Gli alleati occidentali sostengono gli sforzi per sfruttare i profitti derivanti dai beni russi congelati

I funzionari del G7 hanno sostenuto gli sforzi europei per sfruttare miliardi di euro di profitti generati dai beni russi congelati, un giorno dopo che il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha appoggiato l’idea.

I ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali riuniti a Marrakech hanno dichiarato giovedì sera di aver concordato di esplorare come le “entrate straordinarie” derivanti dalle riserve congelate della banca centrale russa potrebbero aiutare l’Ucraina.

L’approvazione fa seguito all’approvazione da parte di Yellen delle proposte dell’UE mercoledì, e mira a rilanciare i piani di Bruxelles di trovare un modo per attingere alle entrate.

Gli stati membri hanno faticato a fare progressi a causa dell’opposizione di alcuni paesi dell’UE per preoccupazioni legali e degli avvertimenti sui rischi finanziari da parte della Banca Centrale Europea.

Le proposte vedrebbero l’UE consegnare all’Ucraina una parte dei profitti contabilizzati su attività finanziarie per un valore di oltre 200 miliardi di euro possedute dallo Stato russo.

Cosa è in esame?

Nei giorni successivi all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, più di 300 miliardi di dollari in riserve della banca centrale sono stati congelati dagli alleati occidentali di Kiev. Di questi 300 miliardi di dollari, più di 200 miliardi di euro sono detenuti in Europa.

La maggior parte di questo denaro è intrappolato nell’impianto idraulico del sistema finanziario europeo, gestito dalla più grande stanza di compensazione del mondo: Euroclear, con sede a Bruxelles.

Da quando i beni sono stati congelati, sono circolate idee su come potrebbero essere utilizzati per aiutare l’Ucraina. Molti sono diffidenti nei confronti della confisca totale, sostenendo che ciò violerebbe il diritto internazionale.

See also  Il progetto del difensore civico della RBI non può essere ridotto a una promessa allettante: Delhi HC

Piuttosto che sequestrare i beni, alcuni funzionari hanno invece sostenuto l’imposizione di un prelievo sui profitti in eccesso, o inaspettati, realizzati da Euroclear. Questo prelievo verrebbe applicato sui profitti derivanti dagli interessi pagati sulle attività della Russia.

Euroclear ha rifiutato di commentare questa storia.

Come funziona?

Euroclear svolge un ruolo cruciale nei mercati finanziari: garantire che i pagamenti vengano effettuati.

Per svolgere il suo lavoro, Euroclear riceve pagamenti, come una cedola su un’obbligazione, e li trasmette ai proprietari del bene. Ma, poiché gli asset in questione sono di proprietà della banca centrale russa – un’entità soggetta alle sanzioni dell’UE, Euroclear deve trattenere le entrate.

Euroclear di solito reinveste ingenti saldi di cassa, guadagnando una quantità di interessi in rapido aumento, a causa della rapida successione di aumenti dei tassi da parte della BCE, che hanno portato i tassi di interesse di riferimento dell’Eurozona da meno 0,5% al ​​4%.

È proprio questo pool di reinvestimento che l’UE vorrebbe sfruttare, sostenendo che costituisce un “profitto inaspettato” che non esisterebbe senza il suo regime di sanzioni.

Nella prima metà di quest’anno, Euroclear ha realizzato profitti per 1,28 miliardi di euro a seguito delle sanzioni russe, secondo gli ultimi risultati trimestrali della stanza di compensazione.

I funzionari dell’UE vogliono innanzitutto rendere obbligatorio per Euroclear mettere da parte questi profitti. Solo in seguito si deciderà come metterli esattamente a disposizione dell’Ucraina.

Perché è controverso?

A giugno la BCE aveva avvertito la Commissione europea che i piani avrebbero potuto scuotere la fiducia dei mercati globali e destabilizzare l’euro.

La loro preoccupazione è incentrata sull’idea che, se l’UE dovesse confiscare i profitti realizzati sugli asset detenuti da uno stato estero, altre banche centrali cercheranno di vendere i loro asset denominati in euro.

See also  assicurazioni: Fin Min incontra i vertici degli assicuratori generali del settore privato

Secondo i dati del FMI, le banche centrali detengono più di 2,2 trilioni di euro della loro ricchezza in attività denominate nella moneta unica. Molte di queste banche centrali rappresentano stati che hanno politiche estere in contrasto con quelle dell’UE e degli Stati Uniti.

Anche gli Stati membri dell’UE sono divisi sulla questione. Alcuni paesi come la Germania hanno sollevato dubbi sulle implicazioni legali dell’accesso ai fondi immagazzinati presso Euroclear.

Perché le cose stanno andando avanti?

Per ridurre al minimo i rischi, la BCE, diversi paesi dell’UE e la Commissione europea vogliono che le proposte ottengano il consenso dei loro partner del G7, il più importante dei quali sono gli Stati Uniti.

Mercoledì si è verificata una svolta quando Yellen ha chiarito di essere favorevole a “sfruttare i proventi inaspettati provenienti dai beni sovrani russi immobilizzati in particolari stanze di compensazione e utilizzare i fondi per sostenere l’Ucraina”. Ha detto che questo fa parte di sforzi più ampi per “garantire che la Russia paghi per i danni che ha causato”.

La dichiarazione post-incontro dei governatori delle banche centrali e dei ministri delle finanze del G7 di giovedì ha suggerito che anche altre amministrazioni avrebbero sostenuto il piano Euroclear.

Nella dichiarazione si afferma che gli alleati “esploreranno come eventuali entrate straordinarie detenute da soggetti privati ​​derivanti direttamente da beni sovrani russi immobilizzati, laddove tali entrate straordinarie non sono necessarie per soddisfare gli obblighi nei confronti della Russia ai sensi delle leggi applicabili, potrebbero essere destinate a sostenere l’Ucraina e la sua ripresa. e ricostruzione nel rispetto delle leggi vigenti”.

Funzionari dell’UE hanno affermato che le osservazioni di Yellen, oltre alla dichiarazione del G7, potrebbero aiutare ad alleviare le preoccupazioni dei critici europei.

See also  Gli utili di BofA superano le previsioni

“Il coordinamento internazionale con partner che la pensano allo stesso modo è fondamentale per portare avanti il ​​lavoro”, ha affermato un diplomatico dell’UE. “È positivo che stiamo ricevendo sostegno e rassicurazione da altri partner”, ha detto un funzionario dell’UE.

Cosa si sta già facendo?

Mercoledì il Belgio ha dichiarato che utilizzerà l’imposta sulle società che già riscuote sui profitti di Euroclear per creare un fondo da 1,7 miliardi di euro dedicato all’Ucraina.

Il primo ministro Alexander De Croo ha affermato che il denaro verrà utilizzato per l’acquisto di attrezzature militari e per il sostegno umanitario.

Il Belgio sta tassando le entrate con un’aliquota regolare dell’imposta sulle società del 25%, che quest’anno ha fruttato circa 600 milioni di euro. Si stima che il gettito fiscale raggiungerà 1,7 miliardi di euro l’anno prossimo, secondo una persona informata sulla questione.

Il prelievo UE per attingere ai profitti inattesi sarebbe fissato a una “percentuale più elevata” rispetto all’imposta sulle società belga, ha detto un funzionario del blocco.

Report aggiuntivi di Martin Arnold a Francoforte e Colby Smith a Marrakech

Leave a Comment