Le cose possono peggiorare per le banche?

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I tempi difficili sono quasi finiti per le banche americane?

Ah ah sto scherzando, sicuramente non sono finiti. Ma una domanda correlata è un po’ più plausibile: sono i peggio volte superiore per i titoli bancari, rigorosamente rispetto al resto del mercato azionario statunitense?

Gli analisti della Bank of America affermano che potrebbe essere vero, almeno nel breve termine. Il picco dei tassi di interesse potrebbe essere un “evento di compensazione” per il settore finanziario, scrivono in una nota questa settimana.

Ops, trasformalo in un “mini evento di compensazione”. Non posso diventare troppo sicuro o piccante con le riprese. Da BofA, con la nostra enfasi:

I tassi di punta potrebbero servire come mini evento di compensazione

Anche se stiamo attenti a non lasciarci trasportare, i tassi di interesse di picco hanno il potenziale per fungere da mini evento di compensazione per i titoli bancari. La maggior parte dei punti di pressione in questo ciclo – la compressione dei margini dovuta all’aumento dei costi di deposito, il calo del TBV a causa delle perdite MTM sulle obbligazioni, la rivalutazione del CRE, le perdite su crediti dovute all’atterraggio duro – derivano da rischi dovuti a tassi di interesse più elevati per periodi più lunghi. Tassi più bassi = ridotta probabilità di eventi di rischio estremo = multipli di valutazione più alti per i titoli bancari che vengono scambiati vicino ai minimi di 80 anni rispetto a S&P.

Non ci definiremmo rialzisti, ma a prima vista i minimi degli ultimi 80 anni rispetto all’S&P 500 sembrano grandi.

O lo sarebbe se gli analisti parlassero di valutazioni. Non lo sono. Scelgono invece di confrontare i prezzi assoluti, che in realtà non ci dicono molto. La capitalizzazione di mercato del settore bancario È una percentuale minore dell’indice S&P 500 rispetto a 80 anni fa, ma ciò è dovuto al fatto che hanno attraversato 1) una forte riduzione dell’indebitamento nel 2008-2009, a seguito 2) un’ondata di fusioni negli anni ’80 e ’90, quando i regolatori hanno allentato le regole sul settore bancario in tutti gli stati linee. E la crisi dei risparmi e dei prestiti.

See also  Le banche inaspriscono gli standard sui prestiti alle imprese di tutte le dimensioni: la Fed

Ecco il grafico, se ritieni convincenti i confronti dei prezzi assoluti:

Ma anche se non lo fai, è comunque abbastanza facile vedere che le banche commerciano a buon mercato rispetto alla storia recente.

L’ETF SPDR Banks Select Industry viene scambiato circa 8 volte le previsioni sugli utili del prossimo anno, mentre l’S&P 500 viene scambiato a 18 volte. Si tratta di una differenza molto più ampia in multiplo (10) rispetto alla media a lungo termine di 5,7.

Disordinato? Sicuro. Ma speriamo che sia un po’ più focalizzato sulla valutazione.

Comunque! Ora che abbiamo stabilito una certa convenienza, possiamo approfondire il nocciolo dell’argomentazione di BofA.

Come abbiamo spiegato, le banche pagano costi di finanziamento più elevati E vedere perdite sui loro portafogli obbligazionari mentre i tassi di interesse aumentano lungo la curva dei rendimenti statunitensi. (Dal punto di vista dei finanziamenti, le banche hanno dovuto pagare per trattenere i depositi dei clienti mentre le persone spostano contanti in fondi del mercato monetario per ottenere rendimenti più elevati.)

Quindi, se i tassi dovessero smettere di aumentare – sia i tassi di politica monetaria della Fed a breve termine che i rendimenti obbligazionari a lungo termine – i finanziamenti sarebbero ancora relativamente costosi rispetto alla storia, ma la situazione non peggiorerebbe. E le perdite del loro portafoglio obbligazionario non peggioreranno neanche.

Se i tassi scendono (sia a breve che a lungo termine), i loro voti obbligazionari miglioreranno e vedranno una pressione leggermente inferiore sui costi di finanziamento:

Le pressioni del NII si allentano, ma QT potrebbe fare il guastafeste

Il 2022 sarà l’anno della rivalutazione degli asset (positiva per i margini), il 2023 l’anno della rivalutazione dei depositi (negativa per i margini), il 2024 potrebbe essere una faticaccia dato il potenziale dei rendimenti degli asset di mitigare il rischio di rivalutazione dei depositi. I messaggi provenienti dai team di gestione delle banche suggeriscono di moderare le pressioni sui margini, ma 100 miliardi di dollari al mese in QT potrebbero fare il guastafeste. Non è irrealistico che alcune banche possano vedere una crescita QoQ NII il prossimo anno, soprattutto se la domanda di prestiti riemerge.

Ricordate quando la gente era scettica sull’idea che QT aumentasse i costi delle banche per trattenere liquidità/depositi? Non i tuoi amichevoli blogger di quartiere ad Alphaville.

See also  Amplificare il successo di Chandrayan, promuovere il temperamento scientifico: il governo alle banche

In ogni caso, ci sono molti avvertimenti qui, come sottolineano gli analisti:

Le cose potrebbero sempre andare male

Una ripresa dell’inflazione (= tassi di interesse significativamente più alti) ha il potenziale per più che invertire qualsiasi rimbalzo azionario. Inoltre, il ciclo del credito è in arrivo (solo la gravità è in discussione) poiché gli effetti ritardati dei tassi più alti raggiungono le imprese/consumatori. La nostra ipotesi di base rimane che il ciclo del credito sarà probabilmente più vicino ai primi anni 2000 (evento sugli utili) rispetto al 2008/09 (evento sul capitale). La nostra previsione presuppone che gli addebiti netti quasi raddoppino a 40 pb nel 2024 contro 23 pb nel 2023 in media; costi di provisioning del credito +20% su base annua.

COSÌ . . . una maggiore inflazione potrebbe portare a ulteriori aumenti dei tassi della Fed e distruggere l’intera idea. Le perdite derivanti dai prestiti e dai crediti concessi alle imprese e ai consumatori potrebbero rendere la strada difficile anche per le banche, dato l’aumento dei default aziendali e delle inadempienze sulle carte di credito.

Ma se vuoi provarci comunque, il team ha alcune idee:

Scegli i tuoi spot e aggiungi visibilità

Riteniamo che gli investitori dovrebbero aumentare selettivamente l’esposizione, soprattutto se sussistono due condizioni, i tassi di interesse di picco alle spalle e l’assenza di recessione negli Stati Uniti nel 2024 (= visione macro di BofA Global Research). Titoli che segnaliamo: Wells Fargo, US Bancorp, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Fifth Third, Keycorp, BNY Mellon, Northern Trust, Western Alliance, East West.

Inoltre, le due condizioni necessarie per questa prospettiva ottimistica sono incerte: gli Stati Uniti devono evitare una recessione nel 2024 E la Fed smetterà di aumentare i tassi nonostante la continua crescita.

See also  SC nega lo sgravio IBC ai garanti personali

Questo scenario sembra piuttosto… . . ottimista, nella migliore delle ipotesi. Sebbene sia possibile per l’economia americana continuare a crescere senza un’inflazione eccessiva, i funzionari della Fed ora sembrano completamente spaventati dalla stabilità dei prezzi. Quindi, secondo la Fed, la continua crescita potrebbe diventare di per sé una ragione per tassi più alti.

E cosa succede se c’è una recessione? È vero che le banche non faranno bella figura, dato il loro ruolo di intermediari per l’intera pericolosa economia.

Ma Perché sono gli intermediari per l’intera pericolosa economia, le più grandi banche globali avranno sicuramente un aspetto migliore delle aziende che non sono troppo grandi per fallire. Come forse – solo un’ipotesi – le banche di piccole e medie dimensioni con un’esposizione eccessiva al settore immobiliare commerciale?

Leave a Comment