del carbone, un sistema imposto loro dalle nazioni ricche e causa principale della crisi climatica. Il loro sostegno alle altre nazioni insulari del Pacifico è un esempio per il mondo del fatto che la cooperazione e il partenariato internazionali sono l’unica via da seguire”.

See also  Il ministro della Giustizia francese sarà processato per presunto abuso d'ufficio

Con il sostegno di Antigua e Barbuda e Timor Est, la proposta di Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili è ora portata avanti da un blocco di otto stati-nazione, tra cui Vanuatu, Tuvalu, Tonga, Fiji, Niue e le Isole Salomone. La proposta è sostenuta anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dal Parlamento Europeo, da 101 Premi Nobel, da oltre 600 parlamentari in 83 paesi, 2.100 organizzazioni della società civile di cui 380 negli Stati Uniti, 3.000 scienziati e accademici e oltre 90 città e governi subnazionali, inclusa la maggior parte recentemente lo Stato della California, la quinta economia più grande del mondo, e 9 nazioni indigene peruviane.

Visita fossilfueltreaty.org/antigua-timor per ulteriori dettagli.

Informazioni sull’iniziativa del Trattato sui combustibili fossili

L’iniziativa del Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili sta stimolando la cooperazione internazionale per porre fine al nuovo sviluppo dei combustibili fossili, eliminare gradualmente la produzione esistente entro il limite climatico concordato di 1,5°C e sviluppare piani per sostenere i lavoratori, le comunità e i paesi dipendenti dai combustibili fossili per creare condizioni sicure e mezzi di sussistenza sani. Per ulteriori informazioni sull’iniziativa e sulla proposta del Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili, accedere qui.

Visualizza la versione sorgente su businesswire.com: https://www.businesswire.com/news/home/20230923262786/en/

logo

Contatti

Nathalia Clark
Direttore delle comunicazioni, Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili (New York)
nathalia@fossilfueltreaty.org
+55 61 99137-1229

#distro

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Unisciti alla conversazione

Leave a Comment