Israele prevede di interrompere i legami con Gaza dopo la guerra in tre fasi

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Israele prevede di tagliare i legami con la Striscia di Gaza una volta finita la guerra con Hamas, hanno detto venerdì i funzionari, mentre le truppe del paese si preparano per un’offensiva di terra prevista.

Nei commenti più espliciti finora sulla strategia del governo, il ministro della Difesa Yoav Gallant ha dichiarato alla commissione esteri e difesa della Knesset che Israele non avrà più “responsabilità per la vita nella Striscia di Gaza” una volta finita la guerra.

Ha aggiunto che il conflitto, che secondo lui si svolgerà in tre fasi, creerà “una nuova realtà di sicurezza” per i cittadini israeliani.

Le forze israeliane stanno bombardando Gaza da quando, quasi due settimane fa, i militanti di Hamas hanno organizzato l’attacco più mortale mai avvenuto sul suolo israeliano. Ma anche se i funzionari hanno chiarito che intendono distruggere Hamas, non hanno dettagliato i loro piani per il territorio dopo la guerra.

Israele si è ritirato da Gaza nel 2005, ma negli anni successivi ha continuato a fornire elettricità all’enclave. Ha inoltre consentito a un numero limitato di abitanti di Gaza di entrare nel paese per lavorare e ad alcuni beni di entrare nel territorio.

Un secondo funzionario israeliano ha detto: “Israele non sarà parte della soluzione in termini di donazioni [Gazans] lavoro. Abbiamo staccato il cordone ombelicale”.

Il funzionario ha aggiunto che i valichi da Gaza a Israele che funzionavano prima della guerra non sarebbero stati riaperti, dicendo: “È finita”.

Gallant ha affermato che la guerra di Israele contro Hamas si articolerà in tre fasi, la prima delle quali consisterà negli attuali bombardamenti aerei e nelle operazioni di terra volte a “neutralizzare i terroristi e distruggere le infrastrutture di Hamas”.

See also  Come guardare la partita di oggi tra Maryland Terrapins e Ohio State Buckeyes: opzioni di live streaming, ora di inizio e altro

Ha detto che la seconda fase comporterebbe combattimenti a minore intensità per eliminare “sacche di resistenza” a Gaza, e la terza richiederebbe la “rimozione della responsabilità di Israele per la vita nella Striscia di Gaza e la creazione di una nuova realtà di sicurezza” per gli israeliani.

Una ragazza palestinese guarda fuori da una tenda
Una ragazza palestinese guarda fuori da una tenda in un centro gestito dalle Nazioni Unite dove la sua famiglia si è rifugiata a Khan Younis, nella Striscia di Gaza ©Abu Mustafa/Reuters

Altri ministri hanno accennato a come si sta evolvendo il pensiero del governo, con il ministro dell’Agricoltura Avi Dichter che ha affermato giovedì che Israele imporrà una zona cuscinetto all’interno della Striscia di Gaza una volta finita la guerra per impedire agli abitanti di Gaza di avvicinarsi al confine.

Questi commenti arrivano mentre la tanto attesa consegna degli aiuti ai 2,3 milioni di abitanti di Gaza è stata ritardata da disaccordi su come garantire che le forniture non possano essere utilizzate da Hamas, secondo tre persone a conoscenza della questione.

Mercoledì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha raggiunto un accordo con Israele per far entrare a Gaza acqua, cibo e medicine. Tuttavia, secondo la popolazione, gli aiuti potrebbero non arrivare nell’enclave venerdì, come si sperava, perché non è stato ancora concordato un processo di verifica delle forniture.

Secondo un alto funzionario delle Nazioni Unite, Israele ha chiesto alle Nazioni Unite di ispezionare gli aiuti che entrano a Gaza per garantire che non possano essere utilizzati per scopi militari da Hamas. Le discussioni sono incentrate sul movimento degli aiuti dall’Egitto a Gaza attraverso il valico di Rafah sul confine meridionale dell’enclave.

See also  I venezuelani superano per la prima volta i messicani negli attraversamenti illegali della frontiera statunitense: NPR

Un’altra preoccupazione è che i funzionari delle Nazioni Unite volessero garantire un flusso costante di aiuti, piuttosto che una consegna una tantum di 20 camion, hanno aggiunto le fonti. Secondo un funzionario delle Nazioni Unite, prima della guerra ogni giorno entravano nella Striscia dall’Egitto circa 450 camion.

Tre persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che le discussioni sulla possibilità di consentire ai cittadini stranieri e con doppia cittadinanza di uscire da Gaza si stavano svolgendo parallelamente a quelle sulla fornitura di aiuti.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha dichiarato venerdì di essere “incoraggiato da [internal] riferisce che le diverse parti sono vicine ad un accordo sulle modalità e che una prima consegna dovrebbe iniziare nei prossimi giorni”.

Le potenze globali stanno premendo per evitare che il conflitto si trasformi in una conflagrazione più ampia. Venerdì Biden ha chiesto al Congresso degli Stati Uniti 10,6 miliardi di dollari di sostegno militare a Israele come parte di un pacchetto di 105 miliardi di dollari che include anche 61,4 miliardi di dollari per l’Ucraina.

Sabato l’Egitto ospiterà un vertice volto a discutere “gli sviluppi attuali e il futuro della causa palestinese e del processo di pace”, secondo le persone informate delle discussioni.

È prevista la partecipazione di un gran numero di leader del Medio Oriente, ma molte capitali europee non sono disposte a partecipare a causa delle pressioni dei paesi ospitanti per includere un appello per un cessate il fuoco nella bozza di dichiarazione del vertice e per escludere qualsiasi riferimento esplicito alla decisione di Israele. diritto alla legittima difesa.

See also  Il principale gruppo musulmano statunitense annulla il banchetto in Virginia per bombe e minacce di morte: NPR

Secondo due persone a conoscenza della vicenda, al posto del presidente Emmanuel Macron sarà presente il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna, mentre il cancelliere tedesco Olaf Scholz sarà rappresentato dal ministro degli Esteri Annalena Baerbock.

Gli aerei israeliani hanno bombardato la Striscia di Gaza da quando Hamas ha effettuato il suo attacco contro Israele due settimane fa. Secondo funzionari israeliani l’assalto uccise più di 1.400 persone e ne ferì più di 3.500, mentre almeno 203 furono prese in ostaggio.

Il fumo si alza a seguito di un attacco aereo israeliano
Si alza il fumo a seguito di un attacco aereo israeliano nel quartiere Tal Al-Hawa di Gaza venerdì © Mohammed Saber/EPA/Shutterstock

Israele ha anche interrotto le consegne di elettricità, carburante e beni, e limitato gravemente le forniture di acqua, esacerbando le già terribili condizioni umanitarie nell’enclave costiera.

Funzionari palestinesi hanno dichiarato giovedì che 4.137 persone sono state uccise e 13.162 ferite negli attacchi israeliani su Gaza.

Venerdì Israele ha dichiarato che avrebbe evacuato i cittadini dalla città settentrionale di Kiryat Shmona, nel timore che la sua guerra con Hamas potesse degenerare in uno scontro regionale più ampio.

Il gruppo Hezbollah sostenuto dall’Iran nel sud del Libano e le forze israeliane hanno avuto uno scontro a fuoco transfrontaliero negli ultimi giorni, con l’esercito israeliano che ha colpito obiettivi in ​​Libano dopo che giovedì Hezbollah ha lanciato almeno 20 razzi nel nord di Israele.

Report aggiuntivi di James Politi e Felicia Schwartz

Leave a Comment