Sam Bankman-Fried nega di sapere che mancavano i soldi di FTX, mentre conclude la testimonianza

Martedì, Sam Bankman-Fried, il fondatore del fallito exchange di criptovalute FTX, ha negato più volte di sapere che miliardi di dollari in denaro dei clienti erano stati sottratti indebitamente fino a poco prima che la sua azienda crollasse l’anno scorso, mentre un pubblico ministero federale lo interrogava per un secondo giorno nel suo processo per frode penale.

Il 31enne ex magnate delle criptovalute non riuscì a trovare una risposta quando il pubblico ministero, Danielle Sassoon, gli chiese ripetutamente se avesse detto ai suoi dipendenti di non spendere i soldi dei clienti FTX in investimenti, immobili costosi e altre spese. Il signor Bankman-Fried inoltre non è riuscito a nominare alcun dipendente che avrebbe potuto autorizzare l’uso del denaro dei clienti FTX per quella spesa.

“Non ricordo di aver dato alcuna indicazione”, ha detto tre volte il signor Bankman-Fried riguardo alla spesa del denaro dei clienti di FTX prima di concludere la sua testimonianza. Entrambe le parti hanno archiviato il loro caso martedì prima dell’ora di pranzo, con le dichiarazioni conclusive previste per mercoledì.

Il signor Bankman-Fried è stato sul banco dei testimoni per il terzo giorno a testimoniare davanti a una giuria in propria difesa per un processo che è diventato il simbolo degli alti e bassi del volatile settore delle criptovalute. L’imprenditore è stato accusato di aver ideato una frode durata un anno per rubare fino a 10 miliardi di dollari ai clienti di FTX e poi incanalare il denaro in stravaganti acquisti immobiliari e altre spese, oltre a utilizzare i fondi per sostenere una società di trading di criptovalute da lui fondata. , Ricerca Alameda.

See also  Perché il prezzo di Ripple (XRP) è in aumento oggi?

FTX, che al suo apice era valutato a 32 miliardi di dollari, è imploso in modo spettacolare lo scorso anno, lasciando molti clienti incapaci di recuperare i propri depositi. Il signor Bankman-Fried si è dichiarato non colpevole di sette capi d’imputazione di frode, associazione a delinquere e riciclaggio di denaro. Se condannato, potrebbe rischiare l’equivalente dell’ergastolo.

Le prime settimane del suo processo sono state riempite da una processione di testimoni dell’accusa che hanno puntato il dito direttamente contro Bankman-Fried e hanno affermato che era stato lui a ordinarli di commettere crimini. Tre dei suoi più stretti collaboratori – Caroline Ellison, Nishad Singh e Gary Wang – si sono dichiarati colpevoli e hanno accettato di collaborare con i pubblici ministeri.

L’accumulo di testimonianze dannose potrebbe aver forzato la mano del fondatore di FTX a testimoniare, una mossa rischiosa per un imputato criminale. La presa di posizione ha dato al signor Bankman-Fried l’opportunità di affermare che non ha mai avuto intenzione di frodare nessuno e che le sue decisioni aziendali sono state prese in buona fede. Ma ha anche permesso ai pubblici ministeri di concentrarsi sulle sue passate dichiarazioni pubbliche e di confrontarle con ciò che ha fatto in privato.

Quando il signor Bankman-Fried ha preso la parola venerdì, ha risposto alle domande del suo stesso avvocato, Mark Cohen. Il signor Bankman-Fried ha negato di aver commesso frodi o furto ai clienti di FTX, ma ha anche riconosciuto di aver commesso degli errori, citando “sviste significative” che hanno danneggiato i clienti dell’exchange.

Lunedì, durante il controinterrogatorio, la signora Sassoon, il pubblico ministero, ha insistito sul signor Bankman-Fried riguardo alle incoerenze tra le sue dichiarazioni pubbliche e il modo in cui gestiva il suo impero crittografico. Spesso insisteva di non ricordare molto di ciò che aveva detto pubblicamente.

See also  "Non farlo più": gli avvocati di Sam Bankman-Fried sotto il fuoco del giudice

Martedì è continuato il controinterrogatorio, concentrandosi sulle azioni e sulle dichiarazioni di Bankman-Fried che hanno portato all’implosione di FTX a novembre. Il signor Bankman-Fried, indossando lo stesso abito grigio e la stessa cravatta viola dei giorni precedenti sul banco dei testimoni, ha testimoniato davanti a un’aula di tribunale affollata che includeva Damian Williams, il principale procuratore federale di New York. Dalla tribuna mancava la madre del signor Bankman-Fried, la professoressa di diritto di Stanford Barbara Fried, che aveva assistito tutti i giorni precedenti al processo.

La signora Sassoon, il procuratore federale, è stata implacabile, chiedendo al signor Bankman-Fried del fallimento di FTX, incluso se alcuni dei testimoni cooperanti non avessero detto la verità su Alameda, la società commerciale, che doveva miliardi di denaro dei clienti all’exchange . Il signor Bankman-Fried aveva precedentemente testimoniato di non essere venuto a conoscenza dei fondi mancanti fino all’ottobre 2022 circa, mentre altri testimoni hanno testimoniato di averlo saputo molto prima.

A un certo punto, la signora Sassoon ha chiesto al signor Bankman-Fried se Adam Yedidia, un ex sviluppatore di FTX che ha testimoniato al processo, mentiva quando ha detto in tribunale che il signor Bankman-Fried gli aveva detto nell’estate del 2022 che Alameda doveva 8 miliardi di dollari ai clienti FTX.

“Non ricordo che lo dicesse in quel modo”, ha risposto il signor Bankman-Fried.

La signora Sassoon ha poi chiesto se la signora Ellison, che gestiva Alameda ed era ad un certo punto la fidanzata del signor Bankman-Fried, avesse torto quando ha testimoniato che lei e il signor Bankman Fried avevano cospirato con altri per appropriarsi indebitamente del denaro dei clienti di FTX.

See also  Gli ETF bitcoin immaginari sono già 30 volte più preziosi di tutti gli ETF bitcoin reali

“Non hai detto ai tuoi dipendenti: ‘Non spendere i depositi dei clienti FTX’?” ha chiesto la signora Sassoon a un certo punto.

“Non l’ho fatto”, ha detto il signor Bankman-Fried. “Mi rammarico profondamente di non aver dato un’occhiata migliore.”

La signora Sassoon ha anche chiesto al signor Bankman-Fried se ricordava di aver offerto favori a funzionari governativi alle Bahamas, dove aveva sede FTX. Ha detto di non ricordare di aver dato al primo ministro delle Bahamas, Philip Davis, e a sua moglie i biglietti per la FTX Arena di Miami. Alla giuria sono stati poi mostrati gli screenshot dei suoi messaggi che dicevano esattamente questo. (L’arena è stata rinominata.)

L’accusa ha anche mostrato e-mail in cui il signor Bankman-Fried si offriva di aprire prelievi per i clienti delle Bahamas dopo che FTX aveva bloccato i prelievi dei clienti mentre le persone cercavano di prelevare i propri soldi dall’exchange l’anno scorso. All’epoca FTX era sotto indagine da parte delle autorità di regolamentazione delle Bahamas.

Durante un breve reindirizzamento, il signor Bankman-Fried ha cercato di chiarire che non sapeva chi ad Alameda avesse autorizzato la spesa del denaro dei clienti di FTX. FTX aveva circa due dozzine di dipendenti, ha detto, e “non ero particolarmente interessato a cercare di distribuire la colpa”.

Dopo le dichiarazioni conclusive di mercoledì, i giurati potrebbero iniziare a deliberare un verdetto sul caso già giovedì.

Leave a Comment