Questo ricercatore di sostanze psichedeliche si è avvicinato alla sua morte con calma e curiosità: NPR

La ricerca di Roland Griffiths ha mostrato come le sostanze psichedeliche possano alleviare la depressione nelle persone con malattie terminali.

Andre Chung/The Washington Post tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Andre Chung/The Washington Post tramite Getty Images

La ricerca di Roland Griffiths ha mostrato come le sostanze psichedeliche possano alleviare la depressione nelle persone con malattie terminali.

Andre Chung/The Washington Post tramite Getty Images

Ho un mucchietto di sassi sulla mia scrivania. Non è così strano come sembra. Sono pietre piccole e lisce che ho raccolto durante le vacanze in varie spiagge. È un’abitudine che ho preso da mia madre, che portava sempre a casa un pezzo di spiaggia che poteva tenere quando tornava alla sua vita in uno stato senza sbocco sul mare.

Per me, le sei pietre ricordano cose che sono più grandi di qualunque stress quotidiano stia divorando la mia psiche. Un promemoria che, nonostante il caos e i traumi di questa vita, di questo mondo, in questo momento, è ancora tutto effimero. Le rocce restano. Poi i bordi ruvidi si levigano nel tempo e alla fine si dissolvono nei sedimenti e vengono spazzati via nell’aria o vengono spazzati via dall’acqua.

In cima a questo piccolo assortimento di rocce c’è un’aggiunta relativamente nuova: un medaglione placcato in oro delle dimensioni di un quarto di dollaro. Da un lato, la scritta “Meditazione” e, sotto, “Il vero metodo di conoscenza è l’esperimento”, del poeta William Blake. Dall’altro lato c’è incisa un’immagine di funghi e una sorta di benedizione: “Che tu possa rimanere consapevole della consapevolezza”.

Uno scienziato di nome Roland Griffiths mi ha dato quel medaglione. Lui e io ne abbiamo parlato ad aprile come una delle prime conversioni di questa serie. Griffiths aveva trascorso la fase successiva della sua carriera esplorando i modi in cui le droghe psichedeliche, in particolare la psilocibina, potevano aiutare i pazienti con depressione, problemi di dipendenza e persino cancro terminale. Poi, due anni fa, a lui stesso è stato diagnosticato un cancro al colon allo stadio 4. Il medico ora era il paziente e Griffiths stava affrontando la propria mortalità.

See also  Niente più petrolio, gas e carbone. Due stati-nazione si uniscono al crescente blocco di paesi che chiedono un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili

La nostra conversazione mi ha cambiato. Prima di tutto, è stata la persona che alla fine mi ha convinto ad approfondire la meditazione, una pratica a cui attribuisce il merito di averlo aiutato ad affrontare il capitolo conclusivo della sua vita. E questa è la parte che mi ha davvero colpito, il modo in cui Griffiths riusciva a sopportare la sua morte. O meglio, siediti nei suoi ultimi mesi di vita e lascia andare ogni paura o disperazione.

Ho mandato un’e-mail a Griffiths alla fine di settembre per vedere come stava e per condividere con lui che ero più impegnato nella meditazione e vedevo benefici reali nella mia vita. Mi ha detto di mantenerlo – e sto parafrasando qui – così puoi vedere che pensieri, sentimenti e sensazioni vanno e vengono se glielo permetti. Altrimenti, possono limitare chi pensi di essere.

Poche settimane dopo, Roland Griffiths morì il 16 ottobre, all’età di 77 anni.

Conservo il suo medaglione sul mio mucchio di rocce per ricordarmi che l’impermanenza è lo stato naturale delle cose. E anche se potremmo non avere scelta su quando o come lasciare questo mondo, possiamo scegliere come vivere ogni giorno fino a quando arriverà quel momento.

Ecco la nostra conversazione dell’inizio di quest’anno.

Questa intervista è stata modificata per motivi di lunghezza e chiarezza.

Rachel Martin: Hai iniziato a lavorare molto con la psilocibina. Puoi descrivere di cosa si tratta in parole povere?

Roland Griffith: È una classica droga psichedelica. Proviene da funghi contenenti psilocibina ed è stato utilizzato per centinaia o migliaia di anni nelle culture indigene per guarigioni cerimoniali o esperienze religiose sacramentali. Si manifesta abbastanza rapidamente e non dura quanto l’LSD o la mescalina, quindi è più facile lavorarci.

Martino: Usi l’espressione “viaggi”?

Griffith: No, lo evito perché ha tutto il bagaglio degli anni ’60.

Martino: Stavi conducendo questi studi esplicitamente su pazienti affetti da cancro per vedere come la psilocibina avrebbe influenzato loro.

Griffith: Questo è stato il nostro primo test terapeutico con sostanze psichedeliche che abbiamo condotto alla Johns Hopkins. Ricordo di essermi sentito molto cauto su ciò che un’esperienza di questo tipo avrebbe fatto a qualcuno che sta affrontando la minaccia esistenziale più significativa che può.

A quanto pare, gli effetti sono stati a dir poco sorprendenti. In questo gruppo di persone, che soddisfacevano i criteri per la depressione clinica o l’ansia, dopo una singola dose di psilocibina nelle nostre condizioni supportate, l’ansia e la depressione sono diminuite notevolmente – immediatamente – e in modo marcato e duraturo. Questa è stata la caratteristica più importante: abbiamo seguito le persone per sei mesi e sono rimasti con profili di sintomi molto bassi.

See also  Mercato azionario oggi: le azioni mondiali crollano dopo il ritorno del mercato obbligazionario a Wall Street

Martino: Cosa ti hanno detto riguardo a come hanno perso il senso di paura o ansia?

Griffith: Ricordo un uomo, sono riluttante a dare questo esempio ma lo farò, arrivò a credere nella realtà di Dio. Ma la cosa più interessante è che questo ha cambiato il suo intero quadro di riferimento.

Non era pieno di un linguaggio spirituale del tipo: “Dio mi salverà”. No, era un’accettazione della sua condizione e una rassicurazione per le persone che amava di più, che tutto andava bene, tutto era come doveva essere, e loro si sentivano sollevati da questo.

Martino: Se posso chiederti, perché eri riluttante a condividere quell’esempio?

Griffith: La lingua di Dio.

Martino: Siamo tutti un po’ limitati dalla nostra lingua, giusto? Forse alcune persone usano la parola Dio perché non sanno quali altre parole attribuire a queste idee o esperienze.

Griffith: Penso che sia proprio questo. Viviamo nel mezzo di questo sorprendente mistero. E non abbiamo una spiegazione scientifica coerente di ciò che sta accadendo. La cosa che capiamo meglio della nostra esperienza di sensibilità è che siamo consapevoli di essere consapevoli. Che abbiamo un’interiorità e siamo unicamente noi come individui a poterla affermare.

Martino: Ti sei trovato dall’altra parte di tutta questa faccenda come qualcuno che sta contemplando queste domande molto esistenziali con nuova urgenza.

Griffith: Sì, sono andato a fare una colonscopia di screening, pensando di essere completamente sano, e ne sono uscito con una diagnosi di cancro al colon al quarto stadio. E per quanto improbabile possa sembrare, è stato un invito a festeggiare. Mia moglie ed io siamo rimasti in quella modalità nonostante molteplici interventi chirurgici e chemioterapia.

Martino: Hai intenzione di assumere psilocibina in qualsiasi momento?

Griffith: No. Inizialmente, in realtà non volevo toccare una sostanza psichedelica, perché temevo che avrebbe alterato lo stato in cui mi trovavo.

See also  Lee approda con la forza di un uragano in Canada dopo aver risalito l'Oceano Atlantico

Martino: Non volevi sabotare la lucidità mentale che avevi.

Griffith: Sì. Giusto. E così sono arrivato a un punto in cui ho pensato, mi chiedo se mi sto difendendo da qualcosa qui, mi chiedo se il motivo per cui mi rifiuto di prendere una sostanza psichedelica è che sto mascherando qualcosa. Che c’è uno scheletro nel mio armadio e dico solo che sono felice e che è tutto bellissimo.

Quindi ho deciso, OK, quindi prenderò una dose di psichedelico. Ho preso l’LSD.

Martino: Com’è andata?

Griffith: Fantastico. Ho affrontato il cancro come altro, e in generale non penso che sia saggio reificare qualcosa nella mente come qualcosa di diverso da un oggetto della mente. Ma in questo caso, mi sono rivolto al cancro stesso e ho detto: “OK, cosa sta succedendo qui?”

Il cancro non ha risposto. Poi ho iniziato un dialogo e ho detto: “Sai, ti ho considerato una benedizione. In realtà rispetto davvero tutto quello che mi è successo dopo questa diagnosi. Sono davvero grato per la diagnosi, ma devi uccidermi?” ?”

Martino: Ehi. C’era una risposta a quella domanda?

Griffith: Sì, la risposta è stata: “Sì, morirai ma è come dovrebbe essere. C’è un significato più profondo. C’è uno scopo più profondo. E dovresti continuare a fare quello che stai facendo”.

Mi sentivo implicito nel fatto che avrei dovuto parlare in modo più ampio di ciò che stavo attraversando, perché sono stato riluttante a farlo. Quindi, ho qualcosa da dire qui. E così ho chiesto: “Che ne dici di darmi più tempo?”

Martino: Mi piace che tu abbia scelto il seguito.

Griffith: Sono andato per il follow-up. Ma ho ottenuto il silenzio radio. Non ha risposto. Stavo dialogando con il cancro? No, questo non rientra nella mia visione del mondo. Alcune persone direbbero che lo ero, ma affermava profondamente ciò che stavo facendo e mi sembrava un potere parlare apertamente.

Il mio invito d’addio è festeggiare. Vi invito a celebrare ciò che sto celebrando io e cioè questa esperienza del miracolo di dove ci troviamo. Non è necessario avere una diagnosi terminale per appoggiarsi in modo più completo e ti prometto che ne vale la pena.

Leave a Comment