Obbligazioni verdi (lavaggio) in Brasile: come le banche europee sono collegate alla deforestazione e alla schiavitù

Gli attivisti ambientali hanno portato sotto i riflettori investimenti controversi, sostenendo che le principali banche europee sono legate ad aziende che danneggiano le specie minacciate, si impegnano nella deforestazione e in altre pratiche ambientali discutibili.

ANNUNCIO

Le banche europee, tra cui la svizzera UBS, la britannica HSBC e la spagnola Santander, sono state gettate sotto i riflettori dopo che due recenti rapporti le hanno collegate a significativi danni ambientali.

Le rivelazioni arrivano mentre questi investimenti “verdi”, così chiamati perché realizzati per finanziare attività rispettose dell’ambiente, sono sempre più sotto esame: la Financial Conduct Authority** del Regno Unito sta indagando** sul mercato dei prestiti legati alla sostenibilità, mentre un nuovo Il prossimo anno entrerà in vigore il Regolamento sui Green Bond, un gold standard che mira a eliminare qualsiasi greenwashing dal mercato obbligazionario.

Come i “green bond” brasiliani collegano le banche europee alle accuse di deforestazione e lavoro forzato

Al centro delle accuse c’è il mercato dei green bond in Brasile, nel quale, secondo l’attivista ambientalista Greenpeace, UBS e Santander, tra le altre banche non europee, hanno agito come intermediari.

Le banche hanno aiutato gli investitori ad acquistare asset di investimento verdi, secondo un rapporto del progetto di giornalismo investigativo Unearthed di Greenpeace, che ha generato fondi che sono stati infine utilizzati per finanziare società controverse tra cui disboscatori, accaparratori di terre e allevatori accusati di lavoro forzato in Brasile.

Le banche che orchestrano queste transazioni obbligazionarie definiscono il prezzo delle obbligazioni e le vendono agli investitori in cambio di una commissione, che di solito è compresa tra il 3% e il 5% dell’offerta totale.

Le accuse si concentrano sui cosiddetti Agribusiness Receivables Certificates (CRA), un titolo garantito da attività che rappresenta un investimento nel settore agroalimentare, finanziando chi opera sul campo nella speranza di un consistente ritorno sull’investimento.

Questi sono chiamati green bond e sono stati inizialmente creati per sostenere le pratiche sostenibili degli agricoltori brasiliani su piccola scala.

Ma in realtà il mercato si è gonfiato di circa 8 miliardi di euro e le obbligazioni spesso finanziano le grandi aziende e i loro fornitori.

Sono questi legami che hanno legato le banche europee alle rivendicazioni di deforestazione e persino di condizioni di lavoro simili alla schiavitù.

See also  I prezzi delle case nel Regno Unito stanno crollando al ritmo più rapido degli ultimi dieci anni

Secondo Unearthed, UBS ha aiutato il commerciante di cereali brasiliano Caramaru a raccogliere fondi per un valore di 66,5 milioni di euro presso le agenzie di rating del credito nell’ottobre 2021.

Parte del denaro è finito nelle mani dei fornitori di soia di Caramuru, ha detto Unearthed, alcuni dei quali hanno alle spalle una storia di deforestazione illegale e di accaparramento di terre. Un altro è stato addirittura denunciato per presunto lavoro assimilato agli schiavi.

Caramuru nega ogni illecito, sostenendo di monitorare la conformità ambientale di tutti i suoi fornitori e che la società non ha fatto affari con tutti i fornitori. Pertanto, “è possibile affermare che la soia non è stata acquistata da luoghi con problemi di deforestazione illegale o accaparramento di terre, né da aziende agricole con lavori simili alla schiavitù”, ha affermato la società.

Da parte sua, UBS ha affermato di non “fornire consapevolmente servizi finanziari o di consulenza ai clienti” associati a danni a foreste ad alto valore di conservazione, lavoro minorile e lavoro forzato, tra le altre pratiche.

UBS non è l’unica banca europea nel mirino. Secondo Unearthed, la spagnola Santander è stata coinvolta nella raccolta di fondi per un importo di 280 milioni di euro in CRA per JBS, la più grande impresa di lavorazione della carne al mondo, nell’agosto 2023.

JBS ha ammesso nel 2022 di aver acquistato bestiame da un allevatore che i pubblici ministeri hanno definito “uno dei più grandi disboscatori del Brasile”, nonostante affermi di avere regole rigide e autoimposte su con chi fa affari.

Santander ha anche aiutato Uisa, uno dei maggiori produttori di etanolo e zucchero al mondo, a emettere un CRA verde da 150 milioni di R$, per un compenso di circa 710.000 euro.

Uisa ha ricevuto una dozzina di multe ambientali per deforestazione illegale ed è stata anche responsabile della fuoriuscita di materiale tossico in un fiume vitale per la popolazione indigena Umatina nello stato brasiliano del Mato Grosso.

Come UBS, Santander afferma di avere un regolamento rigoroso per eliminare i rischi ambientali e sociali nelle sue attività, quest’ultima affermando che le CRA sono regolamentate dalla Securities and Exchange Commission brasiliana.

ANNUNCIO

“Santander dispone di forti processi di governance per garantire il rispetto degli standard di mercato richiesti”, ha affermato la banca in una nota.

See also  Il sindacato degli scrittori ratifica il contratto con gli studios di Hollywood: NPR

Come le banche europee potrebbero danneggiare ulteriormente le specie minacciate

A parte il rapporto Unearthed, un nuovo studio dell’Environmental Investigation Agency (EIA) ha collegato 62 banche e istituzioni finanziarie, tra cui alcune in Europa, al danneggiamento di specie animali minacciate.

Il rapporto afferma che le banche hanno investito in tre società che producono la medicina tradizionale cinese, utilizzando leopardo e parti di pangolino. Entrambi gli animali sono classificati come specie altamente minacciate, a un passo dall’essere considerati in via di estinzione.

Si dice ancora una volta che UBS abbia investito nelle società, ma lo sono anche l’istituto di credito britannico HSBC e La Deutsche Bank tedesca. Secondo il rapporto, tutti e tre sono membri della task force finanziaria United for Wildlife (UfW) della Royal Foundation, lanciata nel 2018 per fermare il traffico di animali selvatici.

Secondo il rapporto HSBC e Deutsche Bank non sono investitori diretti nelle società cinesi, ma sono collegate ad esse tramite società di gestione patrimoniale. Affermano che questi investimenti sono avvenuti attraverso fondi passivi – un tipo di investimento automatico, che convoglia il denaro in azioni basate su un indice collegato, riferisce la BBC.

ANNUNCIO

UBS non ha risposto a una richiesta di commento.

Sia il rapporto EIA che quello Unearthed sono solo due dei tanti che pretendono di far luce sull’impatto che le pratiche commerciali delle principali banche hanno sull’ambiente.

L’aggravarsi dei pericoli del cambiamento climatico ha spinto gli investitori e le aziende di tutto il mondo a rivolgersi sempre più verso prodotti finanziari verdi, comprese le obbligazioni verdi, e a presentarsi come aziende sostenibili che si prendono cura dell’ambiente.

Tuttavia, anche il concetto di greenwashing, che si riferisce a quando un’azienda fa affermazioni fuorvianti sull’effetto positivo che ha sull’ambiente, si profila sempre più ampio.

Secondo RepRisk, un fornitore svizzero di dati ambientali, sociali e di governance aziendale, il numero di casi di greenwashing da parte di banche e società di servizi finanziari in tutto il mondo è aumentato del 70% negli ultimi 12 mesi.

ANNUNCIO

L’Ue mette fine al greenwashing

L’Unione Europea spera di arginare il flusso di greenwashing con il suo nuovo regolamento europeo sui Green Bond, che dovrebbe entrare in vigore nel 2024.

See also  Due casinò di Las Vegas sono stati vittime di attacchi informatici, mandando in frantumi l'immagine di impenetrabile sicurezza dei casinò

Introdurrà sanzioni legali per qualsiasi pratica commerciale ingannevole legata alla sostenibilità e all’ambiente.

Le norme recentemente approvate contro il greenwashing nel mercato obbligazionario includono un sistema di registrazione e un quadro di supervisione.

Secondo le nuove normative, società emittenti green bond dovranno rivelare maggiori informazioni sulle loro pratiche con particolare riguardo per mostrare come questi investimenti alimentano i piani delle aziende di transizione verso un’economia a zero emissioni nette di carbonio.

La nuova legge specifica inoltre che almeno l’85% dei fondi raccolti dovrà essere destinato alle attività sostenibili secondo il diritto dell’UE.

ANNUNCIO

Allo stesso tempo, l’Autorità bancaria europea richiederà alle banche di pubblicare nei loro libri contabili il cosiddetto green asset ratio, una percentuale di asset ambientalmente sostenibili.

Un sistema di classificazione comune – la tassonomia dell’UE – definirà ciò che rende un bene “verde”.

Le banche svizzere si battono per l’autoregolamentazione

L’UE non è la sola a voler regolamentare il greenwashing: Reuters riferisce che il governo svizzero considererà la questione come parte di un piano per introdurre una regolamentazione statale complessiva sulla finanza sostenibile nel paese.

Secondo l’associazione industriale Swiss Sustainable Finance, nel 2022 la Svizzera, un enorme centro per la gestione patrimoniale e patrimoniale, ha registrato investimenti sostenibili per un totale di circa 1,6 trilioni di franchi svizzeri (1,69 trilioni di euro).

Secondo la Reuters, l’Associazione svizzera dei banchieri, che rappresenta istituti di credito come UBS e Julius Baer nonché le banche più piccole svizzere, vuole continuare con l’autoregolamentazione piuttosto che sottoporsi a norme governative più severe.

ANNUNCIO

Anche UBS, la più grande banca del paese con 5,5 trilioni di dollari di asset investiti, sostiene l’autoregolamentazione, affermando che stabilisce uno “standard minimo”.

“C’è un’ondata di regolamentazione in arrivo per le banche svizzere… le colpirà davvero”, ha affermato Daniel Schmid Perez della società di consulenza bancaria ZEB.

Egli stima che i costi complessivi per gli istituti di credito per adeguare i loro processi si aggirerebbero tra i 100 e i 200 milioni di franchi. Eppure molti ritengono che ne valga la pena sostenere la sostenibilità nello sforzo di evitare il disastro climatico.

Leave a Comment