Molti in Niger soffrono a causa delle sanzioni legate al colpo di stato. I sostenitori della giunta lo definiscono un degno sacrificio

Contenuto dell’articolo

NIAMEY, Niger (AP) – Hamsa Diakite non riesce a ricordare l’ultima volta che la sua famiglia di otto persone ha mangiato bene.

Una volta li ha sostenuti vendendo pane fritto fino a quando un colpo di stato in Niger tre mesi fa ha portato alle sanzioni contro la nazione dell’Africa occidentale, comprimendo i redditi in uno dei paesi più poveri del mondo e lasciando milioni di persone come Hamsa in difficoltà in assenza di aiuti.

Contenuto dell’articolo

“Non solo il cibo è molto costoso, ma anche il materiale scolastico è raddoppiato. Devo anche vestire i miei figli e, soprattutto, affrontare le loro malattie”, ha detto il 65enne.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Dopo che i soldati d’élite hanno rovesciato il presidente democraticamente eletto del Niger Mohamed Bazoum il 26 luglio, il paese ha dovuto affrontare sanzioni economiche da parte del blocco regionale dell’Africa occidentale, ECOWAS, nonché da paesi occidentali ed europei, compresi gli Stati Uniti, che avevano fornito aiuti per esigenze sanitarie, di sicurezza e infrastrutturali.

See also  "Un missile può arrivare in qualsiasi momento": le imprese ucraine sfidano l'incertezza nonostante le minacce incombenti

I vicini hanno chiuso i confini con il Niger e oltre il 70% dell’energia elettrica, fornita dalla Nigeria, è stata tagliata dopo la sospensione delle transazioni finanziarie con i paesi dell’Africa occidentale. I beni del Niger nelle banche esterne furono congelati e centinaia di milioni di dollari in aiuti furono trattenuti.

Le sanzioni sono le più severe mai imposte dal blocco regionale nel tentativo di arginare l’ondata di colpi di stato nella volatile regione africana del Sahel, ma hanno avuto un impatto minimo o nullo sulle ambizioni della giunta.

Invece, hanno colpito duramente gli oltre 25 milioni di abitanti del Niger.

“Stiamo rapidamente esaurendo i fondi e i medicinali. La gente sta finendo il cibo”, ha detto all’Associated Press Louise Aubin, coordinatrice residente delle Nazioni Unite in Niger. Da allora la giunta le ha detto di lasciare il Niger a causa delle accuse secondo cui l’organismo globale sta bloccando la partecipazione del paese alle sue attività. L’ONU non ha commentato le accuse.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Aubin ha detto che ci sono state “risposte positive” da parte dei vicini del Niger all’idea di riaprire le frontiere per un corridoio umanitario, ma non ha fornito dettagli.

Terza nazione meno sviluppata al mondo, secondo le stime delle Nazioni Unite, il Niger nel 2021 ha ricevuto 1,77 miliardi di dollari in assistenza, più della metà per aiuti umanitari, infrastrutture e servizi sociali. Tutto è ora in pericolo.

Anche il bilancio del Paese per il 2023, che avrebbe dovuto essere in gran parte finanziato attraverso il sostegno esterno da parte di donatori e prestiti, ora trattenuto, è stato tagliato del 40%.

Invece di scoraggiare i soldati che hanno deposto Bazoum e tenerlo agli arresti domiciliari, le sanzioni hanno incoraggiato la giunta. Ha istituito un governo di transizione che potrebbe restare al potere fino a tre anni.

See also  Una società dell'Illinois richiama 61.000 casseforti biometriche per armi a causa di un malfunzionamento potenzialmente mortale

Ciò sembra avere il sostegno di molti nigerini che ritengono che il governo democratico abbia operato al di sotto delle loro aspettative, secondo Seidik Abba, ricercatore nigeriano e presidente del think tank del Centro internazionale di riflessione per gli studi sul Sahel.

Anche se sentono il peso delle sanzioni, molte persone nelle strade di Niamey, la capitale, dicono di sostenere il colpo di stato. Respingono le preoccupazioni dell’Occidente, che vedeva nel Niger l’ultimo partner strategico rimasto nella lotta contro il terrorismo nel Sahel.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

“I militari vedono che il popolo li sostiene, quindi usano quel sostegno come strumento di legittimità per mantenere il potere”, ha detto Abba. Per alcuni sostenitori della giunta, le difficoltà portate dalle sanzioni sono un degno sacrificio, ha aggiunto.

“L’amore per la patria ci ha fatto dimenticare i momenti difficili che sta attraversando l’intero Paese”, ha detto Abdou Ali, uno dei sostenitori della capitale. “A nessuno importa di questo aumento del prezzo dei beni”.

Gli operatori umanitari e altri osservatori che lavorano con la popolazione locale potrebbero non essere d’accordo.

“Stiamo cercando di rispondere a una situazione catastrofica per il paese”, ha affermato la dottoressa Soumana Sounna Sofiane, segretaria generale del sindacato dei farmacisti del Niger.

Molte farmacie in tutto il Niger stanno esaurendo le scorte essenziali in un momento in cui il paese affronta emergenze sanitarie pubbliche, incluso il colera. Alla disperata ricerca di una soluzione, le farmacie hanno iniziato a fornire ai pazienti farmaci alternativi a quelli di cui hanno bisogno.

Anche il cibo scarseggia. L’aumento dell’inflazione e gli alti prezzi dei prodotti alimentari stanno “incidendo in modo significativo sulla capacità delle comunità di far quadrare i conti”, ha affermato l’ufficio nazionale del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. L’agenzia ha affermato che 3,3 milioni di persone in Niger si trovavano ad affrontare una grave insicurezza alimentare anche prima del colpo di stato.

Pubblicità 5

Contenuto dell’articolo

Il Niger è il secondo paese più grande dell’Africa occidentale per estensione, ma non ha sbocco sul mare, il che lo rende fortemente dipendente dal commercio con i vicini, che ora si è interrotto. Le forniture alimentari e farmaceutiche sono state tra i principali prodotti importati lo scorso anno.

Ora, al confine con il Benin, camion carichi di merci e generi di prima necessità sono in fila per diversi chilometri in attesa di entrare in Niger, anche se alcuni sono in transito verso altri paesi.

See also  I guadagni occupazionali sono insufficienti: cosa dicono gli economisti

Più di 9.000 tonnellate (9.920 tonnellate) di carichi del WFP, compresi alimenti specializzati per il trattamento e la prevenzione della malnutrizione, destinati al Niger e al vicino Burkina Faso, rimangono bloccati tra il Benin e il Togo, ha affermato l’agenzia alimentare delle Nazioni Unite.

Il coordinatore residente delle Nazioni Unite teme che l’obiettivo di raggiungere almeno l’80% dei 4,4 milioni di persone target con aiuti umanitari in Niger quest’anno potrebbe essere in pericolo.

Per molte famiglie, le sanzioni le colpiscono nel profondo.

Secondo la Banca Mondiale, quasi un nigeriano su cinque è allevatore di bestiame. Sono riusciti a esportare animali vivi per un valore di 10 milioni di dollari in Nigeria nel 2021, ma ora sono alla disperata ricerca di un mercato alternativo.

Pubblicità 6

Contenuto dell’articolo

In Niger i prezzi dei beni di prima necessità stanno aumentando. Un sacco di riso da 25 chilogrammi (55 libbre), il principale alimento di base, è aumentato di oltre il 50% da quando sono state imposte le sanzioni.

“Le nostre scorte si stanno esaurendo da un giorno all’altro, poiché nulla attraversa i confini per rifornirci. Quando le scorte finiranno, chiuderemo semplicemente i nostri negozi”, ha detto Ambouta Idrissa, direttore di un grande deposito di cereali a Niamey.

Altre attività hanno chiuso dopo aver sostenuto costi aggiuntivi per far funzionare i generatori dopo che la Nigeria ha interrotto la fornitura di energia elettrica.

Per i nigerini come Diakite, che fatica a nutrire la famiglia, la preoccupazione principale è impedire ai figli di andare a letto a stomaco vuoto. Ha detto che le sue speranze svaniscono ogni giorno che passa.

“Per quanto tempo possiamo resistere?” lei chiese.

——

Asadu ha riferito da Abuja, Nigeria.

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Leave a Comment