Mercato azionario oggi: la maggior parte di Wall Street scivola mentre il mercato obbligazionario aumenta la pressione

NEW YORK (AP) – La maggior parte delle azioni statunitensi sono in ribasso lunedì mentre il costrittore dei tassi di interesse più alti stringe le sue spire attorno a Wall Street.

L’S&P 500 è sceso dello 0,4% nelle contrattazioni di mezzogiorno, uscendo dal mese peggiore dell’anno. A mezzogiorno, ora orientale, il Dow Jones Industrial Average è sceso di 193 punti, ovvero dello 0,6%, e il Nasdaq composite è salito dello 0,3%.

I crolli dei titoli petroliferi e del gas hanno pesato sul mercato dopo che i prezzi del greggio hanno restituito parte dei forti guadagni registrati dall’estate. Insieme a loro, la maggior parte dei titoli è scesa, con l’80% dei titoli S&P 500 in calo, ma i guadagni di Apple e di altri influenti titoli Big Tech hanno contribuito a limitare le perdite del mercato.

Dalla fine di luglio, le azioni hanno generalmente restituito circa il 40% dei forti guadagni dell’anno. Il motivo principale è la crescente accettazione da parte di Wall Street del fatto che gli alti tassi di interesse siano destinati a durare per un po’ la Federal Reserve cerca di abbassare l’inflazione elevata. Ciò a sua volta ha spinto i rendimenti dei titoli del Tesoro ai livelli più alti in più di un decennio, il che rende gli investitori meno disposti a pagare prezzi elevati per azioni e altri investimenti.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è salito di nuovo lunedì, al 4,69% dal 4,58% di venerdì scorso, ed è vicino al livello più alto dal 2007. Gli alti rendimenti spingono gli investitori verso obbligazioni che stanno pagando molto di più rispetto al passato, il che attira i dollari. lontano dalle azioni e ne riduce i prezzi.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street si mantiene più stabile mentre il suo svenimento di settembre si attenua un po'

Le azioni che pagano dividendi elevati con attività relativamente stabili soffrono particolarmente perché i loro investitori hanno maggiori probabilità di passare da azioni a obbligazioni. Ciò mette sotto i riflettori le società di servizi pubblici. PG&E è crollata del 5,7% e Dominion Energy è crollata del 5,3% registrando alcune delle perdite più marcate dell’indice S&P 500.

Gli alti tassi di interesse rendono inoltre i prestiti più costosi per tutti i tipi di società, il che può mettere sotto pressione i loro profitti. Da quando la Federal Reserve ha indicato il mese scorso che probabilmente nel 2024 i tassi non saranno così alti come previsto in precedenza, il valore del dollaro USA è aumentato anche rispetto ad altre valute. Ciò può significare un duro colpo per le società S&P 500, che ottengono una grossa fetta delle loro entrate dall’estero.

“Se i tassi più alti per un periodo più lungo manterranno il dollaro ai livelli recenti, i profitti aziendali si troveranno ad affrontare un vero ostacolo”, secondo Lisa Shalett, chief investment officer di Morgan Stanley Wealth Management.

L’economia americana nel suo insieme ha finora resistito, sfidando le previsioni secondo cui sarebbe ormai caduta in recessione.

Il manifatturiero è stato un settore che ha sentito il peso dei tassi più alti, e i rapporti di lunedì suggerivano che fosse ancora in contrazione, anche se forse non tanto quanto previsto. Un rapporto dell’Institute for Supply Management afferma che la produzione statunitense si è contratta a settembre per l’undicesimo mese consecutivo.

Ancora più incoraggiante per Wall Street è che il rapporto indicava anche un calo dei prezzi a settembre. Ciò potrebbe significare una minore pressione sull’inflazione, che recentemente ha risentito del rapido aumento dei prezzi del petrolio.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street avanza per estendere la sua serie di vittorie consecutive a 8 giorni mentre il petrolio scende di nuovo

Lunedì i prezzi del petrolio greggio sono scesi dopo essere saliti dai 70 dollari durante l’estate. Un barile di greggio americano è sceso dell’1,5% a 89,44 dollari. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è crollato dell’1,2% a 91,12 dollari.

Il calo del petrolio ha trascinato al ribasso i titoli del settore energetico. Exxon Mobil è scesa del 2,1% e Chevron ha perso l’1,8%.

SmileDirectClub è crollato del 62% a 16 centesimi dopo che la società che aiuta le persone a raddrizzare i denti ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11.

Sul lato vincente di Wall Street, Discover Financial Services è balzata del 5,7% ottenendo il maggior guadagno dell’indice S&P 500. La società ha fornito dettagli su un ordine di consenso ricevuto dalla Federal Deposit Insurance Corp, che richiedeva a Discover Bank di migliorare il suo sistema di gestione della conformità dei consumatori . Gli analisti hanno sottolineato come Discover non abbia ricevuto alcuna multa, il che potrebbe essere visto come un fatto positivo per il titolo.

Congresso nel fine settimana evitato un arresto del governo federale, che ha minacciato di danneggiare l’economia e di interrompere la pubblicazione dei dati economici che Wall Street ritiene cruciali. Ma Capitol Hill ha ritardato solo temporaneamente la minaccia, promettendo un’altra resa dei conti. Inoltre, i trader sono ben consapevoli che il mercato azionario ha retto piuttosto bene durante le chiusure passate.

Nei mercati azionari esteri, gli indici erano più bassi in gran parte dell’Europa.

In Asia, il Nikkei 225 giapponese è scivolato dello 0,3% nonostante un sondaggio dalla banca centrale che mostra che la fiducia delle imprese è in aumento.

See also  La Settimana d'Oro cinese offre un impulso economico, ma i problemi immobiliari persistono

___

Hanno contribuito gli scrittori di AP Business Matt Ott ed Elaine Kurtenbach.

Leave a Comment